Scrittura e Potere Dell'Immaginazione

Centro il Garage
A Lucignano (Arezzo)

80 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laboratorio
  • Lucignano (arezzo)
  • 12 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: conoscere più da vicino il modo della scrittura e le sue "regole".
Rivolto a: Il corso è aperto a tutti coloro che desiderino approfondire e offrire a se stessi e alle proprie potenzialità nuovi stimoli, idee, conoscenze, possibilità...!

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Lucignano (Arezzo)
Loc. La Casalta 97 , 52046, Arezzo, Italia

Domande più frequenti

· Requisiti

il corso è aperto a tutti

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

Scrittura e potere dell'immaginazione tenuto da Valentina Cidda

9-10 APRILE 2010

prossimo calendario: 7-8 MAGGIO 2010

Laboratorio di scrittura.
Esercitazioni, riflessioni, regole, segreti della scrittura in generale e, nello specifico, della scrittura teatrale.
Come si disegna un personaggio? Come nasce, come vive, come muore? Come muovere le trame di un racconto?
Oggetti, scene, sfumature, elementi fondanti di una storia. Il potere dell'immaginazione. La scrittura parallela. Il dialogo. Il monologo.Il confronto.
La parola silenziosa e la voce dei silenzi. La pausa come elemento fondante. Il ritmo. Il respiro. etc. …
Lettura collettiva di passi di letteratura e letteratura teatrale, discussioni e riflessioni, domande e risposte, esercitazioni di scrittura creativa.
12 ore suddivise due incontri di 6 ore ciascuno. Orario mattina e pomeriggio. (possibilità di concordarlo)
10-12 partecipanti

Valentina Cidda

Cantante, pianista, attrice, regista, scrittrice. Nata a Roma il 13-01-78. Fin da molto piccola segue suo padre, Mario Maldesi, nel suo lavoro (regia e direzione di post-sincronizzazione e doppiaggio cinematografico) che le consente di vivere in strettissimo contatto con il mondo del teatro e del cinema. Comincia da bambina a recitare, tanto sui palcoscenici quanto in sala di registrazione, ma ciò che più l’attrae è la struttura portante delle opere che incontra, lo scheletro della scrittura. Scrive e riceve numerosissimi premi e riconoscimenti durante gli anni. Comincia quindi a lavorare come dialoghista e adattatrice cinematografica mettendo la sua firma sotto le versioni italiane di film quali: “L’estate di Kikugiro” di Takeshi Kitano, “Una storia vera” di David Linch, “La tigre e il dragone” di Ang Lee, “Regole d’onore” e “The Hunted”, di Wiliam Friedkin. Offre inoltre una collaborazione intensa a Riccardo Aragno, storico dialogista di Kubrik, per “Eyes wide shut”, l’ultimo film terminato dopo la morte del regista. Studia pianoforte e composizione in conservatorio fino all’ottavo anno. Si distacca poi dall’ambiente classico attratta sempre più da ambiti di sperimentazione e ricerca e la musica diventa a quel punto componente importante del proprio lavoro teatrale. Continua a dedicarsi al teatro, alla scrittura teatrale e soprattutto alla regia. Prende parte (come regista, come autrice o come musicista) alla realizzazione di svariati spettacoli ed eventi sul territorio nazionale Riceve l’incarico di ideatrice e curatrice di eventi teatrali e culturali per diversi Comuni, Istituzioni e Accademie in svariate occasioni. Alla fine del 2004 istituisce il gruppo di ricerca e produzione teatrale Dulcamara Teatro. La compagnia Dulcamara e i progetti da essa ideati si muovono sempre verso un teatro sperimentale dotato di un linguaggio espressivo proprio, sempre più definito e forte di una intensa e consapevole ricerca sul piano sostanziale ed estetico. Nel 2005 inaugura il Centro Il Garage - di cui assume la direzione artistica - centro di studio e ricerca cinematografica, teatrale e musicale che ospita annualmente workshop di artisti di fama internazionale oltre a performance, cineforum e concerti. Tutte le proposte del Centro Il Garage ruotano intorno a realtà più o meno fuori dal "sistema", realtà alternative, musica indie, sperimentazione ecc. Laureata in Filosofia della Comunicazione con il massimo dei voti con una tesi dal titolo "Ai margini dell’evoluzione: spunti riflessivi sul corpo tra biologia e tecnologia". Sempre nel 2006 aderisce alla fondazione della band indie-pop Kiddycar. Valentina Cidda è di fatto la “voce” della band.

E qualche nota in più:

Scrive e riceve numerosissimi premi e riconoscimenti durante gli anni tra cui: “Premio della critica Grinzane Cavour sezione giovani inediti” ; Premio Colosseo, indetto dalla casa editrice romana Lo Faro, che le offre, all’età di diciassette anni, la sua prima pubblicazione per la raccolta di racconti “Nevica”; Premio L’Autore, indetto dalla casa editrice Firenze Libri; Premio di poesia Ciro Coppola, Organizzato nell’isola d’Ischia con il premio del Presidente della Repubblica e il Patrocinio del ministero della pubblica istruzione, Premio Eugenio Montale sezione giovani inediti ecc. Inoltre partecipa a festival di drammaturgia e riceve riconoscimenti anche in ambito teatrale.

Comincia quindi a lavorare come dialoghista e adattatrice cinematografica mettendo la sua firma sotto film come “L’estate di Kikugiro” di Takeshi Kitano, “Una storia vera” di David Linch, “La tigre e il dragone” di Ang Lee, “Regole d’onore” di Wiliam Friedkin. Offre inoltre una collaborazione intensa a Riccardo Aragno, storico dialogista di Kubrik, per “Eyes wide shut”, l’ultimo film terminato dopo la morte del regista.

Firma anche la versione italiana di “The Hunted”, di Wiliam Friedkin.

Studia pianoforte e composizione in conservatorio fino all’ ottavo anno.

Si distacca poi dall’ambiente classico e la sua musica diventa a quel punto componente importante del proprio lavoro teatrale.

Studia etnomusicologia.

Continua a dedicarsi al teatro, alla scrittura teatrale e soprattutto alla regia.

Nel corso dell’anno 2002 è fondatrice della compagnia teatrale “Il Guazzabuglio” all’interno della quale occupa il ruolo di regista e drammaturga oltre che di direttrice.

Il 13 settembre 2003 realizza, come ideatrice e regista dello spettacolo, presso il Teatro Petrarca di Arezzo lo spettacolo “IMPRONTE”. Trattasi di un evento promosso dall’Ente Nazionale Protezione Animali con la collaborazione attiva del Comune e della provincia di Arezzo nonché della Regione Toscana.

Prende parte personalmente, (come regista, come autrice o come pianista) alla realizzazione di svariati spettacoli, tra i più recenti: Targhet Chiusi, (in qualità di autrice del testo) spettacolo per voce e chitarra interamente prodotto dal Comune di Chiusi in memoria del bombardamento della stazione avvenuto alla fine della guerra;

Continua a scrivere anche al di là delle produzioni della propria compagnia. Tra i suoi testi attualmente sulla scena nazionale In via della memoria, monologo sulla Shoah interpretato da Alessandro Gigli e diretto da Pierluigi Castelli.

Ulteriori informazioni

Alunni per classe: 12

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto