Tecnico Esperto nella Gestione dell' Energia - Energy Manager

FORMA FUTURO
A Parma

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Parma
  • 180 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Il "Tecnico Esperto nella Gestione dell'Energia - Energy Manager" è una figura che individua azioni, interventi, procedure e quanto necessario per promuovere l'uso razionale dell'energia. In azienda predispone i bilanci energetici in funzione dei parametri economici e degli usi energetici finali. Effettua il bilancio dell'energia, dei flussi energetici individuando sprechi e aree di miglioramento. Predispone dati energetici per il Ministero dell' lndustria. Ottimizza i processi di produzione.
Rivolto a: Persone disoccupate ed inoccupate in possesso di laurea. Persone occupate (anche in CIGO, CIGS o in mobilità) in possesso almeno di diploma di scuola media superiore.

Informazione importanti

Voucher: Corso con opportunità di voucher formativo

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Parma
Via La Spezia, 110, 43100, Parma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Preferibilmente Diplomi Tecnici, anche se saranno ammesse persone con altri tipi di Diplomi se in possesso di competenze specifiche nell'Area Professionale di riferimento. Il percorso può essere interessante anche per laureati in discipline scientifiche.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Gestione

Professori

Esperto del Settore Energetico
Esperto del Settore Energetico
Esperto del Settore Energetico

Programma

Formulazione strategica. Analisi punti di forza e di debolezza. Saper impostare l’architettura e i criteri generali di una analisi di tipo SWOT. Saper individuare i principali punti di forza dell’impresa rispetto alle numerose aree potenzialmente rilevanti in termini strategici (risorse tecnologiche, finanziarie, intellettuali e umane, reputazionali, vantaggi di costo, etc.). Saper individuare i principali punti di debolezza dell’impresa rispetto alle numerose aree potenzialmente rilevanti in termini strategici (ritardi tecnologici, squilibri finanziari, svantaggi reputazionali, di costo, etc.). Saper mappare e mettere in relazione i punti di forza e debolezza dell’impresa con le minacce e opportunità ambientali al fine di definire in modo accurato il contesto competitivo di riferimento per la formulazione delle opzioni strategiche. Strategie in relazione alle caratteristiche presenti ed evolutive del settore. Conoscere le caratteristiche fondamentali del settore rilevanti per la formulazione strategica (frammentazione, grado di maturità, grado di globalizzazione, etc.). Saper valutare le opzioni strategiche in relazione alle caratteristiche specifiche di settore. Saper valutare le opportunità strategiche in relazione al ciclo di vita di prodotto. Conoscere gli elementi rilevanti delle principali decisioni organizzative di rilevanza strategica (integrazione verticale, variazione capacità produttiva, entrata in nuovi business, etc.). Gestione del cambiamento. Analisi cultura organizzativa . Conoscere le tipologie più diffuse di cultura organizzativa e d’impresa. Saper analizzare attraverso metodologie e tecniche d’indagine la cultura organizzativa dell’impresa. Saper interpretare il grado di coerenza tra cultura organizzativa esistente, le strategie d’impresa e le soluzioni di progettazione organizzativa adottate. Conoscere gli strumenti di intervento sulla cultura organizzativa per aumentarne il grado di coerenza con gli obiettivi strategici e organizzativi. Gestione della conoscenza. Conoscere i principali approcci teorici al problema della gestione della conoscenza, e saper distinguere tra conoscenze tacite ed esplicite. Conoscere i principali strumenti informatici per la gestione della conoscenza esplicita. Conoscere le principali pratiche organizzative formalizzate e informali per la gestione della conoscenza tacita. Saper promuovere meccanismi di apprendimento individuale e organizzativo. Saper orientare le politiche formative aziendali coerentemente con il sistema di valutazione e incentivazione adottatoInterventi su barriere al cambiamento. Saper analizzare ed interpretare le necessità di cambiamento organizzativo. Saper individuare le barriere al cambiamento: atteggiamenti e motivazioni, cristallizzazione di routine e pratiche standardizzate, percezione dei benefici e dei rischi, avversione all’incertezza, sistemi di incentivazione inadeguati etc. Conoscere le logiche e le tecniche di change management per favorire la realizzazione del cambiamento organizzativo progettato (leadership, comunicazione, coinvolgimento, pratiche organizzative specifiche, etc.). Progettazione organizzativaIntegrazione organizzativa. Saper valutare l’importanza e la necessità di interventi che favoriscano l’integrazione organizzativa in relazione al contesto organizzativo specifico e agli obiettivi e alle strategie d’impresa. Conoscere le logiche generali, le caratteristiche specifiche, le condizioni di applicabilità delle principali forme di coordinamento e di gestione delle interdipendenze. Conoscere gli strumenti operativi per la gestione del coordinamento orizzontale: meccanismi informali, ruoli di collegamento, task-force, organi di integrazione, etc. Conoscere gli strumenti operativi per la gestione del coordinamento verticale: l’uso della leadership, la scelta del grado di specializzazione, la scelta della distribuzione del potere decisionale e della delega, l’uso dei sistemi informativi, etc. Macro-struttura e processi. Conoscere i principali approcci teorici alla progettazione organizzativa e le principali variabili contestuali rilevanti (mercato, ambiente sociale ed istituzionale, tecnologia, etc.). Conoscere le principali alternative di macro-configurazione organizzativa (forme strutturali funzionali, divisionali, matriciali, network etc.). Conoscere le opportunità di outsourcing e di costruzione di reti organizzative e partnership con attori esterni. Saper interpretare in chiave progettuale il rapporto tra variabili contestuali, alternative di macro-configurazione organizzativa, e strategie

Ulteriori informazioni

Informazioni sul prezzo :

La quota di partecipazione è pari a 4.500,00 €, ma è prevista la possibilità di richiedere ENTRO il 02 ottobre 2009, il voucher alla Regione Emilia Romagna a totale copertura della quota.


Stage:

Lo Stage sarà effettuato presso aziende che possano offrire l'osservazione di procedure atte all'ottimizzazione energetica. Il Project Work consisterà nell'analisi di un caso e la succesiva elaborazione e predisposizione di dati per la sua risoluzione.


Alunni per classe: 15
Persona di contatto: Leonardo Zambonini

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto