Tecniche del Costruire

Università degli Studi di Chieti e Pescara Gabriele d'Annunzio
A Chieti

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Chieti
Descrizione


Rivolto a: il laureato concorre e collabora all'attività di progettazione nei campi di esercizio dell'attività professionale dell'architettura e dell'ingegneria edile.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Chieti
via dei Vestini, 31 , 66100, Chieti, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

diploma di scuola secondaria superiore (corso quinquennale)

Programma

Domanda di formazione

Il nuovo ordinamento degli studi prevede una organizzazione didattica che sappia conciliare requisiti di qualità ed efficienza con l'opportunità di offrire percorsi formativi più articolati e flessibili, e di rispondere alle domande innovative del mercato del lavoro e delle professioni, che richiedono una solida formazione di base, ma anche approfondimenti mirati, secondo profili potenzialmente diversificati.
Con queste finalità, accanto al percorso tradizionale per la formazione dell'architetto articolato sulla successione tra laurea triennale e laurea specialistica, viene attivato il corso triennale denominato "Tecniche del costruire", finalizzato alla formazione di tecnici laureati, disponibili a esperienze di lavoro immediato, in settori che esprimono una domanda c onsistente e continua, e che generalmente garantiscono responsabilità e soddisfazioni di notevole interesse.

Obiettivi formativi

Il corso di laurea in "Tecniche del costruire" è indirizzato alla formazione di una figura professionale di operatore nel campo dell'architettura e dell'edilizia, che concorra e collabori, in diversi ambiti, alle attività di programmazione, progettazione e attuazione degli interventi di trasformazione dell'ambiente costruito. Il laureato ha una preparazione che gli permette di recepire e gestire l'innovazione, coerentemente con lo sviluppo scientifico e tecnologico, nell'ambito disciplinare dell'architettura e dell'ingegneria edile. La formazione è finalizzata alla conoscenza e comprensione delle problematiche e dei caratteri compositivi, tecnico-strutturali, tipologico-distributivi, tecnologici di un organismo edilizio, nelle sue componenti materiali e costruttive, ed in rapporto al contesto fisico-ambientale, storico, socio-economico e produttivo dell'intervento di trasformazione insediativa. In questo campo le competenze specifiche del laureato riguardano le attività connesse con la progettazione architettonica, con particolare riguardo alla progettazione ed all'analisi delle strutture, alla definizione delle scelte tecnologiche e costruttive e al loro risvolto esecutivo, all'organizzazione e conduzione del cantiere edile, alla gestione e valutazione economica dei processi edilizi, alla direzione tecnico-amministrativa dei processi di produzione industriale di materiali e componenti per le costruzioni, nonché alla manutenzione, alla riabilitazione ed all'adeguamento dei manufatti edilizi.

Profilo scientifico-professionale del corso

Rispetto al tradizionale corso di studi in architettura, la laurea in "Tecniche del costruire" si caratterizza per un maggior approfondimento delle discipline tecnico-scientifiche (Tecnologia dell'architettura, Scienza e Tecnica delle costruzioni), e delle tematiche costruttive ed esecutive dell'architettura.
La laurea in "Tecniche del costruire" mira, in generale, a fornire le competenze necessarie per svolgere attività di:
• ausilio alle operazioni di programmazione, progettazione e attuazione del costruito;
• analisi e valutazione dei prodotti dell'architettura e dell'ingegneria edile nei loro aspetti tipologico-distributivi, strutturali, costruttivi, tecnologici;
• gestione dei processi produttivi e attuativi dell'edilizia;
• organizzazione e conduzione del cantiere edile;
• analisi e controllo dell'impatto ambientale nell'impiego dei materiali e componenti per le costruzioni;
• manutenzione, riabilitazione e recupero dei manufatti edilizi;
• controllo della sicurezza dei cantieri;
• direzione tecnico-amministrativa ed economica dei processi di produzione industriale di materiali e componenti per le costruzioni.

Sbocchi professionali

Con riferimento agli obiettivi della classe 4 (architettura e ingegneria edile), il laureato concorre e collabora all'attività di progettazione nei campi di esercizio dell'attività professionale dell'architettura e dell'ingegneria edile. Esercita la sua attività in istituzioni ed enti pubblici, in aziende, in studi professionali, in società di promozione e di ingegneria operanti nei campi della progettazione architettonica e urbana, oltre che in industrie del settore della costruzione e della produzione di manufatti per l'edilizia, di elementi costruttivi, di finitura e di allestimento. Ha compiti di ausilio alla progettazione, organizzazione e conduzione del cantiere edile, di progettazione e gestione della sicurezza, di rilevazione del costruito, di gestione e stima economica dei processi edilizi, di assistenza tecnico-commerciale.

Prova finale per il conseguimento del titolo

Nella prova finale per il conseguimento della laurea triennale lo studente illustrerà una sintesi critica del proprio percorso formativo, sulla base di un port-folio che documenti quanto prodotto nel corso degli studi. Nell'elaborazione della sintesi critica lo studente sarà seguito da un docente. La prova finale sarà valutata quattro crediti.

Conoscenze richieste per l'accesso

Si richiedono le conoscenze fornite da un diploma di scuola secondaria superiore (corso quinquennale).

Propedeuticità

Per gli insegnamenti su più annualità non si può sostenere l'esame relativo alla disciplina successiva se non si è superato l'esame relativo alla precedente.

Prova d'esame

L'accertamento dei crediti sarà verificato mediante prova d'esame orale e/o scritta o mediante altre verifiche interne ai laboratori.

Tirocinio

Le attività di tirocinio sono svolte presso strutture pubbliche o private convenzionate con la facoltà di architettura. Prima dell’inizio dell’attività di tirocinio deve essere definito il progetto formativo che sarà concordato con la commissione tirocinio e controfirmato dal tutor della struttura pubblica/privata.I moduli per le nuove convenzioni con le strutture pubbliche/private e quelli per la definizione dei progetti formativi si possono ritirare presso l’ufficio del manager didattico.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto