Visual Interior Design

I.S.A.I. (Istituto Superiore Architettura di Interni)
A Schio

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Schio
  • Durata:
    3 Anni
Descrizione

Obiettivo del corso: Il corso forma tecnici della rappresentazione digitale in architettura al più alto livello, attraverso una didattica rivolta ad apprendere e sperimentare le diverse competenze relative allo sviluppo e comunicazione del progetto in architettura (a partire della gestione del progetto in uno studio di architettura).
Rivolto a: Tutti.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Schio
Via Cá Masotta, 36100, Vicenza, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Nessuno

Programma

Il corso forma tecnici della rappresentazione in architettura (manuale e digitale) all’attuale stato dell’arte: lo studente apprende tutte le tecniche necessarie a sviluppare un progetto di interior design e a comunicarlo nel modo più efficace ed immediato possibile oggi. Sono previsti workshop e stages con professionisti del settore della comunicazione visiva in architettura.

DAL PRIMO ANNO

000000;">Disegno Tecnico: (1) 56 ore
Il corso intende educare lo studente al disegno tecnico attraverso i fondamenti della geometria proiettiva, indispensabili alla rappresentazione architettonica (proiezioni ortogonali, proiezioni assonometriche) e alle convenzioni grafiche specifiche del disegno tecnico in generale ed edile in particolare. Particolare attenzione viene dedicata alla redazioni delle sezioni, elaborati nodali della rappresentazione tecnica.

000000;">Rilievo: (1) 20 ore
Il rilievo è un momento importante del cursus didattico, In questo modulo si sperimenta il con-fronto con l'oggetto (edilizio o di design), l'analisi e la conoscenza diretta e il delicato processo di trasferimento di un oggetto tridimensionale in una serie di elaborati regolati da precise regole di rappresentazione. Corso coordinato con Disegno Tecnico.

000000;">Fotografia: (1) 16 ore
L'uso della macchina fotografica, anche nell'era digitale dove tutti i comandi sono asserviti a processi automatici, si conferna ausilio importante nel processo di conoscenza della realtà e capace di cogliere da essa preziose annotazioni; a patto di avere, prima dello scatto, acquisito la sensibilità e maturità necessaria. Coordinato con Storia e Tecnica dell'immagine.

000000;">Immagine digitale: (1,2) 28 / 28 ore
Questo modulo didattico è dedicato, nell'arco del biennio, all'apprendimento e uso avanzato di Photoshop, software di elaborazione dell'immagine, unanimemente considerato lo standard nel suo campo. Il primo anno è dedicato alla conoscenza dei comandi e delle procedure fondamentali. Nel secondo anno invece viene sperimentato l'uso di Photoshop come momento fondamen-tale della postproduzione di immagini di rendering: una vera e propria "matita digitale" che permette una riflessione critica e propositiva sul lavoro fatto e sul tipo di messaggio che si vuole trasmettere con l'immagine.

000000;">Tecniche di rappresentazione: (1) 40 ore
La capacità di restituire velocemente uno spazio o un oggetto tramite la prospettiva intuitiva eseguita a mano è una risorsa preziosa per ogni tecnico che si occupi di rappresentazione: soprattutto nella fase di pre-figurazione del progetto. Il corso si prefigge di sviluppare questa tecnica allo stesso tempo autonoma e complementare alla rappresentazione digitale.

000000;">Tecniche del colore: (1) 16 ore
Il corso parte dall'analisi del segno-colore, alla maniera dei maestri della rappresentazione, per acquistare, per acquisire capacità nel proporre e controllare l'uso del colore nelle situazioni più diverse (oggetti, spazi, criteri di illuminazione), sia da un punto di vista tecnico che da quello sensoriale.

000000;">Lettura e tecnica dell'immagine: (1) 68 ore
In questo corso, passaggio fondamentale nella didattica del primo anno, si intende sviluppare nello studente la lettura critica dell'immagine: ovvero della tecnica di rappresentare la realtà (o una sua trasfigurazione) attraverso il concetto dell'icona: dal mondo della pittura (con particolare attenzione al periodo barocco) sino alla fotografia e alle avanguardie del Novecento per giungere sino ad oggi: Internet e la diffusione dell'immagine sui più diversi supporti multimediali.

000000;">Cad 2D e 3D: (1) 140 ore
Il corso affronta concetti operativi e procedure di Autodesk Architecture, nella versione più recente disponibile, con particolare riguardo all'impaginazione e impostazione di una tavola tecnica (2D, spazio carta) e alla modellazione 3D (uso di procedure veloci, viste 3D, preparazione al rendering). Un modulo, coordinato con il corso di progettazione, verifica poi la capacità dello studente di controllare la corretta resa grafica di una tavola tecnica (progetto edilizio

000000;">Tecnologia dell'involucro: (1) 56 ore
Il corretto trattamento delle superfici, interne ed esterne, degli spazi interni, è un aspetto fondamentale nel definire la qualità di un ambiente, dal punto di vista ecologico, sensoriale e tecnico. Il corso tratta delle diverse tipologie di materiali esitenti sul mercato e delle metodologie di messa in opera, integrando l'illustrazione teorica con la visita in cantiere.

000000;">Storia dell'abitare: (1) 56 ore
Il corso è strutturato in due parti: nella prima, introduttiva, vengono illustrate le principali correnti di pensiero sull'abitare che hanno influenzato il Novecento, con riferimento alle figure più impor-tanti di architetti e designer (i cosiddetti "Maestri"). Nella seconda vengono analizzati, per tipologie, gli elementi di arredo che hanno segnato la storia dell'interior design, con particolare attenzione ai materiali e alle metodologie costruttive.000000;">
000000;">Tecniche del colloquio: (1,2) 16 / 16 ore
L'efficacia nel comunicare il proprio lavoro fa parte della professionalità di un buon tecnico-progettista. Vengono qui affrontate le diverse situazioni in cui è necessario trasmettere in modo efficace le informazioni acquisite: da un colloquio con un cliente, ad un seminari con altri tecnici, sino alla situazione tipica della "conferenza".

000000;">Progettazione (1,2): 40 / 56 ore
Il corso di progettazione è destinato, nel nuovo biennio, a stimolare negli studenti la capacità di analizzare una architettura di interni e di proporre soluzioni, cercando poi di visualizzare nel modo più efficace alla comunicazione le proposte in oggetto. Al primo anno gli spazi vengono elaborati mediante semplici modelli in cartone o poli-plan e vengono poi riprese con macchine digitali. Al secondo anno viene richiesto di inserire in uno ambiente dato uno o più elementi di arredo e di verificare la soluzione progettuale scelta attraverso la ricostruzione attraverso rendering dei materiali adottati e delle condizioni di illuminamento.

008080;">


DAL SECONDO ANNO

000000;">Tecniche di rendering: 140 ore
Il corso di rendering è destinato all'apprendimento dei comandi e delle funzionalità principali di 3D Studio Max e dei principali motori di rendering (Maxwell Render, Mental Ray), ad esso applicati. Particolare attenzione viene dedicata alla resa luminosa degli ambienti renderizzati e all'interazione con i materiali adottati (textures). Coordinato con il corso di Elementi di Illumino-tecnica

000000;">Elementi di illuminotecnica: 28 ore
Il corso prende in esame le principali fonti luminose, dalla luce naturale a quelle emesse dalle principali fonti artificiali (tubi fluorescenti, lampade alogene, ecc.) e la loro iterazione con lo spazio architettonico e con i materiali. Particolare attenzione viene data al risultato finale che deve essere raggiunto per un corretto illuminamento e come questo risultato debba poi essere verificato nella procedura di rendering. Coordinato con Tecniche di Rendering

000000;">Laboratorio di rendering: 96 ore
Il Laboratorio di rendering si articola in due workshop di 48 ore ciascuno, dove lo studente, sotto a guida di un visiting professor, si cimenta con un progetto di restituzione visivo-spaziale completo: dalla pre-produzione (studio del progetto e dell'ambiente, verifica con la committenza), alla produzione mediante software di rendering, alla post-produzione (rifinitura dell'immagine, gestione complessiva della presentazione).

000000;">Tecniche di post-produzione: 56 ore
Il corso prende in esame le procedure e tecniche necessarie ad organizzare al meglio una pre-sentazione di architettura digitale: dall'impaginazione delle immagini, alla scelta della stampa alla grafica coordinata sui diversi supporti (cartaceo e digitale), al tipo di packaging adottato. Attenzione viene data anche alla stesura del testo di accompagnamento.

000000;">Modellazione 3D: 112 ore
Il corso prende in esame la modellazione 3d applicata agli oggetti di industrial design con l'uso di software specifico. Viene rivolta particolare attenzione alla generazione di superfici complesse (meshe, oggetti spiraliformi) che sono gestiti con minore efficacia dai cad tradizionali.

008080;">


TERZO ANNO (MASTER)

000000;">Tecniche di animazione: 140 ore
Il corso affronta le tecniche e le procedure necessarie a editare brevi filmati di animazione ap-plicati a spazi architettonici e oggetti di industrial design. Particolare attenzione viene data alla pre-produzione del filmato (in coordinamento con il corso di Tecniche della sceneggiatura), in cui viene pianificata la sequenza delle inquadrature, il percorso della macchina da presa e il tipo di illuminazione scelto.

000000;">Laboratorio di animazione: 96 ore
Come al secondo anno del biennio, il Laboratorio di animazione si articola in due workshop di 48 ore ciascuno, dove lo studente, sotto a guida di un visiting professor, si cimenta con un progetto di filmato compiuto. Anche in questo caso vengono percorse tre fai nel compimento del lavoro: la pre-produzione (studio del soggetto in relazione al progetto espressivo scelto, e relativo storyboard, ovvero sequenza delle scene), produzione, postproduzione (sonorizzazione, editing audio e video).

000000;">Tecniche di sonorizzazione: 28 ore
La combinazione tra immagine e accompagnamento sonoro (quasi sempre musicale) è una del-le modalità comunicative più potenti e coinvolgenti. Il corso guida lo studente alle diverse rela-zioni fra musica ed immagine, in relazione al tipo di architettura e di esperienza spaziale veicolata dal filmato. Viene trattato anche il tema dei diritti d'autore sulla colonna sonora utilizzata e della commercial music (musica per sonorizzazione).

000000;">Editing audio e video: 56 ore
La qualità finale di un filmato dipende largamente dalla cura con cui viene ideato ed eseguito il montaggio audio e video, nella fase di post-produzione. Accuratezza che parte naturalmente dalla fase di pre-produzione (ovvero dalla qualità del piano di lavoro), ma che viene condizionata poi in modo determinante dalla conoscenza e dall'uso del software dedicato, come dal corretto uso dei diversi formati di file (video e audio).

000000;">Tecniche della sceneggiatura: 56 ore
Il termine sceneggiatura, qui usato in senso lato, indica il testo da cui prende vita il filmato. Si tratta quindi dei lineamenti principali di un progetto comunicativo, messi per iscritto. Essendo un filmato di architettura un media costruito come racconto di immagini si dovrebbe parlare piuttosto di storyboard, ovvero dei disegni delle diverse inquadrature (accompagnate da commenti) del filmato stesso. In questo modulo didattico si guida lo studente a costruire passo passo un metodo di lavoro (basato su sceneggiatura e storyboard) che produca un documento (testo e immagini) utilizzabile anche da terzi.

000000;">Tecniche di post-produzione: 84 ore
Questa materia è uno spazio laboratoriale dove vengono applicate ed affinate tutte le tecniche necessarie al completamento del lavoro di animazione, determinanti ai fini della qualità finale. Dai contributi più evidenti (come l'editing video), sino agli aspetti di maggior sofisticazione (come la titolazione).

000000;">Elementi di storia del cinema: 28 ore
Nel linguaggio filmico, come negli altri linguaggi compositivi (dalla scrittura alla progettazione architettonica) è fondamentale conoscere almeno gli sviluppi principali della forma filmica; e questo non soltanto nella cosiddetta fiction, ma anche nel campo della comunicazione pubblicitaria.

000000;">Lingua inglese (ambito tecnico): 28 ore
Il corso introduce alla terminologie e alle forme grammaticali tipiche della manualistica e della letteratura tecnica, in un campo dove la lingua inglese è, per il tecnico evoluto, riferimento principale (nelle pubblicazioni tecniche) e mezzo di comunicazione privilegiato.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto