Operatore Socio-Sanitario

Centro Professionale Europeo Leonardo
A Cagliari

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Qualifica professionale
  • Cagliari
Descrizione

Obiettivo del corso: Le azioni proposte sono volte alla formazione di una nuova figura professionale, l'Operatore Socio Sanitario (OSS), che opera concompetenze integrate tra l'area propriamente sanitaria (strutture sanitarie, ospedali, case di cura, residenze assistite) e quella socio assistenziale (servizi territoriali per il sostegno ai minori, alle persone con disturbo mentale, alle persone con problemi.
Rivolto a: Consultare con il centro.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Cagliari
Viale Poetto 312, 09126, Cagliari, Italia
Visualizza mappa

Programma

In attuazione di quanto previsto nell'accordo sancito dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 22 febbraio 2001, che disciplina provvisoriamente il profilo professionale dell'operatore socio sanitario e definisce l'ordinamento didattico dei relativi corsidi formazione, ed alla Deliberazione della Giunta regionale del 29.04.2003 n. 13/84, la Regione Sardegna ha avviato il Piano "Carlo Urbani" qualificazione professionale del personale attualmente occupato presso le strutture sanitarie e/o socio assistenziali pubbliche o private, mettendo a disposizione importanti risorse finanziarie rese disponibili dall'Unione Europea attraverso il POR.

Le azioni proposte sono volte alla formazione di una nuova figura professionale, l'Operatore Socio Sanitario (OSS), che opera concompetenze integrate tra l'area propriamente sanitaria (strutture sanitarie, ospedali, case di cura, residenze assistite) e quella socio assistenziale (servizi territoriali per il sostegno ai minori, alle persone con disturbo mentale, alle persone con problemi di dipendenza da sostanze psicoattive, alle persone con disabilità, servizi di assistenza domiciliare, ecc.)

Sulla base del fabbisogno rilevato dall'Assessorato dell'Igiene e Sanità e dell'Assistenza Sociale, il Programma "Carlo Urbani" intende giungere all'importante obbiettivo di garantire la qualificazione di circa 3.500 operatori, in servizio presso le strutture sanitarie e/o socio assistenziali pubbliche e private distribuite su tutto il territorio regionale, suddiviso in aree provinciali o interprovinciali, e ripartito nei seguenti lotti.

Forti dell'esperienza ultradecennale maturata nel settore, l'AIAS, il Centro Professionale Europeo e l'Ente di Formazione Professionale BTE, sono risultati aggiudicatari, come ATS, dell'intervento previsto per le province di Nuoro e dell'Ogliastra, nelle quali sono state individuate oltre 500 richieste di accesso ai corsi che partiranno dal prossimo mese di settembre 2006

Ai sensi della Deliberazione della Giunta regionale del 29.04.2003, n° 13/84, e conformemente al verbale d'intesa concordato con le organizzazioni sindacali in data 13-6-2005, saranno destinatari delle attività formative in via prioritaria, il personale attualmente in servizio presso strutture socio/sanitarie e/o socio-assistenziali pubbliche o private accreditate che opera in attività di assistenza diretta, è inserito in équipe assistenziale in qualità di Operatore Tecnico Addetto all'Assistenza (OTA), Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari (ADEST) o Ausiliario Socio Sanitario (ASS).

Il riconoscimento della qualifica e del relativo credito formativo avviene secondo le disposizioni di cui all'art. 4. In caso di disponibilità di posti, potranno essere inseriti nei corsi anche coloro che operano in qualità di ausiliario o con altra qualifica, a condizione che tali soggetti siano impegnati in attività di assistenza diretta alla persona, secondo quanto sarà espressamente dichiarato dai responsabili delle strutture pubbliche e private coinvolte.

Le azioni formative prevedono il riconoscimento dei crediti formativi e professionali pregressi.

Il riconoscimento dei crediti formativi consente l'ammissione ad un corso di formazione di durata ridotta, sempre finalizzato al conseguimento della qualifica di Operatore Socio Sanitario. Il credito formativo riconosciuto è stato quantificato sulla base della Deliberazione della Giunta regionale del 29.04.2003, n° 13/84, comparando i contenuti della formazione acquisita con lo standard del profilo di Operatore Socio Sanitario. Esso risulta cosi stabilito: - 600 ore di credito formativo per i titolari di attestati OTA e ADEST (circa 900 operatori) ; 200 ore di credito formativo per i titolari di tutte le altre qualifiche (circa 2.600 operatori), laddove sia presente l'attestazione del responsabile conformemente a quanto disposto dall'art.3.

Pertanto la durata dei corsi di riqualificazione sarà pari a 400 ore per i titolari di attestati OTA e ADEST, secondo lo specificato programma didattico di cui all'allegato B) della Deliberazione 13/84 del 29.04.2003, "Itinerario formativo per il personale dipendente delle strutture pubbliche e private accreditate con la qualifica di OTA"; 800 ore per i titolari di attestati ASS o altre qualifiche (individuate sulla base del precedente art. 3), secondo lo specificato programma didattico di cui all'allegato C) della Deliberazione 13/84 del 29.04.2003, "Itinerario formativo per il personale dipendente delle strutture pubbliche e private accreditate con la qualifica di ASS". Per il riconoscimento dei crediti formativi da attribuire a tali figure occorre fare riferimento al verbale d'intesa del 13-6-2005 e a quanto disposto, in sua applicazione, dall'art. 3.

Per l'esame di tutti i casi dubbi che dovessero presentarsi, sarà istituita, per ciascun corso, un'apposita Commissione per la comparazione dei percorsi formativi posseduti con il modello formativo integrale per la qualificazione dell'OSS. La commissione avrà inoltre il compito di vigilare sulla regolare applicazione dei criteri individuati, di supportare le commissioni preposte ad esaminare le ammissioni, nonché di intervenire in caso di controversia tra i corsisti e gli organismi attuatori sulla valutazione dei crediti riconosciuti. La Commissione dovrà operare secondo criteri oggettivi e modalità applicative espressamente individuate attraverso atto emanato di concerto fra gli organi assessoriali competenti.

Le proposte da presentare devono quindi interessare l'attuazione di attività formative di durata ridotta (rispetto alle 1000 ore previste dalla Deliberazione 13/84 del 29.04.2003) rivolte esclusivamente al personale dipendente, di cui alla rilevazione del fabbisogno individuato dall'Assessorato dell'Igiene e Sanità e dell'Assistenza Sociale ed in possesso dei succitati titoli professionali, secondo gli specifici percorsi previsti nell'Allegato B) e C) della Deliberazione 13/84 del 29.04.2003.

Sedi corsuali prioritarie sono state quelle di Nuoro e Lanusei ma, nell'ottica di agevolare la fruizione della formazione nei punti strategici delle due province coinvolte, è stato possibile - grazie alla straordinaria partecipazione delle amministrazioni comunali interessate - localizzare gli interventi anche nei comuni di Borore, Sorgono, Jerzu. L'azione ha consentito di riqualificare oltre 500 candidati.