Riflessologia plantare

Shotokan Club
A Bologna

70 
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Bologna
  • 8 ore di lezione
  • Quando:
    Da definire
Descrizione

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Da definire
Bologna
Via Signorini 16/D , 40133, Bologna, Italia
Visualizza mappa

Programma

Finalità dei Corsi di Riflessologia plantare - La “Riflessologia plantare” e la “Fisiologia pranica” affondano le loro radici millenarie nel tempo e la loro conoscenza giunge a noi soprattutto dall’oriente, dove gli sciamani, ancor oggi, ritengono che il contatto con la “Grande Madre Terra”, che l’uo­mo intrattiene costantemente attraverso i piedi, sia fonte di un’importante relazione energetica, molto salutare per l’equi­librio psico-fisico della persona.
Queste arti così benefiche e preziose, con le loro antiche e puntuali sperimentazioni, sono state tramandate fino ai giorni nostri dalla saggezza popolare e, più recentemente, sono diventate importante oggetto di studio.
Per la “Riflessologia plantare” occorre precisare che vari pionieri del massaggio zonale al piede hanno contribuito a fare scoprire le grandi potenzialità delle relazioni del piede con il corpo umano.
Queste relazioni, unitamente allo sviluppo della destrezza manuale e della sensibilità dell’operatore, sono elementi fondamentali per ricreare il riequilibrio energetico e, conseguentemente, nel recare grandi benefici effetti al complesso sistema psico-fisico umano, all’insegna del concetto che “Ogni parte riflette il tutto” e, nella fattispecie, che “Il piede riflette l’intera persona”.
La “Fisiologia pranica” si basa invece sull’assunto che ogni essere vivente ha infinite risorse, biologiche ed energetiche, che egli può controllare e sviluppare per mantenere, o ripristinare, un buono stato di salute psicologico, fisico ed emozionale. Il termine “prana”, o “soffio vitale”, si rifà al suo profondo significato: il prana permea, secondo la filosofia indiana, l’intero creato cedendo ad ogni manifestazione della natura “coscienza di essere e possibilità evolutiva”.
I docenti sono convinti che l’integrazione di queste conoscenze, da cui il titolo del Corso: “Riflessologia pranico-plantare”, consentirà, a chi si rivolgerà ad esso con costruttiva volontà e spirito sereno, il raggiungimento di uno stato di benessere psico-fisico che influirà sulle sue possibilità di realizzare un più alto stato di serenità in sé e di armonia con gli altri.I piedi sono le nostre radici, il nostro sostegno, il nostro punto di contatto con la madre terra e la sua energia ed è per questo che già alcune migliaia di anni fa i piedi erano raffigurati nelle iconografie indiane, cinesi ed egiziane come oggetto di venerazione. Lo dimostrano le tradizionali usanze del “prostrarsi ai piedi” e di toccare i piedi come segno di rispetto, sottomissione e richiesta di protezione.

I nostri piedi - I piedi sono un nostro primario punto vitale, essi ci permettono di muoverci nello spazio e diventano, perciò, sinonimo di salute e di libertà. Hanno una tale importanza nella vita di ciascuno che il sistema filosofico indiano Samkhya li relaziona al senso della vista.
Sotto la pianta del piede si trovano delle piccole aree in cui si riflettono tutti gli organi interni del nostro corpo e pertanto possono essere considerati come uno dei principali punti focali del sistema neurologico e vascolare oltre che del nostro sistema energetico.
Fatte queste premesse si può dire che la Riflessologia pranico-plantare è una tecnica di massaggio dolce che si basa e vuole agire sulle corrispondenze fra determinate zone del piede e i vari organi del corpo, al fine di stimolarli per il raggiungimento di un miglior riequilibrio energetico interno all’organo stesso e per una più equilibrata relazione con gli altri organi.
Se consideriamo, infatti, che ogni singolo organo lo ritroviamo proiettato nel piede per via riflessa, la stimolazione di quella specifica parte può ripristinarne la funzionalità, sia dal punto di vista energetico sia circolatorio.
Utile soprattutto per riequilibrare e quindi nel campo della prevenzione, la Riflessologia pranico-plantare rafforza l’intero sistema corpo-mente e libera l’orga­nismo da tossine ridonandogli il suo originale vigore vitale. E’ un piacevole modo per eliminare lo stress e ritrovare, in un momento di relax, un pacifico e rigenerante contatto con se stessi. Consente inoltre il recupero della consapevolezza dei propri centri vitali, intorno ai quali diventa possibile riorganizzare e riequilibrare le proprie energie, per riconnettersi con l’innato potere di auto-guarigione insito in ciascuno di noi e per esprimere, così, quella vitalità che è salute, armonia con se stessi e con l’am­bien­te esterno.
Il massaggio dolce ai piedi dona beneficio a tutto l’organismo coinvolgendo anche, e in modo determinante, la nostra mente e il nostro spirito.

I Corsi e i Moduli - Le esperienze degli anni precedenti hanno confermato la validità dei Corsi organizzati in “moduli” teorico-pratici, da tenersi di Domenica, orario 9.30/13.00 - 14.30/19.00, diversi e integrati fra loro, la cui prima parte Introduttiva è sempre aperta alla partecipazione del Corsista principiante.

I “moduli” previsti per il “Corso di Riflessologia pranico-planta­re”, in numero di 4, hanno una struttura che consente sia il libero accesso ai quattro Corsi Introduttivi di 8 ore, che hanno il compito di dare una formazione generale, sia il passaggio ai Corsi di Livello superiore. Essi sono suddivisi in:

“Corso di Livello Base” di 16 ore (composto dal Corso Introduttivo Base e dal Corso Base);
- “Corso di 1° Livello” di 16 ore (composto dal Corso Introduttivo Uno e dal Corso di 1° Livello);
- “Corso di 2° Livello” di 16 ore (composto dal Corso Introduttivo Due e dal Corso di 2° Livello);
- “Corso di 3° Livello” di 16 ore (composto dal Corso Introduttivo Tre e dal Corso di 3° Livello).

I Corsi Introduttivi non hanno la pretesa di formare degli operatori in RPP (in quanto occorre frequentare almeno uno specifico Corso Annuale o, meglio ancora, Triennale) ma vuole essere un “dolce assaggio” per permettere alle persone che vi si avvicinano di iniziare ad avere familiarità con le proprie radici e assaporare un piacevole metodo per aiutare se stessi e i propri cari a mantenersi sani, perché conoscersi e diventare, in un certo senso, medici di se stessi è il primo passo da compiere per poter scegliere la propria strada, all’insegna degli irrinunciabili valori della salute e della libertà.

Programma del Corso Introduttivo al Livello Base in RP

- 8 ore di Teoria e pratica


- Origini, storia ed evoluzione della Riflessologia plantare.
- A cosa serve il massaggio e a chi è rivolto.
- Indicazioni e controindicazioni in Riflessologia.
- Elementi di anatomia, fisiologia e patologia umana.
- Studio e osservazione del piede e descrizione della mappa riflessologica.
- La sequenza del trattamento riflessologico di base sul piede sinistro e destro.
- L’idoneo atteggiamento psicologico del ricevente e del donatore.
- Indicazioni sulle tecniche di base da utilizzare nei disturbi più comuni su se stessi e sugli altri.
- Elementi di fisiologia energetica yogica e correlazioni con la Riflessologia plantare.
- Indicazioni generali sul trattamento del piede.
- Pratica assistita e autotrattamento.


Di seguito i Corsi previsti a completamento dei Moduli e della prima annualità.

Corso di Livello Base in RPP - Argomenti trattati nelle 8 ore di Lezione che seguono il propedeutico Corso Introduttivo al Livello Base

- Fondamenti della Riflessologia, etica e regole di base.
- Studio del piede, struttura e alterazioni anatomico-funzionali.
- Elementi di anatomia, fisiologia e patologia umana.
- Correlazioni anatomiche e funzionali.
- Studio della mappa dei punti di corrispondenza tra piede e corpo.
- Indicazioni teorico-pratiche sulla corretta relazione bioenergetica dell’operatore e del ricevente.
- Introduzione alle tecniche di base da utilizzare nei più comuni disturbi verso gli altri e nell’autotrattamento.
- La realtà pranico-energetica della persona e il suo riflesso nel piede: prana, aura, chakra e nadi.
- Osservazione e ascolto del macro e microcosmo (corpo e piede) e relativa lettura dello stato dei sintomi per risalire alle prime cause del malessere.
- Studio e trattamento delle aree del piede collegate al sistema nervoso e all’apparato urogenitale.
- Pratica assistita e autotrattamento.


Corso Introduttivo al 1° Livello in RPP - Argomenti trattati nelle 8 ore di Lezione

- Elementi di anatomia, fisiologia e patologia umana.
- Suddivisione in sistemi e apparati del corpo umano e relativo studio e correlazione riflessologica plantare.
- Studio e osservazione del piede e descrizione della mappa riflessologica.
- La sequenza del trattamento riflessologico di base sul piede sinistro e destro.
- L’idoneo atteggiamento psicologico del ricevente e del donatore.
- Indicazioni di tecniche specifiche per rilassare, calmare, tonificare, decongestionare e depurare l’organismo.
- Tecniche del trattamento dei disturbi più comuni.
- Aspetti psicologici del trattamento.
- Elementi di fisiologia energetica e tecniche yogiche.
- Pratica assistita e autotrattamento.

Corso di 1° Livello in RPP - Argomenti trattati nelle 8 ore di Lezione che seguono il propedeutico Corso Introduttivo al 1° Livello

- Elementi di anatomia, fisiologia e patologia umana.
- Studio dei vari apparati, dei sistemi e degli organi.
- La rappresentazione dei chakra sui piedi e loro trattamento.
- Preparazione psico-energetica dell’operatore e atteggiamento corretto del ricevente.
- Tecniche yogiche di supporto e di pronto soccorso.
- Studio delle respirazioni naturale e yogica e relative indicazioni per ottimizzare l’effetto riflessologico e pranico del trattamento.
- Spiegazione della sequenza del massaggio riflessologico sul piede.
- Studio e trattamento di aree collegate all’apparato respiratorio, all’apparato cardiovascolare e al sistema linfatico.
- Pratica assistita e autotrattamento.


Corso Introduttivo al 2° Livello in RPP - Argomenti trattati nelle 8 ore di Lezione


- Elementi di anatomia, fisiologia e patologia umana.
- L’idoneo atteggiamento psicologico del ricevente e del donatore.
- Il prana e il corpo umano.
- Il dolore: sensazione e significato.
- Indicazioni e controindicazioni specifiche del trattamento riflessologico.
- Studio e osservazione del piede e descrizione della mappa riflessologica.
- La sequenza del trattamento riflessologico di base sul piede sinistro e destro.
- Tecniche riflessologiche anti-stress e anti-age.
- Trattamento degli stati acuti e prevenzione.
- Pratica assistita e autotrattamento.


Corso di 2° Livello in RPP - Argomenti trattati nelle 8 ore di Lezione che seguono il propedeutico Corso Introduttivo al 2° Livello

- Elementi di anatomia, fisiologia e patologia umana.
- La fisiologia cinese dei 5 elementi e dei principali meridiani in relazione alla Riflessologia. Cenni.
- Alcuni punti shiatzu da integrare con i trattamenti di Riflessologia.
- La preparazione psico-enegetica dell’operatore e la sua purificazione con tecniche yogiche di respirazione.
- Tecniche meditative del Samkhya, dello Yoga e del Buddismo antico per favorire la concentrazione a sostegno del trattamento.
- Studio e trattamento delle aree del piede collegate all’apparato osteomuscolare e all’apparato digerente.
- Pratica assistita e autotrattamento.


Corso Introduttivo al 3° Livello in RPP - Argomenti trattati nelle 8 ore di Lezione


- Elementi di anatomia, fisiologia e patologia umana.
- L’idoneo atteggiamento psicologico del ricevente e del donatore.
- Studio e osservazione del piede e descrizione della mappa riflessologica.
- La sequenza del trattamento riflessologico di base sul piede sinistro e destro.
- Fisiologia pranica e studio dei 7 chakra principali: loro significati e funzioni.
- Prana e filosofia indiana: correlazioni con la riflessologia plantare.
- Rappresentazione dei chakra sui piedi e relativo trattamento.
- Trattamento dei principali meridiani e considerazioni generali.
- Pratica assistita e autotrattamento.


Corso di 3° Livello in RPP - Argomenti trattati nelle 8 ore di Lezione che seguono il propedeutico Corso Introduttivo al 3° Livello

- Elementi di anatomia, fisiologia e patologia umana.
- Fisiologia energetica e zone riflesse del piede.
- Aspetti psico-energetici del donatore e del ricevente.
- La fisiologia cinese dei 5 elementi e dei principali meridiani in relazione alla Riflessologia. Approfondimenti.
- Punti shiatzu da integrare con i trattamenti di Riflessologia.
- Studio e trattamento delle aree del piede collegate al sistema endocrino-immunitario e agli organi di senso dell’occhio e dell’orec­chio.
- Etica e deontologia in Riflessologia pranico-plantare.
- Osservazioni e indicazioni.
- Pratica assistita e autotrattamento.

Modalità d’iscrizione ai Corsi:
- Occorre essere Soci. Si dovrà pertanto, se non lo si è già, compilare la domanda di associazione e versare la relativa quota associativa annuale di 25 €.
- Tesseramento UISP. La copertura assicurativa sarà garantita dal relativo tesseramento e comporterà una spesa di 10,00 €.
- Attitudine fisica e psichica. Sarà cura dell’aspirante corsista farsi consegnare la relativa attestazione da parte del medico curante e, comunque, è prevista la relativa autocertificazione dell'avvenuto adempimento nella domanda di associazione.
- Condizioni etiche. Non si deve né aver subito condanne penali né avere procedimenti penali in corso, relativamente a frodi, soprusi o atti dolosi contro la persona. Sarà sufficiente sottoscrivere la nota autocertificativa riportata nella domanda di associazione.
- Numero di partecipanti. Da un minimo di 8 a un massimo di 20 Corsisti.
- L’iscrizione al Corso. Deve avvenire entro dieci giorni dal suo inizio.

Quota di partecipazione ai Corsi - Per ogni singolo Corso di 8 ore di Lezione e per il materiale a corredo la Quota di partecipazione è di 100 €, di cui 50 € sono da versare al momento dell’iscrizione.
La Quota per l’intero anno è di 750 €, di cui 150 all’atto dell’iscri­zione e tre rate di 200 €, da versare all’inizio del 1°, 3° e 5° Corso.

Materiale consegnato a corredo dei Corsi - Le Mappe tecniche e le Dispense delle singole Lezioni saranno distribuite al momento della trattazione del tema in oggetto.

Testi consigliati (acquistabili tramite la Segreteria):
- Atlanti scientifici Giunti, Fisiologia umana, Giunti Editore
- Atlanti scientifici Giunti, Anatomia umana, Giunti Editore
- Tamanti G., Trattato di Yoga Classico, Arnaldo Forni Ed., 1998
Attestati ed Esami: al termine di ogni singolo Corso Domenicale sarà consegnato un Attestato di Partecipazione, mentre a conclusione del Corso Annuale, composto dagli 8 diversi Corsi Domenicali, i singoli Corsisti dovranno sostenere un Esame Teorico-Pratico per ottenere il relativo Attestato di abilitazione.

Attestati ed Esami - al termine di ogni singolo Corso Domenicale sarà consegnato un Attestato di Partecipazione, mentre a conclusione del Corso Annuale, composto dagli 8 diversi Corsi Domenicali, i singoli Corsisti dovranno sostenere un Esame Teorico-Pratico per ottenere il relativo Attestato di abilitazione. Gli Attestati non hanno valore accademico.


Nota bene - Si precisa che il concetto riflessologico si basa sul principio olistico secondo cui “ogni parte riflette il tutto”. Tale idea risulta centrale in tutte le Tradizioni antiche, siano esse legate alla Medicina tradizionale Cinese, a quella Ayurvedica, Tibetana, Sciamanica o Pellerossa e costituisce la base fondamentale di tutte le terapie energetiche. Il piede funge inoltre da campanello d’allarme su cosa stia succedendo a livello organico, psicologico o funzionale, poiché è in grado di percepire il problema molto prima che si manifesti. E’ per questo motivo che la Riflessologia pranico-plantare ha grande importanza soprattutto sul piano della prevenzione.

Precisazioni doverose - Fermo restando che la diagnosi e la relativa terapia sono esclusiva prerogativa della Scienza Medica Ufficiale - e che pertanto per qualsiasi disturbo si consiglia di consultare il proprio Medico curante - il trattamento riflessologico pranico-plantare ha dimostrato di essere un valido coadiuvante nei casi di: allergie, asma, disturbi circolatori, cefalee, insonnia, ansia, stress, problemi del sistema osseo (cervicalgie, lombalgie, artrosi ecc.) calcoli renali e biliari, disturbi neurovegetativi, stress, sinusiti, stasi linfatica, varici, stitichezza, colite, gastrite, colesterolemia, cistiti, problemi agli occhi e alle orecchie, dismenorrea, amenorrea, menopausa, gravidanza, puerperio e altri disturbi ancora.