Workshop "Utilizzo delle tecnologie reverse engineering e prototipazione rapida nell'ambito di Architettura e Design"

Pmd Promo Design S.cons. a R.l.
A Calenzano

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Calenzano
  • 4 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Digital Manufacturing Stampa di modelli 3D.
Rivolto a: Architetti, studi di architettura, progettisti, designer, industrial designer, studenti di architettura e industrial design, professori del settore arte, architettura e design, ingegneri e studenti di ingegneria.

Informazione importanti Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Calenzano
via Vittorio Emanuele, 32, 50041, Firenze, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Non ci sono prerequisiti particolari se non la necessità di un interesse sul tema specifico ed una coerenza col proprio percorso di studi.

Programma

Per maggiori informazioni:

La missione di PMD Promo Design è la fornitura di servizi alle imprese per lo studio e lo sviluppo di nuovi prodotti e processi produttivi, dall’idea al prodotto finito. Un effettivo ed efficace contributo per far crescere il valore delle aziende e la loro competitività sui mercati nazionali ed internazionali.

È un consorzio che riunisce Enti Locali, Associazioni di Impresa, Università ed Aziende (tra cui il Comune di Calenzano, CNA, Artex, Targetti, BB Spa ecc) con l’obiettivo di realizzare una filiera virtuale in grado di portare chiunque a sviluppare un prodotto partendo da un’idea.

PMD Promo Design, presso la propria sede di Calenzano, adiacente al Corso di Laurea in Design Industriale, al Museo del Design e al Centro di Arti Figurative, dispone di un articolato sistema di laboratori ad alta tacnologia attrezzati con diversi sistemi di prototipazione rapida e reverse engineering, prototipazione tradizionale, workstations e software per la progettazione.

PMD Promo Design promuove importanti sinergie fra Università e sistemi economici locali, stimolando l’attitudine delle imprese alla ricerca ed all’innovazione di processo e di prodotto e, in via più generale, promuovendo l’apertura della struttura universitaria al mondo della produzione.

Il nostro portafoglio prodotti include:

  • ricerca e sperimentazione
  • progettazione e sviluppo di nuovi prodotti e processi produttivi
  • studi preliminari con progetti virtuali ed elaborati grafici CAD
  • progettazione e realizzazione di prototipi, stampi rapidi e preserie con tecnologie di assemblaggio e prototipazione rapida
  • assistenza per la certificazione e la registrazione di marchi e brevetti
  • assistenza alle aziende nelle diverse fasi del processo innovativo: dal design all’industrializzazione
  • formazione

La finalità del corso è quella di promuovere e di far conoscere le nuove tecnologie in ambito di prototipazione rapida e di digital manufacturing, attraverso lezioni frontali organizzate da professionisti in questo ambito (architetti ed ingegneri), attraverso la presentazione di progetti reali effettuati per conto di nostri clienti (in vari settori: architettura, navale, calzature, moda, biomedicale, illuminazione, auto, ceramica, arredamento) ed infine partecipando attivamente al processo produttivo dei prototipi e dei plastici architettonici all’interno dei nostri laboratori.

Verranno affrontati temi di ultima generazione: Digital Manufacturing, Stampa 3D, Parametric Design.

Verranno mostrate e spiegate le nostre attrezzature ed i software relativi quali:

la sinterizzazione selettiva Eosint P385

lo scanner 3D Minolta VI-9i

la stampante 3D a gesso a colori Spectrum Z510

la fresa CNC Cielle modello Epsilon 100x200

Software:

Rapid Form

Rhino

Flamingo

Catia

Solidedge

Solid Works

Mastercam

Lightwave

La Prototipazione Rapida

La prototipazione rapida rende possibile la produzione in poche ore e senza l’uso di utensili, di oggetti di geometria complessa, direttamente dal modello matematico realizzato su sistemi CAD 3D, con costi decisamente inferiori alla realizzazione di prototipi in modo tradizionale.

Le tecnologie di prototipazione rapida sono una serie di sistemi che riproducono oggetti con tecniche additive, mediante processi rapidi, flessibili ed altamente automatizzati.

La prototipazione rapida è di fondamentale supporto alle attività di Sviluppo Prodotto e riduce drasticamente i tempi e l’efficacia di realizzazione ed introduzione sul mercato di nuove idee.

· Verifica estetica del prodotto

· Campionari a basso costo per marketing e comunicazione

· Verifica funzionale del prodotto (accoppiamenti, montaggio, ergonomia..)

· Piccole preserie con stampi al silicone (500 pezzi)

· Preserie con stampi in prototipazione rapida con materiali plastici

· Piccole serie (10000-15000 pezzi) con la realizzazione di stampi rapidi.

Tecnologie operative presso PMD per la prototipazione:

· Sinterizzazione selettiva, polveri Nylon caricato vetro

· Stereolitografia

· Stampa 3D a gesso a colori

· Preserie con stampi siliconici

· Fresa CNC Cielle modello Epsilon 100x200 per grandi piani di lavoro

· Macchine CNC per prototipi tradizionali

· Preserie e piccole serie con stampi tradizionali

I prototipi realizzati possono essere concettuali, funzionali, tecnici o di preserie e possono assolvere a funzioni differenti nell'azienda come valutare costi, tempi di ciclo, risposta del mercato e altro.

Ad oggi il compito tradizionalmente riservato a modellisti artigiani, è sempre più svolto dalle macchine che impiegano tecniche di prototipazione rapida (RP) nei più svariati settori, tanto che con le nuove tecniche di acquisizione volumetrica nel campo biomedicale, queste stanno diventando fondamentali anche per studi dentistici e chirurghi, permettendo la realizzazione di "prototipi" dello scenario di operazione su cui testare strategie e tecniche di intervento in poche ore.

La prototipazione rapida si differenzia dalle tecniche tradizionali di lavorazione che operano per asportazione di materiale, ossia ottengono la forma voluta da un "pieno", mentre le tecniche RP operano con il concetto inverso ossia per addizione di materiale, con la possibilità di poter ottenere forme anche molto complesse e caratterizzate da sottosquadri impossibili da realizzare con le lavorazioni tradizionali.

Questo rende la prototipazione rapida un efficace strumento in grado, in poche ore, di portare sul tavolo del progettista, del medico, dell'addetto commerciale, un prototipo diminuendo i tempi ed i costi di sviluppo ed allo stesso tempo aumentandone l'efficacia.

I modelli 3D, una risorsa preziosa nel processo di realizzazione del progetto architettonico:

Il connubio tra applicazioni BIM (Building Information Modelling) e stampa 3D consente di realizzare progetti in modo più economico e efficace, permette di trasmettere meglio lo scopo del progetto, evitare possibili errori e può aiutare le aziende nel persuadere emotivamente i loro clienti e condurre quindi il proprio business in uno standard mai visto prima.

Da qualche anno gli studi di architettura hanno la possibilità di entrare in contatto con delle tecnologie innovative che permettono di realizzare dei plastici architettonici rapidamente ed a costi ridotti ma allo stesso tempo in modo molto accurato e preciso rispetto al progetto originale.

In generale, il plastico architettonico permette di comprendere in modo più profondo il progetto nel suo complesso, rispetto alla sola immagine del computer; paragonato al rendering 3D, il plastico rappresenta in modo più efficace i dettagli e lo scopo del progetto ed è sicuramente un valido strumento di supporto nell’ interazione tra l’architetto ed il cliente. Allo stesso tempo, il cliente attraverso il contatto fisico con l’opera, sviluppa un approccio più emotivo verso il progetto e può comprenderlo meglio, soprattutto se non opera direttamente nel settore, la complessità della composizione e degli spazi.

L’arte dei plastici architettonici artigianali è una tradizione che deve essere rispettata e valorizzata ma spesso può diventare limitativa ed estremamente laboriosa nel caso di grossi progetti architettonici. I tempi medi per la realizzazione di un modello artigianale è approssimativamente dalle 2 alle 4 settimane; se l’architetto è fortunato, il progetto viene approvato dal cliente senza alterazioni significative ma nella maggior parte dei casi l’architetto deve effettuare modifiche che richiedo, conseguentemente, dei cambiamenti laboriosi sul plastico, se non un nuovo plastico architettonico.

Grazie al sistema BIM (Building Information Modelling), i tempi di realizzazione di un modello architettonico si sono drasticamente ridotti, i costi sono diventati molto inferiori ed infine si è riusciti ad ottenere una maggiore accuratezza e rispondenza del progetto col modello fisico. I modelli 3D sono diventati quindi una risorsa preziosa nel processo di realizzazione del progetto architettonico. Grazie all'introduzione delle tecnologie di stampa 3D e prototipazione rapida in genere, è possibile produrre modelli 3D nel giro di qualche ora, introducendo così una nuova tecnologia applicabile in vari settori.

Come funziona?

La stampante 3D utilizza i file tridimensionali prodotti all'interno dell' applicazione BIM per la costruzione di modelli architettonici 3D, solidificando polvere di gesso per sezioni successive. Prima di tutto, l’architetto carica il progetto esportato dall' applicazione CAD; Il software di gestione della macchina seziona digitalmente il modello in strati orizzontali dello spessore sottilissimo. La stampante procede quindi, a realizzare migliaia di strati depositando un liquido agglomerante sulla polvere. Stampando alla velocità approssimativa di un pollice in verticale all’ora, la macchina deposita strati su strati di materiale per creare un modello, che al termine della lavorazione viene estratto dal resto della polvere.

Velocità e Flessibilità

A differenza dei tempi di realizzazione dei modelli artigianali di grandezza media, è possibile ottenere lo stesso modello utilizzando la stampante 3D, nel giro di 12 ore. Il processo di stampa 3D non emette fumi e non provoca grossi sprechi e riesce a riciclare il materiale inutilizzato per altre stampe. Le stampanti hanno una risoluzione di 600 dpi e realizzano anche i più piccoli dettagli.

Grazie alle stampanti 3D, capaci di creare modelli architettonici in minor tempo e ad una frazione del costo rispetto ai modelli artigianali, i modelli 3D, oggigiorno, sono utilizzati per modellare e dare una forma al progetto prima e durante tutto il processo di progettazione, migliorando complessivamente l’accuratezza ed il risultato finale.

Il connubio tra applicazioni BIM e stampa 3D consente quindi di realizzare progetti in modo più economico e efficace, permette di trasmettere meglio lo scopo del progetto, evitare possibili errori e può aiutare le aziende nel persuadere emotivamente i loro clienti e condurre quindi il proprio business in uno standard mai visto prima.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto