"i futuri agenti del cambiamento partono da qui"

Specializzazione Manageriale in Comunicazione, Problem Solving e Coaching Strategico

STC - Change Strategies
A Arezzo

6.900 
+IVA
Preferisci chiamare subito il centro?
05753... Leggi tutto

Informazione importanti

  • Scuola di specializzazione
  • Arezzo
  • 176 ore di lezione
  • Durata:
    1 Anno
  • Quando:
    Da definire
  • Crediti:
Descrizione

PROBLEM SOLVING E COMUNICAZIONE STRATEGICA
Logica di Problem Solving e Linguaggio rappresentano le due anime dell' approccio strategico; non esiste problem solving strategico senza comunicazione strategica, non esiste comunicazione strategica senza problem solving strategico. Due facce della stessa medaglia che vanno armonizzate, in modo da creare una sorta di danza comunicativa per cui il cambiamento prefissato sia reso non solo possibile ma inevitabile.
LA COMUNICAZIONE STRATEGICA: "Non si può non comunicare" è il primo postulato della Pragmatica della Comunicazione di Watzlawick. Dunque si deve scegliere se farlo in modo casuale e subire tale ineluttabilità, oppure scegliere di farlo strategicamente e gestirla. La comunicazione può essere definita come l' attività che ci permette di mandare segnali che, a loro volta, generano risposte significative nell' ambiente, attuando un processo interazionale e teoricamente infinito di azioni e retroazioni.
IL DIALOGO STRATEGICO: Rappresenta il punto di arrivo di un percorso di ricerca, applicazione clinica e consulenza manageriale realizzata nell' arco di oltre 15 anni presso lo Strategic Therapy Center di Arezzo. Tale cammino ha visto impegnati a dare il loro contributo non solo Giorgio Nardone ma molti altri colleghi, collaboratori, studiosi sia Italiani che stranieri oltre che i clienti, spesso inconsapevoli dell' aiuto offerto durante le nostre consulenze. Il Dialogo Strategico, come sintesi evoluta dell' antica retorica del linguaggio ipnotico e della pragmatica è divenuta la tecnica più avanzata per condurre un singolo colloquio, capace di indurre radicali cambiamenti nell' interlocutore, rappresenta oggi la sintesi di tutto ciò che è stato realizzato in precedenza.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Da definire
Arezzo
Piazza S. Agostino, 11A, 52100, Arezzo, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

La Mission principale della scuola è quello di accompagnare le persone a trasformarsi in "protagoniste del cambiamento" insegnando loro a passare da una realtà che si subisce ad una realtà che si costruisce e gestisce

· A chi è diretto?

La Scuola si rivolge a tutti coloro che vogliono essere artefici del proprio destino nell' avventura vincente della vita. Uomini e donne eccellenti che aiutano se stessi, gli altri e le organizzazioni in cui vivono o lavorano a progredire: IMPRENDITORI, AMMINISTRATORI DELEGATI, DIRETTORI GENERALI, DIRETTORI RISORSE UMANE, DIRETTORI DI STABILIMENTO, DIRETTORI DI QUALITA', PROJECT MANAGER, FORMATOR, COACH, CONSULENTI, RESPONSABILI DI STRUTTURE.

· Requisiti

Per poter accedere alla Scuola è necessario inviare un C.V. Breve ed una lettera motivazionale per la selezione da parte del nostro Comitato Scientifico

· Quali saranno i passi successivi alla richiesta di informazioni?

Una volta che riceveremo la sua richiesta di informazione, entro 24 ore riceverà una mail di risposta o se preferisce una telefonata, dandole tutte le informazioni di cui necessità.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Comunicazione
Comunicazione verbale
Comunicazione non verbale
Comunicazione para verbale
Comunicazione strategica
Coaching Strategico
Coaching
Problem solving strategico
Gestione risorse umane
Gestione del personale
Management
Management aziendale
Gestione aziendale
Gestione d' impresa
Tecniche di comunicazione efficace
Tecniche di vendita
Resilienza
Gestione dello stress
Formazione aziendale
Business aziendale

Professori

Formatori S.T.C.
Formatori S.T.C.
Change Strategies

Prof. Giorgio Nardone
Prof. Giorgio Nardone
Prof.

Fondatore, insieme a Paul Watzlawick del Centro di Terapia Strategica di Arezzo (C.T.S), dove svolge la sua attività di psicologo, psicoterapeuta, didatta e coach. Considerato l’esponente di maggior spicco della Scuola di Palo Alto, ha inventato, decine di tecniche innovative e protocolli specifici di trattamento attraverso i quali è giunto a finalizzare due suoi personali Modelli di intervento: la Terapia Breve Strategica®, per il trattamento di gravi patologie psichiche e comportamentali ed il Problem Solving & Coaching Strategico®, che si distingue per la sua capacità di intervento nelle situazioni in cui la razionalità e le tecniche ordinarie non funzionano, sia per la soluzione di problemi in ambito aziendale che per il raggiungimento di obiettivi o per il miglioramento di una performance manageriale o sportiva. Dirige la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Breve Strategica del C.T.S. ed è Direttore Scientifico della società di formazione e consulenza manageriale “S.T.C. Change Strategies” con la quale ha svolto numerose consulenze e progetti formativi per numerose aziende ed istituzion. Autore di 28 opere tradotte in molte lingue straniere, dirige per Ponte alle Grazie la Collana: “Saggi di Terapia Breve”. Da oltre venti anni tiene conferenze e seminari in tutto il mondo.

Programma

1 giorno «Sono le nostre teorie che determinano le nostre osservazioni»
INTRODUZIONE AL MODELLO STRATEGICO APPLICATO AI CONTESTI ORGANIZZATIVI

  • La logica strategica in ambito organizzativo.
  • La consulenza di processo e il ruolo del consulente strategico.
  • Il modello di intervento strategico nelle organizzazioni: i 4 stadi operativi.
  • Definire l’obiettivo in maniera pragmatica.


2 giorno «E’ con le migliori intenzioni che il più delle volte si ottengono gli effetti peggiori.»
IL PROBLEM SOLVING STRATEGICO

  • Quando la soluzione diventa il problema: analisi di problemi e tentate soluzioni nei contesti organizzativi.
  • Strategie per creare soluzioni alterative a quelle disfunzionali.
  • Conoscere i problemi mediante le loro soluzioni.
  • Interventi di consulenza, coaching, formazione.


3 giorno «La maggioranza dei problemi non deriva dalle risposte che ci diamo ma dalle domande che ci poniamo.»
LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRATEGICO PER DEFINIRE E CHIARIRE GLI OBIETTIVI E
SVELARE LE TENTATE SOLUZIONI DISFUNZIONALI

  • La ricerca delle eccezioni.
  • La tecnica dello "scenario oltre il problema".
  • La tecnica del "come peggiorare".


4 giorno «Ogni viaggio di mille miglia inizia con un piccolo passo.»
LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRATEGICO

  • Gestire obiettivi complessi ed articolati.
  • La tecnica dello "scalatore” per il frazionamento degli obiettivi.
  • Case history: spezzone video intervento aziendale di G. Nardone


5 giorno «Prima di convincere l’intelletto occorre toccare e predisporre il cuore».
LA COMUNICAZIONE STRATEGICA COME VEICOLO DI CAMBIAMENTO

  • Dalla comunicazione che spiega alla comunicazione che persuade.
  • La cattura e l’influenzamento.
  • L’arte di “sintonizzarsi”.
  • La tecnica della ristrutturazione strategica.


6 giorno «Se vuoi persuadere qualcuno fallo attraverso le sue stesse argomentazioni.»
LA RESISTENZA AL CAMBIAMENTO

  • Le resistenze al cambiamento: il collaborativo, colui che vorrebbe ma non può, l’oppositivo, chi non può né collaborare né opporsi.
  • Tecniche comunicative per aggirare la resistenza al cambiamento.
  • Case history: spezzone video intervento aziendale di G. Nardone


7 giorno «Un discorso che abbia persuaso una mente costringe la mente che ha persuaso e a credere nei detti e a consentire nei fatti»
TECNICHE EVOLUTE DI COMUNICAZIONE PERSUASORIA: IL DIALOGO STRATEGICO(II)
Ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo: l’arte di dialogare strategicamente

  • La struttura del dialogo strategico e le sue applicazioni: Le domande ad illusione di alternative
  • Le parafrasi ristrutturanti
  • Evocare sensazioni
  • Il riassumere per ridefinire
  • Il prescrivere come scoperta congiunta


8 giorno «Le stesse parole in sequenza diversa daranno risultati differenti»
Tecniche evolute di comunicazione persuasoria: il dialogo strategico(II)

  • Learning by doing: esercitazioni focalizzate sull’apprendere
  • L’arte delle domande ad illusione di alternativa di risposte
  • Il riassumere parafrasando per creare il processo di cambiamento strategico delle percezioni dell’interlocutore


9 giorno «La realtà non è quello che ci accade, ma ciò che facciamo con quello che ci accade»
LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRATEGICO APPLICATE AI CONTESTI ORGANIZZATIVI
In particolare verranno approfonditi i seguenti temi:

  • la costruzione della strategia adatta al problema e finalizzata all’obiettivo: strategie problem-oriented e solution-oriented;
  • la tecnica del “come se”; - la scala di auto-valutazione.


10 giorno «Quello che può essere fatto con poco invano viene fatto con molto»
CAVALCARE LA PROPRIA TIGRE: L’ARTE DELLO STRATAGEMMA E LE LOGICHE NON ORDINARIE

  • I 13 stratagemmi essenziali: criteri di logica non ordinaria per il cambiamento strategico


11 giorno «Non bisogna far violenza alla natura, ma persuaderla.»
APPLICAZIONI DI PROBLEM SOLVING E COMUNICAZIONE STRATEGICA NEI CONTESTI ORGANIZZATIVI (I)

  • Case history: spezzone video intervento aziendale di G. Nardone
  • Learning by doing: le esercitazioni di questa giornata saranno focalizzate sulla applicazione a casi concreti presentati dai partecipanti di quanto appreso in ambito sia di comunicazione che di problem solving.


12 giorno «Se vuoi convincere gli altri, devi sembrare pronto a farti convincere »
GLI AFORISMI COME LEVA DEL CAMBIAMENTO

  • Il linguaggio evocativo per indurre il cambiamento
  • Costruire analogie, metafore e narrazioni
  • L’uso strategico degli aforismi
  • Case history: spezzone video intervento aziendale di G. Nardone


13 giorno «Spontaneità, altro non è che l’ultimo apprendimento divenuto acquisizione.»
APPLICAZIONI DI PROBLEM SOLVING E COMUNICAZIONE STRATEGICA NEI CONTESTI ORGANIZZATIVI (II)

  • Learning by doing: le esercitazioni di questa giornata saranno focalizzate sulla applicazione a casi concreti presentati dai partecipanti di quanto appreso in ambito sia di comunicazione che di problem solving strategico.


14 giorno «Il genio altro non è che la capacità di osservare la realtà da prospettive non ordinarie»
L’AUTOINGANNO STRATEGICO: DALLA REALTÀ SUBITA ALLA REALTÀ GESTITA

  • Dall’illusione della verità oggettiva all’acquisizione della consapevolezza operativa.
  • Struttura e funzionamento dell’autoinganno.
  • Inganni subiti, inganni gestiti.
  • Le tentate soluzioni ridondanti: quando l’agire conduce all’autoinganno.
  • Credenze rassicuranti: quando le idee assunte conducono all’autoinganno.
  • La spontaneità come apprendimento diventata acquisizione.
  • L’utilizzo dell’autoinganno come risorsa personale.


SCOPRIRE I NOSTRI LIMITI, IMPARARE A GESTIRLI PER POI TRASFORMARLI IN RISORSE

Questa seconda parte del programma condurrà i partecipanti ad apprendere l’arte della“comunicazione non verbale strategica” dimostratasi in grado di influenzare le azioni e le credenze sia proprie che degli altri, poiché a qualunque campo io mi possa applicare non potrò eludere gli effetti suggestivi del mio comunicare con gli altri e con me stesso. Li condurrà, inoltre, a "cavalcare la propria tigre” una concreta abilità frutto di studio prolungato e costante applicazione, perché se possiamo essere bravi nell’ingannare gli altri sulle nostre reali capacità, non possiamo farlo così bene con noi stessi, quando ci troviamo concretamente di fronte ai nostri limiti.



15 giorno «Agisci sempre in modo da aumentare il numero delle scelte»
IL DIALOGO STRATEGICO (LIVELLO AVANZATO) (II)
Apprendere come:

  • costruire domande strategiche e predisporre la loro sequenza ad imbuto;
  • parafrasare ristrutturando a livello logico e a livello analogico;
  • riassumere ridefinendo modificando le percezioni;
  • selezionare sentenze ed immagini evocative;
  • prescrivere come effetto dell’accordo raggiunto.


16 giorno «Non c’è niente che non si possa rendere naturale, non vi è niente di naturale che non si possa perdere»
IL COACHING STRATEGICO: VALUTAZIONE STRATEGICA DELLE TENTATE SOLUZIONI RIDONDANTI: QUELLE
SCELTE DELIBERATAMENTE, QUELLE SPONTANEE ED IRREFRENABILI; QUELLE SUBITE ED INEVITABILI

  • I punti di impatto fallimentare delle tentate soluzioni ridondanti: la strategia, la comunicazione, la relazione.
  • Individuare ed utilizzare le eccezioni alle tentate soluzioni fallimentari.
  • Individuazione e messa a punto di strategie di soluzione alternative.


17 giorno «Ottimo relatore è colui che parlando istruisce, diletta e nello stesso tempo commuove l’animo dei suoi ascoltatori»
LA VOCE COME ESTENSIONE DEL CORPO

  • Della Prosodia e cambiamenti del tono della voce
  • Timbro, ritmo, frequenza e pause
  • Musicalità e vivacità vocale
  • Armonie e dissonanze negli accordi vocali: creare l’armonia delle ridondanze
  • Sintonizzare il verbale con il non verbale.


18 giorno «Gli elementi contrastanti si accordano e da ciò che discorda deriva la più bella armonia»
LA COMUNICAZIONE NON VERBALE DINAMICA
la gestione:

  • Dello Sguardo, modalità di influenzamento attraverso il contatto oculare.
  • Della Prossemica: gestione della distanza e danza tra intimità e distacco
  • Della Postura e movimenti suggestivi del corpo
  • Del Sorriso e della Mimica facciale.
  • Sintonizzarsi per evocare nuove percezioni nell’interlocutore


19 giorno«Siccome ho molta fretta, vado molto piano»
DIALOGARE STRATEGICAMENTE CON SE STESSI: SELF COACHING STRATEGICO

  • Applicazione del dialogo strategico al modello di coaching.
  • Indagare cambiando le proprie prospettive.
  • Utilizzo del dialogo strategico come forma di auto inganno capace di trasformare i propri limiti in risorse.
  • Analisi delle incapacità strategiche.
  • Analisi delle sensazioni che veicolano le nostre reazioni.
  • Stratagemmi evoluti per ri-orientare le nostre inclinazioni disfunzionali.


20 giorno «Il vero maestro non mostra la sua arte, la condivide con te»
IL COACHING STRATEGICO E L’ESERCIZIO DELLA LEADERSHIP

  • La costruzione del carisma personale: tecniche avanzate per la gestione del proprio stile comunicativo non verbale.
  • Strategie e tattiche per rendere magiche le proprie parole.
  • Ispirare, indicare, ingiungere, delegare, controllare: cavalcare il cambiamento.


21 giorno «Quello che ti manca chiedilo in prestito a te stesso»
IMPARARE OSSERVANDO - CASE HISTORY INTEGRALE

  • Questa giornata sarà dedicata alla visione integrale di video di un intervento aziendale con G. Nardone,
  • Spiegazione ed esercitazioni sulle tecniche da lui utilizzate.


22 giorno «Sii quello che vorresti che il mondo fosse»
IL COACHING STRATEGICO: COSTRUIRE LA PROPRIA RESILIENZA E SVILUPPARE LA PROPRIA
INVENTIVA E CREATIVITÀ

  • Gestione delle proprie modalità di percezione e di reazione nei confronti delle situazioni più stressanti
  • Apprendere a utilizzare appieno le proprie risorse nei confronti dei più complicati problemi.
  • Comunicare con se stessi e gli altri in modo da evitare di intrappolarsi in rigidi frame.
  • L’arte dello stratagemma nella sua essenza applicativa.

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto