Ortottica ed assistenza oftalmologica (abilitante alla professione sanitaria di Ortottista ed assistente di oftalmologia)

Università degli Studi di Roma La Sapienza
A Roma

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Roma
  • Quando:
    Da definire
Descrizione

Il corso è nato negli anni 70 come scuola diretta ai fini speciali, per poi diventare negli anni '90 Diploma Universitario, trasformatosi in seguito in Laurea di 1° livello. Al suo interno hanno esercitato il Prof. BAGOLINI, e l'ORTOTTISTA NANCY CAPOBIANCO. Attualmente il Presidente del Corso è il Prof. RAFFAELE MIGLIORINI, il Vice Presidente la Prof.ssa LOREDANA ARRICO e il Direttore Didattico il Dott. Alessandro Segnalini

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Da definire
Roma
Piazzale Aldo Moro, 5, 00185, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Il laureato al termine del percorso di studi sarà in grado di conoscere e saper applicare, in modo autonomo l’ intervento terapeutico riabilitativo idoneo utilizzando il ragionamento clinico come strumento guida al criterio di scelta all’ interno delle possibili opzioni che compongono le varie fasi del processo riabilitativo. Tale autonomia si realizzerà tramite la capacità di rispondere efficacemente ai bisogni di salute individuale e/o collettiva, come singolo operatore o in équipe multidisciplinare, optando per le migliori strategie terapeutiche, individuando gli approcci...

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Competenze
Oftalmologia
Assistente
Ortottica
Assistenza
Gestione
Apprendimento
Strumenti
Management

Programma

Il percorso formativo ha come obiettivi formativi specifici, definiti per ciascun profilo
professionale, la competenza alla quale concorre la conoscenza (sapere), l’attitudine e le
abilità pratiche/applicative (saper fare).
Il laureato in Ortottica e Assistenza di Oftalmogia deve possedere:
- una buona conoscenza dei fondamenti delle discipline propedeutiche (fisica,statistica,informatica, sociologia, pedagogia generale e sociale,logica e filosofia della scienza) e biologiche (biochimica,anatomia umana,biologia,fisiologia, patologia);
- una conoscenza approfondita delle discipline caratterizzanti la professione dell’Ortottista e Assistente di oftalmologia (D.M. del Ministero della Sanità 14 settembre 1994, n. 741) (Scienze Tecniche Mediche applicate , malattie dell’apparato visivo, pediatria generale e specialistica, psicologia clinica, fisica);
- conoscenze di discipline nell’ ambito delle scienze umane e psico-pedagogiche, delle scienze del management sanitario e di scienze inter-disciplinari e cliniche;
- familiarità con il metodo scientifico e capacità di applicare le raccomandazioni cliniche in situazioni concrete con adeguata conoscenza delle normative e delle problematiche deontologiche e bioetiche;
- capacità di comprensione e relazione con l’ utenza
- capacità di lavorare in équipe multidisciplinare, di interagire con colleghi e altri professionisti sanitari e non, di operare con definiti gradi di autonomia e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro;
- conoscenze necessarie per utilizzare metodologie e strumenti di controllo, valutazione e revisione della qualità;
- capacità di valutare e preparare preventivamente un setting riabilitativo adeguato alla terapia o all’esercizio terapeutico atto a garantire le migliori condizioni possibili sia per il paziente che per il terapista.
- competenze per partecipare alle diverse forme di aggiornamento professionale, nonché per partecipare ad attività di ricerca in diversi ambiti di applicazione.
- capacità di utilizzare la lingua inglese, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali;
- adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione del’ informazione;competenze per stendere rapporti tecnico-scientifici
Nella formulazione del Progetto la priorità è rappresentata dallo studio teorico/pratico delle Scienze dell’Ortottica e dell’assistenza di oftalmologia che si attua sia tramite lezioni frontali, esercitazioni, laboratori didattici che Tirocinio professionalizzante nei settori qualificanti l’ Ortottica e Assistenza di oftalmologia, come la valutazione delle funzioni motorie e sensoriali della visione e il trattamento di alcuni disturbi motori e sensoriali. La competenza e le capacità relazionali necessarie ad interagire con il paziente, la famiglia, il sistema istituzionale e professionale viene sviluppato tramite gli insegnamenti delle scienze umane, psicopedagogiche e la
formazione personale, all’interno del percorso di tirocinio finalizzate all’acquisizione di comportamenti e atteggiamenti indispensabili nella relazione terapeutica e nel rapporto
con l’ équipe multidisciplinare.
Gli insegnamenti sono articolati in moduli e sono svolti con lezioni frontali, esercitazioni in aula o in laboratorio. I risultati di apprendimento sono valutati con eventuali prove in itinere di autovalutazione per lo studente, e con una prova conclusiva orale, pratica o scritta, occasione per la verifica del raggiungimento degli obiettivi preposti, unica e contestuale per ogni insegnamento, necessaria per l’ acquisizione di crediti formativi. I risultati di apprendimento dell’ insegnamento di inglese e di tirocinio danno luogo ad una idoneità. Tutti gli altri insegnamenti danno luogo a valutazione con voto in trentesimi.
Per quanto concerne le attività professionalizzanti e di tirocinio, gli obiettivi fanno al Profilo Professionale e sono riportati sulla scheda di Tirocinio e approvati dal Consiglio del Corso di Laurea.
Lo studente ha disponibilità di 6 crediti per la preparazione della prova finale del Corso, presso strutture deputate alla formazione.
I laureati nella classe, ai sensi dell'articolo 56 del decreto ministeriale 17 Gennaio 1997, e successive modificazioni ed integrazioni, sono professionisti sanitari il cui campo
proprio di attività e responsabilità è determinato dai contenuti dei decreti ministeriali istitutivi dei profili professionali e degli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi universitari e di formazione post-base nonché degli specifici codici deontologici.
L’Ortottista e assistente di oftalmologia, al termine del percorso formativo, dovrà acquisire conoscenze (sapere), competenze (saper fare) e capacità di relazione (saper essere) con particolare riferimento ai seguenti campi:
RESPONSABILITA PROFESSIONALE: è l’ ambito che traduce l’ assunzione di responsabilità del professionista Ortottista e assistente di oftalmologia in tutto l’ agire professionale attraverso il raggiungimento delle seguenti competenze: nella condotta professionale impara ad agire rispettando il profilo professionale, il codice deontologico, le norme e le leggi relative alla professione, sviluppa specificità di competenze nei riguardi del paziente. Impara a comprendere le motivazioni e individuare le risorse personali del paziente. Agisce nell’interesse del paziente riconoscendo le sue capacità e abilità, le risorse umane e materiali disponibili. Esercita la propria autonomia nella pratica
clinica nel rispetto degli interessi del paziente. Interrompe prestazioni che si dilatano nel tempo non necessarie od efficaci.
CURA E RIABILITAZIONE: questo ambito si riferisce alle competenze che lo studente deve possedere per definire il progetto terapeutico-riabilitativo a partire dalle capacità e risorse emozionali, cognitive motorie e funzionali del paziente: Identificare le strategie nella Cura e Riabilitazione delle disabilità visive dagli strabismi all’ambliopia, nell’eseguire esami di diagnostica oftalmica (campo visivo, esami elettrofunzionali, studio del senso luminoso, del contrasto e della percezione dei colori, angiografia retinica, rifrazione, contattologia, pachimetria, topografia corneale, tonometria e tonografia, biometria ed ecografia oculare, aberrometria, HRT, HRF, GDx, GDx VCC, OCT);
EDUCAZIONE TERAPEUTICA: è un’ attività sanitaria tesa a sviluppare nella persona o nei gruppi, consapevolezza, responsabilità ed abilità in riferimento all’inserimento dei pazienti in ambiti educativi o terapeutici che prevede: l’ imparare a stendere un progetto di educazione visiva per l’inserimento di pazienti a scuola , nei Centri Diurni, nei Centri Socio-Educativi supportando gli operatori scolastici, saper identificare nell’ ambito del progetto riabilitativo gli interventi educativi necessari al paziente e alla sua famiglia. Saper stendere il Profilo Dinamico Funzionale assieme ad altre figure professionali per l’ inserimento del paziente a scuola o in altri ambiti sociali. Saper stendere e verificare il Progetto Educativo
PREVENZIONE: l’Ortottista e Assistente di oftalmologia dovrà essere in grado di individuare i bisogni di salute e di prevenzione della disabilità visiva attraverso: l’ individuare situazioni potenzialmente a rischio attraverso Screening, saper redigere in forma scritta la valutazione clinico-funzionale, saper individuare degli obiettivi riabilitativi a breve, medio e lungo termine per la stesura in equipe multidisciplinare del progetto riabilitativo, prevenire l’ attualizzazione di percorsi di sviluppo atipici nelle situazioni di rischio sia biologico che sociale, prevenire processi di esclusione del soggetto diversamente abile, favorendo la generalizzazione delle competenze apprese nel setting terapeutico ai contesti di vita.
GESTIONE/MANAGEMENT: comprende tutti gli strumenti gestionali (risorse, informazioni, aspetti economici) indispensabili per la corretta attuazione dell’agire quotidiano dell’ Ortottista e assistente di oftalmologia attraverso le seguenti azioni: identificare la natura del problema, analizzare, scegliere e interpretare, individuare la risoluzione del problema ricorrendo ad eventuali collaborazioni. Nella gestione del proprio lavoro saper riconoscere e rispettare ruoli e competenze, interagire e collaborare con equipe multiprofessionali, utilizzare Linee Generali e protocolli per uniformare le modalità operative. Nella gestione del rischio clinico, identificare e
segnalare le difficoltà. Saper utilizzare i sistemi informativi e informatici per analizzare i dati, Adattare le tecniche di ortottica in ogni situazione di difficoltà.
FORMAZIONE/AUTOFORMAZIONE: è il contesto nel quale l’Ortottista e assistente di oftalmologia si forma, sviluppa e consolida le proprie fondamenta culturali, attraverso le seguenti competenze: saper identificare gli obiettivi di apprendimento e formazione nel percorso formativo con coordinatore e tutor, saper valutare il raggiungimento degli obiettivi. Assumere la responsabilità della propria formazione e sviluppo professionale, autovalutare il raggiungimento degli obiettivi, riflettere e autovalutarsi nelle implementazioni delle proprie conoscenze e abilità
COMUNICAZIONE E RELAZIONE: Questo ambito definisce il sub-strato relazionale attraverso cui l’Ortottista e assistente di oftalmologia laureato applicherà la propria pratica professionale nel contesto complessivo, attraverso : il padroneggiare le competenze nel comunicare e relazionarsi con ilpaziente, la capacità di relazione e comunicazione attraverso modalità verbali e non verbali (postura, tono, mimica, sguardo, voce), il mantenere la relazione attraverso un ascolto attivo con la famiglia mediatore privilegiato ed indispensabile del progetto terapeutico, il gestire le dinamiche relazionali con altri professionisti, coordinatori e tutor, la capacità di interagire con i colleghi in equipe multidisciplinare e con operatori di altre strutture, il saper negoziare gli obiettivi con altri
professionisti, il riconoscere le necessità di supporto.
PERCORSO FORMATIVO: L’ insieme delle conoscenze che saranno acquisite dal laureato, pari a 180 CFU costituiranno il bagaglio culturale, scientifico e relazionale necessario ad acquisire la piena competenza professionale, e a comprendere, affrontare e gestire gli eventi patologici che richiedono l’ intervento riabilitativo e/o terapeutico e saranno conseguiti mediante la partecipazione a lezioni frontali, ad esercitazioni di laboratorio, lezioni pratiche in aule attrezzate con presidi riabilitativi, seguiti da docenti e tutor, oltre allo studio personale (biblioteca, banche dati) delle materie offerte dal CdL. In particolare, tramite le competenze biochimiche, fisiche, statistiche, anatomiche, fisiologiche,
patologiche, cliniche, chirurgiche, psicologiche e sociologiche conseguirà una solida base di conoscenza degli aspetti e delle funzioni biologiche integrate degli organi e apparati umani, della metodologia statistica per la rilevazione dei fenomeni che regolano la vita individuale e sociale dell’ uomo, dei concetti di emergenza e primo soccorso in stretta interazione con le discipline caratterizzanti il CdL. Realizzerà il costrutto della professione anche tramite caratterizzanti competenze in scienze dell’ortottica e assistenza di oftalmologia e nelle malattie dell’apparato visivo, che consentiranno l’ apprendimento dei concetti fondamentali delle scienze umane e del comportamento, dell’ etica e della deontologia professionale nonché elementi di gestione e management professionale, utili allo sviluppo professionale nei contesti di lavoro.

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto