"PROVE DI CARICO ISO 9712: finalizzate al collaudo"

Progetto PSC SRL: Centro Esame Rina CER-MO
A Solignano Nuovo

900 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Qualifica professionale
  • Solignano nuovo
  • 40 ore di lezione
  • Durata:
    4 Giorni
Descrizione

Le Prove di Carico rientrano nella metodologia di Controlli Non Distruttivi per verificare la corrispondenza tra la prova strumentale e quella teorica. Il corso si centra sulle verifiche delle opere esistenti per misurare la resistenza di esse, attraverso l'impiego di martinetti oleodinamici, sacconi,piscine, o zavorre. in più il corso prevede l'elaborazione dei dati via interfaccia pc e l'approfondimento della normativa legislativa.

Informazione importanti Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Solignano Nuovo
via Montanara, 1, 41014, Modena, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

I destinatari del corso: Ingegneri, Architetti, Geologi, Geometri, Tecnici della amministrazione pubblica, Tecnici dei laboratori, Operatori edili, etc. Corso parte dal livello ‘zero’ e non necessita preparazione particolare.

Cosa impari in questo corso?

Collaudo edifici
Diagnostica struturale
Progettazione opere
Verifiche sismiche
Calcolo delle strutture
Sicurezza edifici

Professori

Andrea Timpani
Andrea Timpani
Ingegnere

Programma

PROGRAMMA DEL CORSO

· Presentazione docenti e partecipanti.

· Le prove di carico statico sui solai.

· Criteri generali di determinazione del carico di prova

(superficie di carico e intensità del carico).

· Modalità di applicazione dei carichi.

· Normativa di riferimento.

· Tipologie di impalcati e relativi schemi statici.

· Criteri di determinazione del carico di collaudo.

· Normativa di riferimento.

· Caratteristiche e tipologie costruttive dei:

- solai in legno e in struttura metallica;

- solai in latero-cemento e su predalle;

- solai con elementi prefabbricati in c.a.p.

(pannelli alveolari, tegoli prefabbricati, etc.);

- schemi statici dei solai.

· Comportamento bidimensionale dei solai. Influenza della continuità

trasversale nella determinazione del carico di collaudo

e determinazione del carico di prova.

· Esempio di collaudo statico di una struttura in calcestruzzo

armato:

- Ispezione dell’opera nelle varie fasi costruttive degli

elementi strutturali ove il collaudatore sia nominato in

corso d’opera, e dell’opera nel suo complesso, con parti

colare riguardo alle parti strutturali più importanti.

· Esame dei certificati delle prove sui materiali (calcestruzzo ed

acciaio).

· Esame dei certificati di cui ai controlli in stabilimento e nel

ciclo produttivo.

· Prove di carico statiche su solai ed impalcati.

· Prove sui materiali messi in opera mediante metodi non distruttivi.

· Monitoraggio programmato di grandezze significative del

comportamento dell’opera da proseguire anche dopo il collaudo

della stessa.

· Aspetti normativi.

· Operazioni preliminari.

· Realizzazione del carico di prova.

· Strumentazione di misura.

· Fasi esecutive di una prova di carico.

· Espressione dei risultati in forma tabellare e grafica.

· Elaborazione dati.

· Redazione relazione.

· Analisi dei dati sperimentali.

· Considerazioni sulla determinazione del carico equivalente di

prova.

· Esempio sulla determinazione del carico equivalente di prova.

· Redazione istruzioni per livello I-II LIV.

· Rapporto di prova.

· Esercitazione pratica per l’esecuzione di una prova di carico

statica sul campo presso edificio esistente.

· Errori nelle misurazioni dirette e caratteristiche degli strumenti

di misura.

· Case history: Esempio di una prova di carico statica su impalcato.

Ulteriori informazioni

I nostri Corsi di alta formazione prevedono un percorso formativo studiato ad hoc con finale certificazione di ‘Tecnico di Controlli Non Distruttivi’  I-II Rina (passaggio diretto) essenziale per certificare la propria professionalità e accedere a nuove opportunità lavorative. Tutti i ns. corsi sono tenuti da docenti universitari e da III livelli Rina.