Corso per Mediatore Civile 6 Giorni Consecutivi

Associazione Mediatori e Conciliatori Italiani
A Noverdate, Roma e Messina

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

Descrizione

Obiettivo del corso: Mediatore civile presso gli Organismi di Mediazione civile iscritti al Ministero della Giustizia. Mediatore civile presso il servizio di Mediazione civile e le camere di Mediazione civile delle Camere di Commercio. Mediatore civile presso associazioni di categoria e sindacati. Inserimento presso Camere di Mediazione civile in ambito bancario o presso studi professionali. Inserimento nel settore delle telecomunicazioni o all'interno di holding e multinazionali.
Rivolto a: Il Corso per Mediatore Civileè rivolto a tutti i laureati (anche con laurea triennale), o, in alternativa, a tutti gli iscritti agli Ordini e Collegi professionali (D.M. 180/2010).

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Messina
Padri Rogazionisti Cristo Re Viale Principe Umberto, 89, 98122, Messina, Italia
Visualizza mappa
Consultare
Noverdate
Via Isimbardi 10, 22060, Como, Italia
Visualizza mappa
Consultare
Roma
via del Tritone, 169, 00187, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Laurea (anche con laurea triennale) Iscritti agli Ordini e Collegi professionali (D.M. 180/2010)..

Programma

  1. Perché rilascia un titolo legalmente riconosciuto dal Ministero della Giustizia ai sensi del D.M. n. 180 del 18 ottobre 2010 che consente di acquisire il requisito formativo per richiedere l’iscrizioneagli Organismi di Mediazione accreditati dal Ministero della Giustizia, nonché alle più autorevoli strutture di Giustizia Civile ADR d’Italia.
  2. Perché risponde alla richiesta di profili professionali che, alla luce della riforma del processo civile, si rivelano fondamentali.
  3. Perché è ricco di esercitazioni pratiche che garantiscono una formazione concreta e specifica.
  4. Perché include anche un modulo marketing, grazie al quale i nuovi conciliatori conoscono strategie comunicative utili per il loro lavoro. Perché, previa discrezione dell’ordine locale dove il professionista è iscritto, può valere fino a 24 crediti per la formazione professionale continua.
  5. Perché offre altri vantaggi esclusivi, tra cui:
    • consulenza per l’apertura di un Organismo di Mediazione - Camera di Mediazione
    • partecipazione alla stesura del Libro Bianco della Conciliazione patrocinato dall’Università e-Campus
    • possibilità di collaborare presso la cattedra di Diritto della mediazione, della conciliazione e dell’arbitrato istituita nel corso di laurea magistrale in Giurisprudenza dell’Università e-Campus.
    • iscrizione all’AMCI, Associazione Italiana Mediatori e Conciliatori, nata per rappresentare e tutelare la figura del mediatore e del conciliatore, in tutte le sue forme e diverse tipologie di esperienze e professionalità, anche nelle sedi istituzionali.

Sintesi del programma

  • Strumenti di risoluzione delle controversie alternativi alla giurisdizione
  • Storia della mediazione civile
  • Gestione dei conflitti e metodi ADR, i limiti del diritto
  • Principi, natura e funzione della mediazione civile
  • Esperienze internazionali e principi comunitari
  • Compiti, responsabilità e caratteristiche del mediatore civile
  • Il mediatore civile e la sua etica (codici deontologici)
  • Rapporti tra mediatore civile e Organismi di Mediazione civile
  • Gli Organismi di Mediazione civile e l'accreditamento del Ministero di Giustizia
  • Tecniche di mediazione civile
  • Procedura di mediazione civile e le fasi della mediazione civile
  • Rapporti con la tutela contenziosa
  • Ruolo degli avvocati nella mediazione civile
  • Class action
  • Mediazione civile paritetica ed associazioni dei consumatori/utenti: protocolli di intesa nazionali
  • La disciplina dei diritti dei consumatori e degli utenti
  • Metodi di ADR in generale: arbitrato, ecc.
  • La mediazione civile amministrata presso le Camere di Commercio: standard Unioncamere, regolamenti e statistiche
  • Prospettive della mediazione civile: disegni di legge e normativa di riferimento della c.d. "mediazione civile"
  • Rapporto con la mediazione familiare ed altre tipologie di mediazione civile
  • La nuova normativa sulla mediazione civile dopo il Decreto Lgs n. 28/2010
  • Le controversie di cui all'art. 1 d.lgs 17 gennaio 2003 n. 5 e succ. modifiche ed integrazioni, i D.M. 222/223 - 2004, il rito societario di cognizione ordinaria e sommaria, anche alla luce delle recenti modifiche del 2009
  • Attività pratica di mediazione civile
  • Valutazione finale dei corsisti
  1. Perché rilascia un titolo legalmente riconosciuto dal Ministero della Giustizia ai sensi del D.M. n. 180 del 18 ottobre 2010che consente di acquisire il requisito formativo per richiedere l’iscrizioneagli Organismi di Mediazione accreditati dal Ministero della Giustizia, nonché alle più autorevoli strutture di Giustizia Civile ADR d’Italia.
  2. Perché risponde alla richiesta di profili professionali che, alla luce della riforma del processo civile, si rivelano fondamentali.
  3. Perché è ricco di esercitazioni pratiche che garantiscono una formazione concreta e specifica.
  4. Perché include anche un modulo marketing, grazie al quale i nuovi conciliatori conoscono strategie comunicative utili per il loro lavoro. Perché, previa discrezione dell’ordine locale dove il professionista è iscritto, può valere fino a 24 crediti per la formazione professionale continua.
  5. Perché offre altri vantaggi esclusivi, tra cui:
    • consulenza per l’apertura di un Organismo di Mediazione - Camera di Mediazione
    • partecipazione alla stesura del Libro Bianco della Conciliazione patrocinato dall’Università e-Campus
    • possibilità di collaborare presso la cattedra di Diritto della mediazione, della conciliazione e dell’arbitrato istituita nel corso di laurea magistrale in Giurisprudenza dell’Università e-Campus.
    • iscrizione all’AMCI, Associazione Italiana Mediatori e Conciliatori, nata per rappresentare e tutelare la figura del mediatore e del conciliatore, in tutte le sue forme e diverse tipologie di esperienze e professionalità, anche nelle sedi istituzionali.

Ulteriori informazioni

Alunni per classe: 30

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto