Tecniche della Prevenzione Nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (Abilitante alla Professione Sanitaria di Tecnico della Prevenzione Nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro)

Università degli Studi di Firenze
A Firenze

Chiedi il prezzo
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Laurea
Inizio Firenze
  • Laurea
  • Firenze
Descrizione

Informazioni importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Firenze
P.zza San Marco, 4, 50121, Firenze, Italia
Visualizza mappa
Inizio Consultare
Luogo
Firenze
P.zza San Marco, 4, 50121, Firenze, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

Obiettivi formativi specifici
A) OBIETTIVI GENERALI
I laureati nella classe sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 4, comma 1, gli operatori delle professioni tecniche della prevenzione che svolgono con autonomia tecnico-professionale attività di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene e sanità pubblica e veterinaria. Tali attività devono comunque svolgersi nell'ambito della responsabilità derivante dai profili professionali. I laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministro della sanità 17 gennaio 1997, n. 58 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono responsabili, nell'ambito delle loro competenze, di tutte le attività di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene di sanità pubblica e veterinaria. I laureati in prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, operanti nei servizi con compiti ispettivi e di vigilanza, sono, nei limiti delle loro attribuzioni, ufficiali di polizia giudiziaria; svolgono attività istruttoria, finalizzata al rilascio di autorizzazioni o di nulla osta tecnico-sanitari per attività soggette a controllo
B) OBIETTIVI SPECIFICI
Nell'ambito dell'esercizio della professione:
  • istruiscono, determinano, contestano e notificano le irregolarità rilevate e formulano pareri nell'ambito delle loro competenze;
  • vigilano e controllano gli ambienti di vita e di lavoro e valutano la necessità di effettuare accertamenti ed inchieste per infortuni e malattie professionali;
  • vigilano e controllano la rispondenza delle strutture e degli ambienti in relazione alle attività ad esse connesse e le condizioni di sicurezza degli impianti;
  • vigilano e controllano la qualità degli alimenti e bevande destinati all'alimentazione dalla produzione al consumo e valutano la necessità di procedere a successive indagini specialistiche;
  • vigilano e controllano l'igiene e sanità veterinaria, nell'ambito delle loro competenze, e valutano la necessità di procedere a successive indagini;
  • vigilano e controllano i prodotti cosmetici; collaborano con l'amministrazione giudiziaria per indagini sui reati contro il patrimonio ambientale, sulle condizioni di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro e sugli alimenti;
  • vigilano e controllano quant'altro previsto da leggi e regolamenti in materia di prevenzione sanitaria e ambientale, nell'ambito delle loro competenze;
  • svolgono con autonomia tecnico professionale le loro attività e collaborano con altre figure professionali all'attività di programmazione e di organizzazione del lavoro della struttura in cui operano;
  • sono responsabili dell'organizzazione della pianificazione, dell'esecuzione e della qualità degli atti svolti nell'esercizio della loro attività professionale;
  • partecipano ad attività di studio, didattica e consulenza professionale nei servizi sanitari e nei luoghi dove è richiesta la loro competenza professionale;
  • contribuiscono alla formazione del personale e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale e alla ricerca;
  • svolgono la loro attività professionale, in regime di dipendenza o libero-professionale, nell'ambito del servizio sanitario nazionale, presso tutti i servizi di prevenzione, controllo e vigilanza previsti dalla normativa vigente.
  • Conoscono le principali norme di radioprotezione secondo i contenuti di cui all'all.IV del dlg 26.5.2000 n. 187.

    Conoscenze richieste per l'accesso (art.6 D.M. 509/99)
    Le conoscenze richieste per l'accesso al coso di laurea in Tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro sono quelle acquisite con il conseguimento del diploma di scuola media superiore quinquennale o di titolo estero equipollente, ai sensi dell'art. 6 del DM 3.11.99 n. 509

    Caratteristiche della prova finale
    Per essere ammesso all'esame finale di Laurea, che ha valore abilitante, lo studente deve:
    ·avere superato tutti gli esami previsti
    ·aver completato, con valutazione positiva, tutti i tirocini previsti
    L'esame finale del Corso di Laurea si svolge come previsto dal DM 2/4/2001 art. 6 comma 2

    Ambiti occupazionali previsti per i laureati
    I laureati nella classe sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 4, comma 1, gli operatori delle professioni tecniche della prevenzione che svolgono con autonomia tecnico-professionale attività di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene e sanità pubblica e veterinaria. Tali attività devono comunque svolgersi nell'ambito della responsabilità derivante dai profili professionali. I laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministro della sanità 17 gennaio 1997, n. 58 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono responsabili, nell'ambito delle loro competenze, di tutte le attività di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene di sanità pubblica e veterinaria. I laureati in prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, operanti nei servizi con compiti ispettivi e di vigilanza, sono, nei limiti delle loro attribuzioni, ufficiali di polizia giudiziaria; svolgono attività istruttoria, finalizzata al rilascio di autorizzazioni o di nulla osta tecnico-sanitari per attività soggette a controllo
    Attività di base
    Scienze biomediche

    CFU 11
    BIO/09: FISIOLOGIABIO/10: BIOCHIMICABIO/13: BIOLOGIA APPLICATABIO/16: ANATOMIA UMANAMED/04: PATOLOGIA GENERALEMED/07: MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA
    Scienze propedeutiche

    CFU 9
    FIS/07: FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA)INF/01: INFORMATICATotale CFU 20

    Attività caratterizzanti
    Scienze della prevenzione e dei servizi sanitari

    CFU 16.5
    M-EDF/01: METODI E DIDATTICHE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE E SPORTIVEMED/36: DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIAMED/42: IGIENE GENERALE E APPLICATAMED/44: MEDICINA DEL LAVOROMED/50: SCIENZE TECNICHE MEDICHE APPLICATE
    Scienze della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro

    CFU 32.5
    ING-INF/02: CAMPI ELETTROMAGNETICI MED/42: IGIENE GENERALE E APPLICATA
    Scienze medico-chirurgiche

    CFU 4
    BIO/14: FARMACOLOGIAMED/05: PATOLOGIA CLINICAMED/08: ANATOMIA PATOLOGICAMED/17: MALATTIE INFETTIVEMED/33: MALATTIE APPARATO LOCOMOTORETotale CFU 53

    Attività affini o integrative
    Scienze del management sanitario

    CFU 7
    SECS-P/07: ECONOMIA AZIENDALE
    Scienze interdisciplinari

    CFU 7
    CHIM/07: FONDAMENTI CHIMICI DELLE TECNOLOGIEICAR/03: INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALEICAR/20: TECNICA E PIANIFICAZIONE URBANISTICASECS-S/02: STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE E TECNOLOGICASECS-S/05: STATISTICA SOCIALEVET/04: ISPEZIONE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
    Scienze interdisciplinari cliniche

    CFU 6
    MED/03: GENETICA MEDICAMED/06: ONCOLOGIA MEDICAMED/44: MEDICINA DEL LAVORO
    Scienze umane e psicopedagogiche

    CFU 7
    M-PED/01: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE M-PED/03: DIDATTICA E PEDAGOGIA SPECIALEM-PSI/01: PSICOLOGIA GENERALEM-PSI/04: PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E PSICOLOGIA DELL'EDUCAZIONE MED/02: STORIA DELLA MEDICINASPS/07: SOCIOLOGIA GENERALETotale CFU 27
    Altre attività formativeA scelta dello studenteCFU 9Per la prova finaleCFU 9
    Prova finale
    CFU 9
    Lingua straniera
    CFU 2Altre (art. 10, comma 1, lettera f )CFU 1
    Ulteriori conoscenze linguistiche
    CFU 1
    Abilità informatiche e relazionali
    CFU 2.5
    Tirocini
    CFU 51
    Altro
    CFU 5.5
    Totale
    CFU 60Totale CFU 80

    Totale Crediti CFU Tecniche della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (Abilitante alla Professione Sanitaria di Tecnico della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro) 180
    Docenti di riferimento

    INGIULLA Marco

    Previsione e programmazione della domanda
    Programmazione nazionale delle iscr
  • Successi del Centro


    Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
    Leggi tutto