La riforma del codice appalti tra semplificazione, anticorruzione e trasparenza

ITA Formazione
A Roma

1.450 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso intensivo
  • Livello avanzato
  • Roma
  • 14 ore di lezione
  • Durata:
    2 Giorni
  • Quando:
    Da definire
Descrizione

La riforma del codice appalti tra semplificazione, anticorruzione e trasparenza.

La riscrittura delle regole per gli appalti pubblici e la prima disciplina organica delle concessioni;
Ruolo centrale dell’ANAC nella riforma degli appalti;
La qualificazione delle stazioni appaltanti: valutazione della effettiva capacità tecnica ed organizzativa e ruolo del RUP;
Rating di presentazione e di legalità: i criteri reputazionali nei nuovi sistemi di qualificazione delle imprese;
Affidamento dei pubblici appalti e misure anticorruzione;
Pubblicità e trasparenza degli appalti;
I punti principali della legge delega di riforma del codice appalti;
Criteri di semplificazione secondo le nuove direttive europee.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo Orario
Da definire
Roma
Piazza Barberini 23, Roma, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Riforma del codice appalti
Anticorruzione
Trasparenza

Professori

Laura Maceroni
Laura Maceroni
Avvocato Amministrativista in Roma

Stefano Toschei
Stefano Toschei
Consigliere TAR Lazio

Programma

PROGRAMMA DEL CORSO
La riscrittura delle regole per gli appalti pubblici e la prima disciplina organica delle concessioni


Ruolo centrale dell’ANAC nella riforma degli appalti
strumenti di soft law (es. bandi tipo)
intervento su bandi ritenuti irregolari
pareri su questioni insorte in sede di gara
controllo sulle varianti

La qualificazione delle stazioni appaltanti: valutazione della effettiva capacità tecnica ed organizzativa e ruolo del RUP

Rating di presentazione e di legalità: i criteri reputazionali nei nuovi sistemi di qualificazione delle imprese

Affidamento dei pubblici appalti e misure anticorruzione

soggetti della procedura e novità in tema di commissioni di gara
criticità degli appalti sottosoglia
rischi della procedura di scelta del contraente
rischi della fase esecutiva
la distribuzione delle responsabiltà

Pubblicità e trasparenza degli appalti
accesso agli atti di gara
pubblicazione dei dati sui siti web
tutela della privacy
accesso civico e responsabilità
Stefano Toschei

I punti principali della legge delega di riforma del codice appalti

divieto di introduzione o di mantenimento di livelli di regolazione superiori a quelli minimi richiesti dalle direttive
allargamento dei poteri dell’autorità nazionale anticorruzione
eliminazione delle deroghe alle procedure ordinarie
restrizione al ricorso all'appalto integrato
riduzione sistematica del ricorso al criterio del massimo ribasso
il criterio di aggiudicazione ordinario dei contratti pubblici: l’offerta economicamente più vantaggiosa
il favor nei confronti delle PMI: il dimensionamento degli appalti e del valore delle gare; l’introduzione di bonus per le imprese locali nel rispetto dei principi dell'unione europea
ridimensionamento delle varianti in corso d'opera
il pagamento diretto dei subappaltatori
la nuova qualificazione dei costruttori attraverso la valutazione mediante rating reputazionali
l’introduzione dei costi standard per lavori, servizi e forniture
l’introduzione dell’albo nazionale dei commissari di gara gestito dall’ANAC

Criteri di semplificazione secondo le nuove direttive europee
riduzione dei tempi di indizione e aggiudicazione
l’uso obbligatorio degli strumenti tecnologici
il superamento della regola generale che impone il ricorso a una gara formale preceduta da un bando pubblico
l'introduzione di nuove procedure rispetto alle fattispecie già disciplinate: la «procedura competitiva con negoziazione»; i «partenariati per l'innovazione» tra enti pubblici e privati
la facoltà di suddividere in lotti le gare
il divieto di introdurre nei bandi soglie minime di fatturato sproporzionate rispetto al valore del contratto
l’obiettivo di eliminare la massiccia produzione documentale per gli operatori economici
la necessità di usare banche dati
l'obbligo della comunicazione integralmente elettronica in tutte le fasi della procedura
Laura Maceroni


NOTE ORGANIZZATIVE DEL CORSO
Quota di partecipazione individuale
Euro 1.450,00 più IVA.
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE. PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA.

Orario
9,00 - 13,00 / 14,30 - 17,30

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto