Corso attualmente non disponibile

Tecniche di teatro affabulatorio per insegnanti

Labe Laboratorio Espressivo
A Palermo ()

180 
IVA Esente
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Laboratorio
Livello Livello base
Ore di lezione 2h
Durata 8 Giorni
  • Laboratorio
  • Livello base
  • 2h
  • Durata:
    8 Giorni
Descrizione

L'Associazione Culturale Labe Laboratorio espressivo di Palermo, darà il via a partire da metá dicembre 2015 ad un corso sulle Tecniche di teatro affabulatorio per insegnanti.

Si tratta nello specifico di un percorso di 8 incontri di due ore, rivolto agli educatori, legato allo sviluppo ed alla coscienza del pensiero creativo dell’infanzia e dell’adolescenza. Attraverso modelli identificativi come quelli di Propp e De Bono, si svilupperanno delle tracce spendibili in aula, che offrono degli input in piú all’azione di sperimentazione laboratoriale degli insegnanti.

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Verranno segnalati modelli da seguire e tecniche di avviamento all’arte scenica ed alle dinamiche di gruppo. Si forniranno inoltre le premesse necessarie ad un corretto uso dell’apparato fonatorio, indispensabile strumento di lavoro per chi insegna, attraverso lo studio della voce portata e l’utilizzo del diaframma. Durante il percorso verranno sperimentate azioni di gruppo sul pensiero creativo e sull’approccio maieutico reciproco di Danilo Dolci.

· A chi è diretto?

Si tratta nello specifico di un percorso rivolto agli educatori, legato allo sviluppo ed alla coscienza del pensiero creativo dell’infanzia e dell’adolescenza.

Cosa impari in questo corso?

Recitazione
Teatro

Professori

Labe Laboratorio espressivo
Labe Laboratorio espressivo
Associazione Culturale

Programma

L'Associazione Culturale Labe Laboratorio espressivo di Palermo, darà il via a partire da metá dicembre 2015 ad un corso sulle Tecniche di teatro affabulatorio per insegnanti.

Si tratta nello specifico di un percorso di 8 incontri di due ore, rivolto agli educatori, legato allo sviluppo ed alla coscienza del pensiero creativo dell’infanzia e dell’adolescenza. Attraverso modelli identificativi come quelli di Propp e De Bono, si svilupperanno delle tracce spendibili in aula, che offrono degli input in piú all’azione di sperimentazione laboratoriale degli insegnanti.

Verranno segnalati modelli da seguire e tecniche di avviamento all’arte scenica ed alle dinamiche di gruppo. Si forniranno inoltre le premesse necessarie ad un corretto uso dell’apparato fonatorio, indispensabile strumento di lavoro per chi insegna, attraverso lo studio della voce portata e l’utilizzo del diaframma. Durante il percorso verranno sperimentate azioni di gruppo sul pensiero creativo e sull’approccio maieutico reciproco di Danilo Dolci.

Ulteriori informazioni

Approccio personale ( Lavoro sullo sviluppo delle potenzialitá espressive del docente) L’apparato fonatorio e la voce. La voce portata e la voce in maschera. La corretta respirazione. Lavoro sul diaframma. Elementi di dizione. Portamento. Peso scenico ed equilibrio. Gesto, movimento, azione. Microgestualitá e macrogestualitá. Teatralitá primaria. Le circostanze date. Il tempo scenico, il ritmo.

Didattica (Tecniche, approcci e metodi espressivo affabulatori da spendere in aula) Teatro educativo. Il lavoro sul gruppo. Gruppo analitico. Gruppo a tema. Gruppo aperto di studio. Autobiografia attoriale. Tecniche e prassi di aggregazione gruppale. Creazione del contesto. Apprendimento cooperativo. Le fasi del monitoring. Tecniche di pensiero creativo. Lavoro sull’immaginazione e sviluppo della coscienza del se. Tecniche di immedesimazione attoriale. Lavoro sugli stadi emozionali e role play.

Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto