Sanda

ASD Sport Village Monza
A Monza

Fino a 150 €
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Monza
  • Durata:
    10 Mesi
Descrizione

Obiettivo del corso: Il corso di Sanda è un ottimo allenamento fisico per tutti coloro che desiderano mantenersi in forma, e nel contempo imparare un ottimo metodo di combattimento.
Rivolto a: Ai praticanti dei corsi di kung fu wushu al fine di migliorare la tecnica di combattimento. A tutti quelli che vogliono imparare un efficace metodo di combattimento, effettuato in tutta sicurezza.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Monza
Via Tomaso Campanella 2, 20052, Monza e Brianza, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Non esiste alcun prerequisito necessario per la partecipazione a questo corso.

Professori

Marco Alfinito
Marco Alfinito
Maestro, cintura nera 3° Duan

Programma

Il Sanda (o Sanshou) è un sport di combattimento codificato sulla base di alcune tecniche delle arti marziali cinesi.

La lezione di Sanda prevede una preparazione atletica di base, con esercizi di potenziamento e stretching. Vengono in seguito studiate le tecniche, eseguite portando i colpi con gli arti superiori ed inferiori. Si procede quindi con lo studio di tecniche in combinazione (arti superiori ed inferiori) e con lo studio delle proiezioni. Per chi già pratica wushu-kung fu il corso si caratterizza come approfondimento dell’aspetto del combattimento; per coloro che invece non praticano discipline marziali può essere un valido metodo per tenersi in forma e imparare una tecnica di lotta.

Le competizioni di questo genere esistevano fin dall’antica Cina (il Lei Tai); gli incontri si concludevano spesso con la morte di uno dei contendenti o con gravi menomazioni fisiche, per questo motivo negli anni ‘60 il governo cinese, dopo lunghe trattative con i diversi Maestri, diede il via libera al Sanda moderno: uno sport completo, marziale e da allora, non violento. Furono sancite regole ben precise, molto severe atte ad evitare che gli atleti si potessero ferire, permettendo così ad ogni scuola di esprimere la propria esperienza e capacità.

Ora si combatte con protezioni sul corpo (guantoni, paradenti, caschetto, corpetto, conchiglia e paratibie) e sono valide una gran quantità di tecniche incluse le proiezioni a terra. Sono vietati i colpi alle articolazioni, gomitate, ginocchiate e le leve articolari.