Riabilitazione Motoria

Istituto di Scienze Umane
A Roma

690 
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Roma
  • Durata:
    6 Giorni
Descrizione


Rivolto a: tutti.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
Lungotevere Portuense 158, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Nessuno

Programma

La riabilitazione motoria, quale terapia del movimento ha come scopo quello di ristabilire la normale funzionalità muscolare, miofasciale, articolare e di coordinazione del movimento di uno o più arti, del tronco e, di conseguenza, di tutto il corpo. Generalmente consiste inizialmente nell’ effettuare delle affinate tecniche di mobilizzazioni passive e poi attraverso accurate tecniche attive di ripristinare la funzionalità del distretto corporeo interessato. È indispensabile in caso di interventi chirurgici a carattere ortopedico, sia come preparazione ad esso che, in seguito, come riabilitazione. Essa risulta inoltre determinante nel trattamento delle patologie a carattere neuro-motorio.

In aggiunta a quanto detto sopra, la rieducazione motoria segmentaria assume un ruolo sempre più importante in campo preventivo e sportivo. È scientificamente dimostrato che lo stile di vita attuale (sedentarietà, stress, habitat) porta a una perdita di coscienza del proprio corpo (dispercezione corporea) con conseguente perdita di abilità motorie, alterazioni posturali e quindi, in ultima analisi, in base alla psiconeuroendocrinoimmunologia, di salute fisico-psichica.
Un altro aspetto molto importante nel recupero della funzionalità corporea e quindi della riabilitazione motoria è la rieducazione propriocettiva cioè una riprogrammazione neuromotoria ottenuta attraverso specifiche stimolazioni dell'intero sistema neuro-motorio.

In effetti, quando siamo in presenza di un trauma, le lesioni anatomiche interessano anche i recettori sensoriali con conseguente alterazione dei meccanismi propriocettivi ossia della "lettura" dello spazio circostante, da parte dei recettori, e della trasmissione delle informazioni alle strutture nervose centrali; le conseguenze pratiche saranno carenza/distorsione della coscienza della posizione nello spazio delle varie parti del corpo e della loro coordinazione nel movimento.

D'altra parte anche per ottenere la massima efficienza nelle prestazioni sportive e nei gesti quotidiani, è indispensabile un ottimale "controllo" neuro-muscolare-articolare. Rieducare i riflessi propriocettivi risulta fondamentale, oltre che per fini riabilitativi, anche per le performance sportive e come prevenzione in generale.