Scienze e tecnologie per l'ambiente e il territorio

Università degli Studi di Udine
A Udine

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Udine
Descrizione

Corso realizzato in collaborazione con l'Università degli studi di TriesteL’offerta didattica dell'Università di Udine si distingue per i suoi corsi legati allo sviluppo della società e delle nuove professioni. L’ateneo di Udine offre, inoltre, la Scuola Superiore, istituto d’eccellenza per il conseguimento della laurea magistrale, cui accedono per concorso i migliori studenti italiani e stranieri.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Udine
Via Palladio 8, 33100, Udine, Italia
Visualizza mappa

Cosa impari in questo corso?

Ambiente e territorio

Programma

Corso realizzato in collaborazione con l'Università degli studi di Trieste

Dipartimento di riferimento del corso di studio:  Dipartimento di Scienze AgroAlimentari, Ambientali e Animali

Obiettivi formativi

Il corso di Laurea Magistrale Interateneo in Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e il Territorio (STAT) è attivato congiuntamente dall’Università di Udine e dall’Università di Trieste e prevede due curricula denominati Gestione del Territorio e Analisi e Controllo Ambientale in cui vengono approfonditi rispettivamente argomenti legati alla gestione del territorio e all’analisi e al monitoraggio ambientale.

Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e il Territorio (STAT) ha per obiettivo la formazione di figure professionali dotate delle capacità di organizzare l'analisi e la gestione degli ecosistemi che richiedono conoscenze multidisciplinari, e di lavorare con autonomia, professionalità e responsabilità di progetti e strutture con un ruolo dirigenziale e direttivo svolgendo attività di pianificazione, gestione, controllo e coordinamento anche introducendo in esse aspetti innovativi.

Le competenze acquisite dal laureato magistrale in Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e il Territorio riguardano in particolare:

- la padronanza delle discipline deputate allo studio delle componenti biotiche e abiotiche degli ecosistemi;

- la conoscenza degli ecosistemi, delle tecniche di gestione delle risorse animali e vegetali e di conservazione della biodiversità, della gestione del paesaggio e delle relative tecniche di progettazione;

- la capacità di agire per i ripristini e la conservazione della qualità di sistemi rurali e antropizzati, utilizzando conoscenze di chimica e biochimica degli inquinanti con le relative tecnologie di bonifica, di idrogeologia delle aree naturali insieme alle correlate tecniche di ingegneria naturalistica;

- la capacità di affrontare i problemi legati al controllo e alla gestione del territorio agroforestale, della prevenzione e dell'etica ambientale, all'analisi e alla valutazione degli impatti delle attività antropiche sul territorio e ai relativi processi decisionali;

- la padronanza dei metodi per il rilevamento, l'analisi, l'archiviazione e la gestione dell'informazione ambientale e territoriale, la conoscenza delle tecnologie classiche e innovative per le indagini sul territorio, la conoscenza dei metodi per l'ottenimento di previsioni e/o simulazioni a diverse scale spaziali e temporali.

Sono altresì competenze generali acquisite nel percorso formativo:

- la capacità di utilizzare autonomamente le più importanti tecniche e metodiche sperimentali, così come di descrivere, analizzare e valutare criticamente i dati provenienti dal laboratorio e dal territorio;

- la capacità di valutare le implicazioni sociali ed etiche nella programmazione di interventi sull'ecosistema;

- l'abilità a comunicare oralmente e per iscritto a un pubblico di esperti e a un pubblico non specialistico con proprietà di linguaggio e utilizzando i registri adeguati ad ogni circostanza;

- la conoscenza approfondita della lingua inglese nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali, con particolare riferimento ai lessici propri del settore;

- la conoscenza degli strumenti di aggiornamento scientifico per le discipline del settore e capacità di accedere alla letteratura scientifica prodotta in almeno una lingua europea oltre alla propria.

Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e il Territorio intende realizzare tali obiettivi attraverso una didattica fortemente basata sul coinvolgimento attivo dello studente, dedicando adeguato spazio alle attività pratico-applicative. Sono funzionali a tale scopo anche lo sviluppo da parte degli studenti di progetti, così come i rapporti da instaurarsi con le componenti delle realtà operative attraverso lo svolgimento del tirocinio pratico-applicativo.

Sbocchi professionali

Il laureato magistrale in Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e il Territorio occupa un ruolo nel mondo del lavoro ai livelli decisionali superiori; in particolare se ne prevede l'impiego in attività:
- di ricerca naturalistica, sia di base che applicata, di analisi e modellizzazione di sistemi ambientali;

- di censimento del patrimonio naturalistico e progettazione di piani di monitoraggio;

- analisi, valutazione e monitoraggio ambientale di opere, piani, progetti, processi produttivi e prodotti;

- di valutazione d'impatto, pianificazione, progettazione, recupero e gestione dell'ambiente naturale;

- di gestione faunistica e di conservazione della biodiversità, per l'applicazione di quegli aspetti della legislazione ambientale che richiedono competenze ambientalistiche, con particolare riferimento agli studi di impatto (comparto flora-fauna) e alla valutazione di incidenza;

- di redazione di carte tematiche (biologiche e abiologiche) anche attraverso l'uso di GIS e database collegati;

- di organizzazione e direzione di musei scientifici, giardini botanici e parchi naturalistici;

- di educazione naturalistica e ambientale come la realizzazione di materiali didattici anche a supporto multimediale per scuole, università, musei naturalistici, parchi e giardini botanici;

- di progettazione e gestione di itinerari naturalistici;

- progettazione e direzione di opere nell'ambito di protezione, conservazione, bonifica, riqualificazione e ripristino ambientale;

- di divulgazione dei temi ambientali e delle conoscenze naturalistiche;

- di programmazione, organizzazione e verifica in modo coordinato ed integrato con altre figure professionali la gestione delle attività sopraelencate;

- di insegnamento nella scuola per materie riferibili all'educazione ambientale e alle scienze naturali, previo conseguimento dell'abilitazione e/o superamento dei relativi concorsi, secondo quanto previsto dalla normativa vigente.

Ai sensi del DPR 5/6/01 n.328, la Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e il Territorio rappresenta requisito per l'ammissione all'Esame di Stato il cui superamento consente l'iscrizione ai seguenti albi professionali:

- ordine dei dottori agronomi e dottori forestali, Sezione A (titolo di dottore agronomo e dottore forestale);

- ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, Sezione A - settore paesaggistica (titolo di paesaggista);

- ordine dei biologi, Sezione A (titolo di biologo);

- ordine dei geologi, Sezione A (titolo di geologo).

 

Se sei già iscritto al corso di laurea: informazioni su orari, programmi e didattica

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto