Patentino ciclomotori

SAR (Società Autoscuole Riunite) srl
A Belluno

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Belluno
  • 12 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Al conseguimento del Patentino ciclomotori.
Rivolto a: Per la guida dei ciclomotori occorre aver compiuto 14 anni di età ed essere in possesso certificato di idoneità alla guida di ciclomotori (che chiameremo CIGC), oppure aver compiuto almeno 16 anni ed essere in possesso di patente di guida.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Belluno
Via V. Veneto, 94, 32100, Belluno, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Per il conseguimento del CIGC è stato introdotto, per tutti i candidati, l’obbligo del certificato medico che attesti il possesso dei requisiti psicofisici richiesti per la patente di guida della categoria A, compresa quella speciale.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

Il possesso di uno dei predetti documenti, per la guida dei ciclomotori, è obbligatorio dal 30 giugno 2003 per i minori di età, 1° ottobre 2005 per i maggiorenni

Il conseguimento del CIGC avviene per:

- candidati minorenni, mediante frequenza di apposito corso presso le scuole di istruzione secondaria o presso le autoscuole e superamento di esame davanti a funzionario esaminatore dell'UMC, previa presentazione di apposita domanda corredata di certificazione medica attestante il possesso dei requisiti fisici e psichici
- candidati divenuti maggiorenni dall'1.10.2005, mediante superamento di esame davanti a funzionario esaminatore dell'UMC, previa presentazione di apposita domanda, corredata di certificazione medica attestante il possesso dei requisiti fisici e psichici
- candidati già maggiorenni al 30.9.2005, in esenzione d'esame, previa presentazione all'UMC di apposita domanda corredata di certificazione medica attestante il possesso dei requisiti fisici e psichici e dell'attestato di frequenza di un corso di formazione presso un'autoscuola

REQUISITI FISICI

La conferma di validità sarà effettuata con le stesse scadenze previste per la patente di categoria A, secondo modalità stabilite dal DTT.
Il certificato medico, di data non anteriore a sei mesi, deve essere rilasciato, ai sensi dell'art. 119 CDS, da uno dei medici abilitati alla certificazione per patenti o dalla Commissione medica locale, nel caso di mutilati e minorati fisici.

È stato tuttavia previsto un regime transitorio: fino al 1° gennaio 2008 la certificazione medica potrà essere limitata alla conferma dell'esistenza di condizioni psicofisiche di principio non ostative alla guida del ciclomotore, eseguita dal medico di famiglia. Anche detto certificato dovrà avere data non anteriore a sei mesi.
L'obbligo di presentazione del certificato di idoneità psicofisica riguarda anche le richieste di duplicato del CIGC.

PROGRAMMA DEI CORSI

Il programma per corsi per il conseguimento del CIGC, svolti presso le scuole di istruzione secondaria ovvero presso le autoscuole prevede la conoscenza dei seguenti argomenti :

- segnali di pericolo e segnali di precedenza,
- segnali di divieto,
- segnali di obbligo,
- segnali di indicazione e pannelli integrativi,
- norme sulla precedenza,
- norme di comportamento,
- segnali luminosi, segnali orizzontali,
- fermata, sosta e definizioni stradali,
- cause di incidenti e comportamenti dopo gli incidenti, assicurazione,
- elementi del ciclomotore e loro uso,
- comportamenti alla guida del ciclomotore e uso del casco,
- valore e necessità della regola,
- rispetto della vita e comportamento solidale,
- salute,
- rispetto dell'ambiente.

I corsi per il conseguimento del CIGC svolti presso le autoscuole hanno durata di 12 ore, così ripartite:

- 4 ore da destinare alle norme di comportamento
- 6 ore da destinare alla segnaletica e altre norme di circolazione
- 2 ore da destinare all'educazione al rispetto della legge

SVOLGIMENTO DELL'ESAME

L'esame consiste in una prova teorica svolta tramite questionario relativo agli argomenti del programma.
Le schede contenenti le domande d'esame, tratte da un apposito "data-base" predisposto dal DTT, vengono formate mediante elaborazione meccanografica, secondo un metodo di casualità elaborato dall'Istituto Poligrafico dello Stato, che provvede anche alla stampa delle schede analogamente a quanto avviene per gli esami per le patenti A e B.

Ogni scheda contiene dieci domande, ognuna con tre risposte che possono essere: tutte e tre vere, due vere e una falsa, una vera e due false, tutte e tre false.
I candidati dovranno barrare, in corrispondenza di ogni risposta, la lettera "V" o "F", a seconda che considerino quella proposizione vera o falsa.
La prova ha durata di trenta minuti e si intende superata se il numero di risposte errate è minore o uguale a quattro; il quinto errore determina l'esito negativo dell'esame.

In relazione all'esito dell'esame, si potranno avere le seguenti casistiche:

- esito positivo: al candidato promosso viene rilasciato, alla fine della sessione d'esami, il CIGC preventivamente predisposto dall'UMC
- esito negativo: il candidato respinto potrà ripetere la prova entro un anno dal termine del corso seguito. A tal fine le autoscuole rilasciano, a richiesta dell'interessato, un'attestazione redatta su apposito modello. Nell'arco del medesimo anno dalla fine del corso è possibile ripetere più volte l'esame, previa presentazione, per ciascuna prova, di una nuova domanda.
- candidato assente: ferme restando le modalità previste per il caso dell'esame sostenuto con esito negativo (esame entro un anno dal termine del corso, da documentare mediante il rilascio dell'attestato di frequenza), il candidato assente potrà sostenere la prova d'esame sulla base della domanda e dei versamenti già presentati.

ESAMI ORALI

In analogia con la disciplina della prova di teoria per il conseguimento della patente di categoria A e B, possono essere ammessi a sostenere l'esame con il metodo orale in sostituzione di quello scirtto coloro i quali: non abbiano conseguito la licenza di scuola media inferiore, non abbiano la cittadinanza italiana e dichiarino di non conoscere la lingua italiana nella forma scritta, siano affetti da sordomutismo.