Organizzazione e gestione del patrimonio culturale e ambientale

Università degli Studi di Napoli
A Napoli

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Napoli
Descrizione

L'Università degli Studi di Napoli presenta a continuazione il programma pensato per migliorare le tue competenze e permetterti di realizzare gli obiettivi stabiliti. Nel corso della formazione si alterneranno differenti moduli che ti permetteranno di acquisire le conoscenze sulle differenti tematiche proposte. Inscriviti per poter accedere alle seguenti materie.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Napoli
C.so Umberto I, 000, Napoli, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Gestione
Organizzazione
Patrimonio culturale

Programma

  • Classe di Laurea: LM-76 Scienze economiche per l'ambiente e la cultura
  • Tipo di corso: Specialistico/Magistrale
  • Area didattica: Studi umanistici
  • Scuola: Scuola delle Scienze Umane e Sociali
  • Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici
  • Durata: 2 anni
  • Accesso al Corso: Laurea di 1° livello
  • Coordinatore: Prof. Stefano Consiglio
  • Sito Web: studiumanistici.dip.unina.it
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Studi Umanistici
  • Sportello di Orientamento:
    • Sede: Via Porta di Massa,1 - 80133 Napoli
    • Telefono: 081-2535523
    • Fax: 081-5527818
    • e-mail: letterefilosofia.orienta@unina.it
    • Referente: prof. Francesco Bifulco
  • Obiettivi specifici:

    Il corso di laurea magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale ed Ambientale ha l'obiettivo di realizzare un percorso formativo innovativo, legando l'approfondimento delle conoscenze umanistiche a quelle manageriali, attraverso un approccio fortemente interdisciplinare.
    Per tale via si propone di dare evidenza alla comprensione della complessità del contesto culturale ed ambientale che gode di attenzione e di attese crescenti da parte dei fruitori e di molti operatori, vista l'attuale maggiore presenza di iniziative di valorizzazione e promozione, e la previsione di un più significativo ruolo degli investimenti pubblici e privati.
    La figura professionale da formare deve essere in grado di organizzare e gestire beni ed eventi culturali ed ambientali. In tale ottica, i laureati possono trovare collocazione come responsabili di iniziative e/o eventi in diverse realtà pubbliche e private che operano in differenti ambiti (archeologico, artistico, conservativo, librario, musicale, multimediale, ecologico, turistico, ecc.).
    Il percorso formativo integra la conoscenza approfondita dei principali temi culturali ed ambientali (storico-artistici, museali, performing arts, territoriali/paesaggistiche), con l'acquisizione di conoscenze specifiche connesse di tipo economico, gestionale ed organizzativo, giuridico. Inoltre, gli studenti sono tenuti a saper utilizzare almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano.
    La struttura metodologica del percorso formativo intreccia modelli e tecniche, offrendo competenze scientifiche e professionalità d'alto profilo in grado di trasmettere agli studenti conoscenze unitamente a periodi formativi sul campo (tirocini), attivati attraverso convenzioni con partner esterni.

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Per l'ammissione al Corso di laurea Magistrale è richiesto il possesso della laurea triennale. Il conseguimento della laurea in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali presso il Dipartimento di Studi Umanistici (ex Facoltà di Lettere e Filosofia) dell'Università degli Studi di Napoli Federico II consente l'iscrizione al Corso di laurea magistrale. Gli studenti provenienti da altri corsi di laurea dello stesso Ateneo o da altri Atenei per potersi immatricolare dovranno possedere adeguate conoscenze in ambito umanistico, economico, aziendale e giuridico come specificato in sede di Regolamento didattico del corso, dove saranno anche previste modalità di verifica della adeguatezza della personale preparazione.

    Gli studenti provenienti da altri corsi triennali dello stesso dipartimento (o ex Facoltà), da altri Dipartimenti (o ex Facoltà) dello stesso Ateneo o da altri Atenei, laureati in corsi della stessa classe del corso di cui sopra o incardinati in classi diverse devono aver conseguito:

    • 24 CFU nelle discipline di base di tipo umanistico - settori scientifico-disciplinari: L-ANT/01, L-ANT/02, L-ANT/03, L-FIL-LET/01, L-FIL-LET/02, L-FIL-LET/03, L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/05, L-FIL-LET/06, L-FIL-LET/07, L-FIL-LET/08, L-FIL-LET/09, L-FIL-LET/10, L-FIL-LET/11, L-FIL-LET/12, L-FIL-LET/13, L-FIL-LET/14, L-LIN/01, L-LIN/04, L-LIN/07, L-LIN/12, L-LIN/14, L-OR/01, L-OR/02, L-OR/3, L-OR/04, L-OR/10, L-OR/14, L-OR/17, L-OR/23, M-DEA/01, M-FIL/01, M-FIL/02, M-FIL/03, M-FIL/04, M-FIL/05, M-FIL/06, M-GGR/01, M-GGR/02; M-STO/01, M-STO/02, M-STO/03, M-STO/04, M-STO/05, M-STO/06, M-STO/07;
    • 30 CFU nelle discipline caratterizzanti che riguardano i beni culturali e ambientali - settori scientifico-disciplinari: AGR/12, BIO/03, BIO/07, BIO/08, CHIM/01, CHIM/12, FIS/07, GEO/01, GEO/04, GEO/09, ICAR/12, ICAR/13, ICAR/15, ICAR/16, ICAR/17, ICAR/18, ICAR/19, ICAR/21, IUS/01, IUS/09, IUS/10, IUS/11, IUS/13, IUS/14, L-ANT/01, L-ANT/04, L-ANT/05, L-ANT/06, L-ANT/07, L-ANT/08, L-ANT/09, L-ANT/10, L-ART/01, L-ART/02, L-ART/03, L-ART/04, L-ART/05, L-ART/06, L-ART/07, L-ART/08, L-FIL-LET/01, L-FIL-LET/05, L-FIL-LET/13, L-LIN/01, L-OR/05, L-OR/06, L-OR/11, L-OR/16, L-OR/20, M-DEA/01, M-FIL/04, M-GGR/01, M-GGR/02, M-STO/08, M-STO/09, SPS/08, SPS/10;
    • 12 CFU nelle discipline dell'ambito Economico, Aziendale e Statistico - settori scientifico disciplinari: SECS-P/01, SECS-P/02, SECS-P/03, SECS-P/06, SECS-P/07, SECS-P/08, SECS-P/10, SECS-P/11, SECS-P/12, SECS-S/01, SECS-S/02, SECS-S/03, SECS-S/06.

    Lo studente che non avesse i requisiti richiesti deve colmare le eventuali lacune prima di iscriversi al CdLM.
    La Commissione Didattica verifica le conoscenze acquisite dagli studenti sulla base delle esperienze curricolari pregresse e istruisce le pratiche per il riconoscimento da parte del Consiglio di Corso di Laurea Magistrale dei titoli di studio acquisiti presso altre Facoltà o altri Atenei sia italiani che stranieri.

  • Prova finale:

    La laurea magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale si consegue dopo aver superato una prova finale, consistente nella discussione di un lavoro originale (dissertazione scritta o progetto), elaborato sotto la guida di uno o più relatori su un argomento relativo alle tematiche svolte nell'àmbito del Corso di Laurea Magistrale.
    Nella prova finale il laureando deve dimostrare di:

    • aver elaborato la propria tesi con originalità, approccio critico, aggiornamento bibliografico ed empirico, ed eventuale capacità progettuale;
    • saper comunicare in maniera chiara ed efficace i risultati della propria ricerca, evidenziando capacità di analisi e di sintesi.

    La valutazione complessiva, espressa in centodecimi, sarà determinata da una Commissione, sommando la media conseguita negli esami di profitto e la valutazione dell'elaborato e della discussione sostenuta dal candidato. E' possibile conseguire la laurea con lode a condizione che si registri l'unanimità della commissione.

  • Servizi Aggiuntivi:
    • BRAU - Biblioteca di Ricerca Area Umanistica - Piazza Bellini 59-60 80138 Napoli
    • Biblioteca del Nucleo bibliotecario di Geografia - Via Rodinò 22 (7° piano) Largo San Marcellino 10 (3° piano) - 80138 Napoli
    • Dip. Filologia moderna. Fondo "Battaglia": via Porta di Massa, 1 Napoli
    • Dip. Filosofia dei diritti dell'uomo e della libertà di religione: via Porta di Massa, 32
    • Aule Multimediali: via Porta di Massa (piano T)
  • Per approfondimenti:

    Scheda Universitaly


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto