Viaggio Fotografico

Fabrizio Proietto Fotografo
A Como

450 
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Como
  • Durata:
    4 Giorni
Descrizione

Obiettivo del corso: A realizzare un Reportage Fotografico di Viaggio.
Rivolto a: Appassionati di Viaggi e fotografia.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Como
Via Cadorna 20/a, 22100, Como, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Volia di viaggiare e fotografare

Programma

Viaggio fotografico 22/10-25/10 Marrakech
Partiremo da Milano Venerdi 22 Ottobre, in mattinata.
Poco più di tre ore di volo e sbarchiamo in un mondo magico, ai limiti settentrionali del continente africano, che si affaccia sul Mediterraneo e sull'oceano Atlantico e affonda le sue radici nel grande deserto a sud...il Marocco.

Nonostante i grossi flussi di turismo organizzato, le centinaia di film ambientati in Marocco, la vicinanza con l'Europa e la conseguente contaminazione turistico commerciale, il paese ha conservato una fascino straordinario per la sua gente, per i suoi paesaggi, per le vestigia di un nobile passato e merita un viaggio anche se brevissimo.

Appena arrivati in Aeroporto verranno a prenderci per condurci a Marrakech, dove prenderemo possesso delle nostre camere, la città vanta un gran numero di alberghi, ma il modo migliore per gustare la vera magia di Marrakech è soggiornare in un tipico Riad (casa tradizionale di Marrakech, e sono molto più di un semplice B&B) I Riad si trovano nella Medina e sono ideali per trascorrere una meravigliosa vacanza perché consentono di unire alla straordinarietà di Marrakech, l'agio e la comodità di soggiornare in una lussuosa casa tradizionale.
Il nostro Riad sarà il Riad Zara non vicinissimo alla piaza principale, ma raggiungibilissima con un quarto d' ora di, peraltro piacevole, passeggiata.

Dopo di che visiteremo Marrakech, conosciuta anche come la città rossa, che più di altre incarna l'idea e gli stereotipi della cultura e delle tradizioni del Paese. È quindi un ottimo punto di partenza per chi desidera conoscere ciò che il Marocco può offrire e soprattutto ciò che sarà nel terzo millennio.

La Medina, dichiarata patrimonio mondiale dall` UNESCO, fu una capitale imperlale dal glorioso passato.

Nella città rossa, artigiani, pittori e scultori di varie ere realizzarono magnifici posti, moschee, giardini, mederase. Tra i posti più importanti non possono essere dimenticati il Palazzo Badia, la Madrasa di Ben Youssef, le tombe Saadiane, e piazza Djemaa el Fna, un vero e proprio teatro all`aria aperta.

Questi sono i luoghi che visiteremo e fotograferemo.

- Djemaa el Fna à la piazza principale nonché la più affollata, è semplicemente il cuore e simbolo della città imperiale. Un grande spiazzo o meglio un grande palcoscenico a forma vagamente triangolare ove ogni giorno e' possibile assistere agli innumerevoli spettacoli di giocolieri, incantatori di serpenti, danzatori e saltimbanchi. Ciascuno delimita il proprio "halqa", cerchio immaginario benedetto da un santo, e presenta il suo spettacolo, una grande piazza dove al mattino si radunano commercianti di frutta e spezie, cestai e venditori di chincaglierie. Il nome Djemaa el-Fna ha in se un che di macabro, il suo nome infatti vuol dire"raduno dei morti", nome un tempo giustificato in quanto vi avevano luogo le esecuzioni pubbliche.

- La moschea della Koutoubia, a pochi passi da Djemaa el Fna, è la più grande di Marrakech. Il minareto (equivalente del nostro campanile) fu edificato nel 1184-1199 e divenne il modello per la Giralda di Siviglia e per la torre di Hassan a Rabat.

- Il souk di Marrakech è il cuore vitale della medina, la parte antica della città risalente al XII secolo, questo è il luogo dove usi e tradizioni millenarie si mescolano sin dai tempi antichi. In origine il souk era diviso in vari settori specifici dai confini determinati e coi nomi legati alle attività che vi si svolgevano,ma col passare del tempo questa separazione e andata sfumando.
Il souk è un luogo magico e affascinante ove e' normale accettare il tè che viene offerto dal venditore, cosi' come contrattare il prezzo di qualsiasi oggetto messo in vendita è parte del gioco, un luogo dove perdersi è divertente e mai pericoloso E’ vicino alla piazza di Djemaa el Fna. Si dice che sia il più grande mercato del nord Africa.

- Medersa Ben Youssef è uno dei gioielli di Marrachech. Questa scuola Coranica fu costruita nel 1570 dai Saadiens, ai tempi conteneva fino a 900 studenti alloggiati in 150 celle.

- Quobba Almoravid (cupola in Arabo) era un luogo di adorazione per i fedeli. Si trova appena fuori dalla moschea di Ben Youseff, vicino alla Medersa Ben Youssef.

- Mellah e mercato delle spezie, è il tipico quartiere Ebreo (l`equivalente del Ghetto) circondato da mura. E` famoso per i suoi mercatini delle spiezie.

Durante la mezza giornata libera consigliamo di visitare i Giardini che sono l'orgoglio e la gioa di Marrakech, curati con una passione che ha ormai una tradizione secolare risalente al tempo degli Almoravidi. La verita' e' che oggi forse non ci sarebbe neanche una palma a Marrakech se questi sovrani non avessero cominciato a piantarne. Da allora i parchi si sono moltiplicati e nessuno qui trova straordinario che un giardino, al pari di un edificio, possa vantare un'origine antica. E' il caso ad esempio dell'AGuedal o Agdal, parola che significa appunto giardino, creato nel XII sec. dall'almohade Abd el-Moumen. Piu' piccolo e raccolto e' il giardino della Menara, il cui padiglione circondato da cipressi pare che fosse il luogo di incontro del sultano con le sue favorite.
Per quanto riguarda il famoso palmeto di Marrakech, che occupa una superficie di 13.000 ettari, esso conta da solo almeno centomila alberi. Il sistema piu' rapido per visitarlo consiste nel farci un giro in macchina. Piu' suggestiva è la classica passeggiata in carrozzella, magari preceduta da un giro dei bastioni e delle porte monumentali in stile ispano moresco.
Raccomandiamo inoltre i giardini Majorelle situati a nord est del Gueliz. Creati negli anni Venti dal pittore francese Jacques Majorelle, unici nel suo genere, questi giardini ospitano bougainvillee, alberi del cocco, banani, palme, come pure piante esotiche e rare, alcune delle quali hanno strane sembianze dall'aspetto minaccioso.

Rientreremo in Italia Lunedi 25 Ottobre

MINIMO 10 PARTECIPANTI.

Per una maggiore sicurezza, tutto il viaggio è organizzato tramite tour operator.

LE QUOTE E LE CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE NON APPENA RAGGIUNGEREMO IL NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE 450.00 euro

La quota di partecipazione è basata su tariffe aeree promozionali, la sua applicazione è condizionata dalla conferma da parte del vettore aereo del volo a tariffa ridotta. La conferma sarà comunicata in tempi brevissimi.

LA QUOTA COMPRENDE:
Il Corso, il trasporto aereo nella classe e con voli previsti da Milano (supplemento qualora siano necessarie tratte nazionali in coincidenza con il volo internazionale), il pernottamento in Riad (3 notti con colazione, camere doppie), trasferimento da e per Riad-Aeroporto , comprese assicurazioni.

LA QUOTA NON COMPRENDE:
L'iscrizione all'associazione (5 euro) Mance, Pasti, e gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE

Volo Easyjet, Hotel Riad in Centro Marrakech.

In caso di un numero di partecipanti superiore a 12 alloggeremo in due Riad separati, non distanti fra di loro e con un Docente per ogni Riad.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto