La Vigilanza Prudenziale degli Intermediari Finanziari ex Art. 107

Ologramma Comunicazione e Formazione
A Via Ugo Tarchetti, 2

1.950 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Per professionisti
  • Via ugo tarchetti, 2
  • 16 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Effettuare l'analisi della normativa prudenziale emanata dalla Banca d'Italia - Illustrare le linee portanti della vigilanza prudenziale dettata dall'evoluzione della normativa di Basilea - Definire la mappa dei rischi - Analizzare le metodologie di calcolo dei rischi ponderati.
Rivolto a: Responsabili e Addetti Area: Contabilità, Bilancio e Segnalazioni - Risk Management - Auditing Interno - Pianificazione e Controllo di Gestione - Organizzazione e Sistemi Informativi.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Via Ugo Tarchetti, 2
Via Ugo Tarchetti, 2, Milano, Italia
Visualizza mappa

Professori

Stefano Tirrito
Stefano Tirrito
Direzione Finance GRUPPO ENGINEERING

Programma

CONTESTO NORMATIVO E PRINCIPI GENERALI DELLA DISCIPLINA PRUDENZIALE: RICHIAMI

ISTRUZIONI DELLA BANCA D’ITALIA: IMPIANTO COMPLESSIVO E NOVITÀ INTRODOTTE

IL NUOVO PATRIMONIO DI VIGILANZA

  • Struttura
  • Filtri prudenziali
  • Modalità di calcolo

LA MAPPA DEI RISCHI

RISCHIO DI CREDITO

  • Metodo standardizzato

- esposizioni di portafoglie particolarità

  • Metodo standardizzato semplificato

- ambiti di applicazione

  • Metodi IRB (cenni)

- Foundation
- advanced

LA CREDIT RISK MITIGATION (CRM)

  • Requisiti di ammissibilità delle garanzie
  • Nuove tipologie di garanzie riconosciute
  • Il fenomeno del mismatch

IL TRATTAMENTO DELLE CARTOLARIZZAZIONI

  • Metodo standard
  • Metodo standard semplificato
  • Metodi IRB

IL RISCHIO DI CONTROPARTE: METODI PER IL CALCOLO DEL VALORE DELLE ESPOSIZIONI

  • Valore corrente
  • Standardizzato
  • Modelli interni di tipo EPE (cenni)

I RISCHI DI MERCATO: CENNI

IL RISCHIO OPERATIVO

  • Metodo base
  • Metodo standardizzato
  • Metodi avanzati

LA CONCENTRAZIONE DEI RISCHI

  • Limiti di concentrazione
  • Calcolo dell’esposizione totale
  • Disposizioni transitorie

BASILEA 2: SECONDO PILASTRO

  • ICAAP e SREP

BASILEA 2: TERZO PILASTRO

  • Gli obblighi di informativa al pubblico e le modalità di pubblicazione
  • Le tavole da pubblicare

APPROFONDIMENTI TEMATICI

  • Leasing
  • Mutui
  • Factoring

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto