Tecniche della Prevenzione Nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (Abilitante alla Professione Sanitaria di Tecnico della Prevenzione Nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro)

Università degli Studi di Firenze
A Firenze

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Firenze
Descrizione

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Firenze
P.zza San Marco, 4, 50121, Firenze, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

Obiettivi formativi specifici
A) OBIETTIVI GENERALI
I laureati nella classe sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 4, comma 1, gli operatori delle professioni tecniche della prevenzione che svolgono con autonomia tecnico-professionale attività di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene e sanità pubblica e veterinaria. Tali attività devono comunque svolgersi nell'ambito della responsabilità derivante dai profili professionali. I laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministro della sanità 17 gennaio 1997, n. 58 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono responsabili, nell'ambito delle loro competenze, di tutte le attività di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene di sanità pubblica e veterinaria. I laureati in prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, operanti nei servizi con compiti ispettivi e di vigilanza, sono, nei limiti delle loro attribuzioni, ufficiali di polizia giudiziaria; svolgono attività istruttoria, finalizzata al rilascio di autorizzazioni o di nulla osta tecnico-sanitari per attività soggette a controllo
B) OBIETTIVI SPECIFICI
Nell'ambito dell'esercizio della professione:
  • istruiscono, determinano, contestano e notificano le irregolarità rilevate e formulano pareri nell'ambito delle loro competenze;
  • vigilano e controllano gli ambienti di vita e di lavoro e valutano la necessità di effettuare accertamenti ed inchieste per infortuni e malattie professionali;
  • vigilano e controllano la rispondenza delle strutture e degli ambienti in relazione alle attività ad esse connesse e le condizioni di sicurezza degli impianti;
  • vigilano e controllano la qualità degli alimenti e bevande destinati all'alimentazione dalla produzione al consumo e valutano la necessità di procedere a successive indagini specialistiche;
  • vigilano e controllano l'igiene e sanità veterinaria, nell'ambito delle loro competenze, e valutano la necessità di procedere a successive indagini;
  • vigilano e controllano i prodotti cosmetici; collaborano con l'amministrazione giudiziaria per indagini sui reati contro il patrimonio ambientale, sulle condizioni di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro e sugli alimenti;
  • vigilano e controllano quant'altro previsto da leggi e regolamenti in materia di prevenzione sanitaria e ambientale, nell'ambito delle loro competenze;
  • svolgono con autonomia tecnico professionale le loro attività e collaborano con altre figure professionali all'attività di programmazione e di organizzazione del lavoro della struttura in cui operano;
  • sono responsabili dell'organizzazione della pianificazione, dell'esecuzione e della qualità degli atti svolti nell'esercizio della loro attività professionale;
  • partecipano ad attività di studio, didattica e consulenza professionale nei servizi sanitari e nei luoghi dove è richiesta la loro competenza professionale;
  • contribuiscono alla formazione del personale e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale e alla ricerca;
  • svolgono la loro attività professionale, in regime di dipendenza o libero-professionale, nell'ambito del servizio sanitario nazionale, presso tutti i servizi di prevenzione, controllo e vigilanza previsti dalla normativa vigente.
  • Conoscono le principali norme di radioprotezione secondo i contenuti di cui all'all.IV del dlg 26.5.2000 n. 187.

    Conoscenze richieste per l'accesso (art.6 D.M. 509/99)
    Le conoscenze richieste per l'accesso al coso di laurea in Tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro sono quelle acquisite con il conseguimento del diploma di scuola media superiore quinquennale o di titolo estero equipollente, ai sensi dell'art. 6 del DM 3.11.99 n. 509

    Caratteristiche della prova finale
    Per essere ammesso all'esame finale di Laurea, che ha valore abilitante, lo studente deve:
    ·avere superato tutti gli esami previsti
    ·aver completato, con valutazione positiva, tutti i tirocini previsti
    L'esame finale del Corso di Laurea si svolge come previsto dal DM 2/4/2001 art. 6 comma 2

    Ambiti occupazionali previsti per i laureati
    I laureati nella classe sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 4, comma 1, gli operatori delle professioni tecniche della prevenzione che svolgono con autonomia tecnico-professionale attività di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene e sanità pubblica e veterinaria. Tali attività devono comunque svolgersi nell'ambito della responsabilità derivante dai profili professionali. I laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministro della sanità 17 gennaio 1997, n. 58 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono responsabili, nell'ambito delle loro competenze, di tutte le attività di prevenzione, verifica e controllo in materia di igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, di igiene degli alimenti e delle bevande, di igiene di sanità pubblica e veterinaria. I laureati in prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, operanti nei servizi con compiti ispettivi e di vigilanza, sono, nei limiti delle loro attribuzioni, ufficiali di polizia giudiziaria; svolgono attività istruttoria, finalizzata al rilascio di autorizzazioni o di nulla osta tecnico-sanitari per attività soggette a controllo
    Attività di base
    Scienze biomediche

    CFU 11
    BIO/09: FISIOLOGIABIO/10: BIOCHIMICABIO/13: BIOLOGIA APPLICATABIO/16: ANATOMIA UMANAMED/04: PATOLOGIA GENERALEMED/07: MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA
    Scienze propedeutiche

    CFU 9
    FIS/07: FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA)INF/01: INFORMATICATotale CFU 20

    Attività caratterizzanti
    Scienze della prevenzione e dei servizi sanitari

    CFU 16.5
    M-EDF/01: METODI E DIDATTICHE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE E SPORTIVEMED/36: DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIAMED/42: IGIENE GENERALE E APPLICATAMED/44: MEDICINA DEL LAVOROMED/50: SCIENZE TECNICHE MEDICHE APPLICATE
    Scienze della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro

    CFU 32.5
    ING-INF/02: CAMPI ELETTROMAGNETICI MED/42: IGIENE GENERALE E APPLICATA
    Scienze medico-chirurgiche

    CFU 4
    BIO/14: FARMACOLOGIAMED/05: PATOLOGIA CLINICAMED/08: ANATOMIA PATOLOGICAMED/17: MALATTIE INFETTIVEMED/33: MALATTIE APPARATO LOCOMOTORETotale CFU 53

    Attività affini o integrative
    Scienze del management sanitario

    CFU 7
    SECS-P/07: ECONOMIA AZIENDALE
    Scienze interdisciplinari

    CFU 7
    CHIM/07: FONDAMENTI CHIMICI DELLE TECNOLOGIEICAR/03: INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALEICAR/20: TECNICA E PIANIFICAZIONE URBANISTICASECS-S/02: STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE E TECNOLOGICASECS-S/05: STATISTICA SOCIALEVET/04: ISPEZIONE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
    Scienze interdisciplinari cliniche

    CFU 6
    MED/03: GENETICA MEDICAMED/06: ONCOLOGIA MEDICAMED/44: MEDICINA DEL LAVORO
    Scienze umane e psicopedagogiche

    CFU 7
    M-PED/01: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE M-PED/03: DIDATTICA E PEDAGOGIA SPECIALEM-PSI/01: PSICOLOGIA GENERALEM-PSI/04: PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E PSICOLOGIA DELL'EDUCAZIONE MED/02: STORIA DELLA MEDICINASPS/07: SOCIOLOGIA GENERALETotale CFU 27
    Altre attività formativeA scelta dello studenteCFU 9Per la prova finaleCFU 9
    Prova finale
    CFU 9
    Lingua straniera
    CFU 2Altre (art. 10, comma 1, lettera f )CFU 1
    Ulteriori conoscenze linguistiche
    CFU 1
    Abilità informatiche e relazionali
    CFU 2.5
    Tirocini
    CFU 51
    Altro
    CFU 5.5
    Totale
    CFU 60Totale CFU 80

    Totale Crediti CFU Tecniche della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (Abilitante alla Professione Sanitaria di Tecnico della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro) 180
    Docenti di riferimento

    INGIULLA Marco

    Previsione e programmazione della domanda
    Programmazione nazionale delle iscr

  • Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
    Leggi tutto