Musicoterapia

Centro Studi e Ricerche di Psicologia e Psicopatologia
A Barcellona Pozzo di Gotto (ME)

800 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Barcellona pozzo di gott...
  • 600 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: A conoscere la Musicoterapia.
Rivolto a: Da consultare con il centro.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Barcellona Pozzo di Gotto (ME)
Via Degli Studi n. 98, 98051, Messina, Italia

Domande più frequenti

· Requisiti

Diploma di scuola media superiore.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

Programma del Corso
-Elementi centrali del Corso sono:
- Ricerca e formazione a carattere interdisciplinare e al tempo stesso di impianto specifico nella disciplina;
- Studio approfondito dei modi e canali più fondamentali, comuni ed efficaci per la comunicazione umana, a partire dai linguaggi del corpo;
- Continuità tra questi e i vari modi e canali comunicativi ed espressivi, i codici e linguaggi socialmente stabiliti, le pratiche artistiche;
- Elaborazione di originali strumenti interlinguistici e interculturali ai fini dell’integrazione;
- Integrare su basi semiotiche e psico-antropologiche la formazione di insegnanti, educatori, operatori socioculturali.

Così divisi:

- Elementi base di Musica.
- Filosofie e teorie della Musicoterapia.
- Metodi della Musicoterapia (analitico, creativo, ricettivo e metodi specifici).
- Psicologia.
- Psicopatologia.
- Psicopedagogia clinica.
- Elementi di Neuropsicologia delle Emozioni.
- Pratica clinica.
- Training personale.

Le aree previste sono:

-Area musicale: Il programma si prefigge l’acquisizione da parte dell'allievo di competenze atte a decodificare il linguaggio sonoro/musicale, a comprendere e sviluppare consapevolmente sullo strumento le caratteristiche della propria identità, espressività e creatività musicale tramite tecniche improvvisative e compositive, e a fornire nozioni sulla semiologia e psicologia della musica, sulla etnomusicologia, sulla teoria musicale, sul solfeggio, sull'armonia e sull'acustica.
-Area musicoterapica: Il programma si prefigge di descrivere la disciplina e la professione e di determinare i comportamenti professionali attraverso lo studio della teoria (presupposti scientifico-filosofici, metodologie e tecniche della musicoterapia), e delle tecniche di applicazione. Si prefigge inoltre di trasferire conoscenze nell’ambito della valutazione diagnostica funzionale, conoscenze sui concetti di deficit e di handicap, conoscenza sulla teoria dell’armonizzazione dell’handicap e conoscenze sulle tecniche di osservazione.
- Area medica: Il programma si prefigge di descrivere le principali patologie interessanti la musicoterapia e di trattare le problematiche inerenti all’integrazione del musicoterapista all’interno di un lavoro di équipe e nell’ambito di un progetto riabilitativo globale ed integrato. Inoltre si prefigge di trasferire conoscenze di Anatomofisiologia del Sistema Nervoso, di Neuropsicologia e di Neuropsichiatria infantile.
-Area psicologica: Il programma si prefigge l’acquisizione, da parte dell'allievo, di conoscenze finalizzate all’osservazione dell’essere umano per comprenderne i comportamenti. Inoltre verranno trattati elementi di Psicologia generale, di Psicologia dell'età evolutiva, di Psicopatologia, di Metodologia dell'osservazione e di dinamiche dei gruppi sufficienti alla gestione dei casi in Musicoterapia.

METODOLOGIA

Il biennio è articolato in 4 semestri.
Il percorso comprende momenti in cui si lavora in gruppo (lezioni frontali, laboratori, seminari, corsi di strumento collettivi) e momenti individuali.

L’area teorica si concentrerà sull’organizzazione delle competenze in:

> osservare e comprendere comportamenti adattavi e disadattivi;
> costruire, insieme all’utente e attraverso un processo sistematico, una relazione significativa basata sulla comunicazione non verbale e realizzata attraverso l’uso di tecniche sonoro-musicali;
> utilizzare metodologie volte e favorire la prevenzione dei disagi e delle devianze in età scolare, la riabilitazione di deficit sensoriali-neuropsicologici, motori, cognitivi, psicoaffettivi e sociali e, infine il superamento o armonizzazione dell’handicap derivante da tali deficit.
> elaborare un programma di intervento nello specifico musicoterapico sia per i trattamenti individuali sia per i trattamenti di gruppo;
> strutturare e destrutturare il setting delle sedute di musicoterapia;
> compilare i protocolli di seduta e di osservazione;
> compilare, curare e custodire le schede di valutazione all’inizio di un programma di intervento, le schede di testificazione durante il trattamento;
> rilevare la possibilità/necessità di interventi di consulenti esterni;
> integrare le attività di musicoterapista con quelle di altre professionalità all’interno di un lavoro di equipe e/o nell’ambito di un progetto riabilitativo/terapeutico “globale e integrato”;
> discutere i casi clinici in seno all’équipe multidisciplinare dove si approfondiscono gli aspetti diagnostici di natura funzionale;
> partecipare alla stesura di un piano riabilitativo;
> partecipare all’elaborazione del progetto educativo/sociale e di integrazione individuale.

Abilità operativa in:

> uso di tecniche sonoro musicali orientate alla stabilizzazione di una relazione musicoterapeutica significativa;
> uso di tecniche musicali volte alla composizione e all’improvvisazione;
> uso di apparecchiature e strumenti volto alla produzione e alla riproduzione di eventi sonoro-musicali;

Competenze relazionali in:

> Disposizione ad accettare l’altro indipendentemente dalle sue convinzioni religiose, dalle sue appartenenze politiche e dalle sue provenienze etniche e sociali;
> Consapevolezza delle proprie dinamiche personali attivate nella relazione di aiuto;
> Capacità nell’accogliere il bisogno di esplorazione e creatività dell’utente valorizzando opportunamente le sue proposte e iniziative al fine di generare motivazione al miglioramento;
> Capacità nel partecipare alla relazione con la propria emotività, sapendola governare ed essendo consapevoli del proprio ruolo;
> Abilità nel riconoscere all’istante la risposta adeguata da dare all’utente, specialmente nei momenti di crisi relazionale;
> Capacità nel riconoscere le parti sane dell’utente e nel mettere a disposizione della relazione quelle proprie.

La figura professionale del Musicoterapista

Nel tempo, insieme all’assestamento metodologico, si è andato a definire così un referente professionale specifico (il musicoterapista) fornito di particolari competenze afferenti le aree musicale, medica e psicologica che fosse in grado di applicare processi sistematici di intervento (con un approccio sia pedagogico che clinico) e che potesse inserirsi in modo funzionale all’interno di équipe multidisciplinari.
La sua formazione si basa infatti sull’acquisizione di:
a) capacità espressive e comunicative (creatività e abilità nell’improvvisazione musicale);
b) capacità nell’elaborare progetti di intervento metodologicamente corretti;
c) capacità nell’integrare la propria professionalità nel lavoro di équipe;
d) maturità ed equilibrio per affrontare le complesse problematiche connesse alla professione;
e) consapevolezza delle proprie dinamiche personali attivate nella relazione d’aiuto.
Queste competenze, che vengono acquisite attraverso un “training” che interessa la sfera musicale, quella psicodinamica, quella pedagogica, quella clinica e delle “artiterapie”, si evidenziano nell’approccio che egli ha con l'utente e con le altre figure professionali che ruotano intorno al “caso”.

Ulteriori informazioni

Alunni per classe: 20

Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto