Pugilato

Stella Polare
A Torino

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Per bambini
  • Torino
Descrizione

Obiettivo del corso: Il pugilato prepara gli atleti professionisti e non a salire sul ring ed a sostenere degli incontri. Naturalmente moltissimi praticanti lo fanno con l'ottica della forma fisica e non saliranno mai sul ring.
Rivolto a: Il puglato è rivolto a tutti, uomini e donne, bambini e anziani, ovviament il livello di allenamento è sempre proporzionato all'età ed alla propria forma fisica.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Torino
Via Bava 23/a, 10124, Torino, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Nessuno, a parte la voglia di mettersi in gioco e di lavorare sodo.

Programma

Il programma è strutturato in modo rigoroso, si pone innanzitutto l'accento sulla forma fisica e poi si passa all'aspetto tecnico. Esecuzione tecnica, strategia di combattimento e combinazioni avanzate.
Storia della boxe
Sport amato, perché storicamente importante, perché è un mix di passione e sudore, di fatica e di impegno. Ma anche sport contestato, perché fa gioco a molti, cancellarlo dai libri, dai palinsesti televisivi, dalle competizioni sportive più o meno importanti (leggi, ad esempio, i Giochi Olimpici), perché considerato violento, senza rendersi conto del fatto che c’è più rabbia su un campo di calcio che su un ring. Tralasciando la violenza sugli spalti, quante volte avete visto darsele di santa ragione, al termine di una partita, giocatori di due squadre deluse dal risultato? E quanti arbitri sono stati malmenati in campo dagli stessi giocatori? E negli spogliatoi? Ricordate la vicenda Ferrigno-Bortolotti, e gli strascichi, e le polemiche, e le procedure avvocatizie. E quante volte, al contrario, avete osservato, al termine di un match di pugilato, i contendenti abbracciarsi fra loro? Se non ci fosse la storia, la leggenda, i “soliti noti” avrebbero già cancellato la boxe dal panorama sportivo mondiale. Forse sarebbe il caso che si rifacessero gli occhi, magari leggendo e cercando di scoprire cosa si nasconde dietro un paradenti, un paio di calzoncini, due guantoni e due cuori che si battono per dimostrare chi è il più forte. Su un ring, non in mezzo al traffico, sul luogo di lavoro, o in famiglia.
Le origini del pugilato risalgono all'antichità. Alcuni incontri famosi sono descritti nell'Iliade e nell'Eneide. I combattenti usavano proteggersi le mani con lacci di cuoio rinforzati con placche di piombo. Il pugilato iniziò a far parte del programma olimpico nel 668 a.C. e la letteratura tramanda i nomi dei vincitori delle olimpiadi su un arco di tempo di oltre un millennio. Non erano previste categorie di peso e per questo motivo, la disciplina, a livello agonistico elevato, era riservata a soggetti di taglia notevole.
Il pugilato era presente anche nella Roma antica. Il combattimento terminava con la resa di uno dei due contendenti; le ferite gravi (e a volte anche la morte) erano accettate, non essendo dovute a malvagità, ma semplicemente alla superiorità tecnica e atletica.
Bisogna giungere al 1719 per vedere nascere a Londra una scuola moderna di pugilato. Nello stesso anno un certo James Figg si autodichiarò campione di boxe avendo vinto 15 combattimenti e non trovando nessun avversario che avesse il coraggio di sfidarlo. Figgn era un “armadio”, aveva un corpo di atleta, era alto 1.84 cm e pesava 84 kg. Al tempo non si parlava di boxe ma di "nobile arte della difesa". Naturalmente, oltre al sapersi difendere, a scuola si imparava anche come far valere i propri diritti, i quali erano meglio difesi dopo abbondanti mescite di birra e gin. Non esistevano regole di combattimento e i pugilatori lottavano a mani nude.
Il successore sul trono di Figg, certo Jack Broughton, propose nel 1743 un codice di regole che includevano: l'identificazione di un ring delimitato da corde, la presenza di due secondi che potessero assistere il pugilatore, l'identificazione di un arbitro per il giudizio e di un altro arbitro che controllasse il tempo. Inoltre venivano indicati i colpi vietati e cioè: colpi portati con la testa, coi piedi e le ginocchia e i colpi sotto la cintura. Era inoltre prevista la sospensione dell'incontro per 30 secondi quando uno o entrambi i pugilatori erano a terra; trascorsi i 30 secondi si contavano 8 secondi: chi non era in grado di riprendere era sconfitto. Non vi era però limite alla durata dei combattimenti. Era inoltre regola che si facessero scommesse e gli stessi pugilatori scommettevano su se stessi.
Famoso il caso di Johnson Jackling che, forte della sua superiorità, nella seconda metà del 1700 si arricchì grandemente puntando sempre su se stesso. Morì però in povertà, dopo aver suscitato entusiasmi enormi e sperperato la sua fortuna.
Nel 1825 si svolse il primo incontro tra un campione britannico, Sayer, e un campione americano, Heenan. Finì dopo 42 riprese con un'invasione di campo da parte della folla, la fuga dell'arbitro e un verdetto di parità che calmò parzialmente gli animi degli spettatori. L'ambiente delle scommesse avvelenava progressivamente il pugilato e i verdetti risentivano della mancanza di regole certe cui gli arbitri potessero rifarsi. Furono quindi scritte regole, per merito soprattutto del marchese di Queensberry, che aprirono la porta al pugilato moderno. Venivano introdotte tre categorie di pesi (massimi, medi e leggeri); veniva stabilito il conteggio dei 10 secondi per il KO e l'obbligo per l'atro pugile di allontanarsi senza colpire il pugile caduto, anche se questo aveva solo un ginocchio a terra. Erano obbligatori guanti nuovi. La durata delle riprese era fissata in 3 minuti, con un intervallo di 1 minuto; rimaneva fluttuante il numero delle riprese che veniva lasciato alla contrattazione tra i pugili. Tuttavia, era facoltà dell'arbitro prolungare l'incontro sino a che non fosse manifesta l'inferiorità di uno dei due contendenti. Rimaneva quindi il concetto che il perdente era colui che soccombeva, soluzione quindi molto prossima a quella del KO.
Bisogna arrivare ai primi del 1900 per la creazione di altre categorie (medio-leggeri, piuma, gallo, mosca e medio-massimi) e per limitare la durata degli incontri: 20 riprese, 15 per gli incontri validi per titoli europei e mondiali, 12 per titoli nazionali. Limitando la durata dell'incontro, si imponeva la necessità di individuare criteri per la vittoria ai punti.