Corso Educatori Cinofili

ASD Manu Dog Camp
A Roma

2.000 
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso
Livello Livello avanzato
Luogo Roma
Ore di lezione 240h
Durata 30 Giorni
  • Corso
  • Livello avanzato
  • Roma
  • 240h
  • Durata:
    30 Giorni
Descrizione

IL CORSO SODDISFA I SEGUENTI REQUISITI:
Riconosciuto dalla A.S.C. Cinofilia (Attività Sportive Confederata)
Abilità all’esame A.P.N.E.C.
Abilità all’esame Dog-Trainer-Professionals CERTIFICAZIONE EUROPEA AI SENSI DEL CWA 16979:2016:

Durata: 240 ora suddivise in 140 ore di teoria e 100 di pratica. Incluso nel corso un tirocinio gratuito presso il centro cinofilo A.S.D. Manu Dog Camp

Sedi
Dove e quando
Inizio Luogo
Consultare
Roma
via del padiglione 56, 00132, Roma, Italia
Visualizza mappa
Inizio Consultare
Luogo
Roma
via del padiglione 56, 00132, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Formare educatori cinofili

Opinioni

0.0
Senza valutazione
Valutazione del corso
100%
Lo consiglia
5.0
eccellente
Valutazione del Centro

Opinioni su altri corsi del centro

L’ alimentazione – Profilassi e prevenzione – la BARF

A
Adriano Carta
5.0 03/06/2017
Il meglio: Lo staff è semplicemente fanstastico! Sono tutti molto professionali e molto preparati, da loro c'è sempre tanto da imparare.
Da migliorare: nulla
Consiglieresti questo corso?:

Cosa impari in questo corso?

Educatore cinofilo
Addestramento cani
Addestratore di cani
Animali domestici
Sport cinofili
Cani da soccorso
APNEC
Riconoscimento europeo
Dog-Trainer-Professional
Dog sitter
Educazione

Professori

Silvia Mirabelli
Silvia Mirabelli
Responsabile del Corso

Programma

Programma:

Cinologia:
a) dal lupo al cane: l’evoluzione, la storia della domesticazione, l’ontogenesi, la filogenesi del cane;
b) la struttura, l’organizzazione e il comportamento sociale del lupo e del cane;
c) le razze, le caratteristiche comportamentali, le doti naturali del cane;
d) il “cinogramma”, il linguaggio e la comunicazione intra-specifica del cane;
e) analisi e soddisfacimento del ruolo e dei bisogni del cane.

Linguaggio e comunicazione:
a) comunicazione intra-specifica, comunicazione inter-specifica;
b) segnali calmanti e di pacificazione;
c) prossemica.

Psicologia canina”- modello comportamentista – behaviourista”:
a) storia dell’evoluzione della psicologia canina;
b) modelli di apprendimento secondo l’approccio comportamentista “behaviourista” condizionamento classico e operante;
c) assuefazione, sensibilizzazione, desensibilizzazione sistematica, contro-condizionamento;
d) teoria dei rinforzi-punizioni, controllo degli stimoli, motivazione, arousal (eccitazione);
e) flooding (immersione) – shaping (modellamento) – chaining (concatenamento).

Psicologia canina “modello cognitivo” – Le scienze cognitive:
a) la mente del cane e l’apprendimento;
b) modelli di apprendimento secondo l’approccio cognitivo;
c) potenziamento cognitivo.

Fondamenti di educazione del cane:
a) la storia del metodo addestrativo/educativo e l’evoluzione della figura del professionista cinofilo, tecniche a confronto;
b) gli strumenti, la cassetta degli attrezzi, le tecniche performative ed urbane per corsi di educazione in campo (collettivi e individuali) ed a domicilio;
c) la conduzione performativa;
d) i comandi di controllo performativi e la loro strutturazione “no limits”;
e) la gestione urbana, in casa e nei trasporti;
f) la gestione del cane libero: il richiamo performativo e di controllo, il seguimi;
g) il cucciolo: dalla scelta al corretto sviluppo psicofisico;
h) la motivazione, l’aspettativa ed i rinforzi;
i) pianificazione di una consulenza educativa: dalla telefonata al programma educativo;
j) le aree educative di pertinenza dell’educatore cinofilo e dello specialista nella rieducazione comportamentale;
k) cenni di rieducazione e medicina comportamentale.

La relazione “cinoantropologica” o uomo – cane:
a) le attività costruttive per una corretta relazione;
b) l’interazione e l’approccio.

La professione e l’utenza:
a) la relazione tra il professionista ed il proprietario/cliente;

- La comunicazione è una questione di stili: conoscere meglio il proprio per saper leggere quello degli altri
– La comunicazione è anche una questione di abito mentale: come i giudizi, i saperi e le intenzioni orientano il nostro stile
– Abbiamo detto tutto… e l’ascolto? Tecniche di Ascolto Attivo
– L’assertività come strategia comunicativa che ci libera dalle incomprensioni e dalle ansie
– Gestire il confronto senza andare in conflitto è possibile!
– Le frasi e le parole killer.. ovvero il “Non vorrei essere prolisso… ma…”
– ed ora che le so tutte.. come diffondo i miei saperi? Strategie di personal branding per cinofili. Fuori e dentro i social (Comunicazione efficace a distanza)

b) la legislazione cinofila;
c) discipline cinofile e le razze canine;
d) la collaborazione con le altre figure professionali coinvolte;
e) le strutture cinofile (allevamenti, pensioni, rifugi, canili sanitari…).

Veterinaria:
a) il medico veterinario e il rapporto con l’educatore cinofilo;
b) cenni sugli apparati del cane (app. sensoriale e tegumentario, app. gastroenterico, app. cardio circolatorio, app. respiratorio, app. nervoso, app. locomotore, app. genitale e urinario, app. ormonale);
c) cenni sulle più comuni parassitosi del cucciolo, protocolli vaccinali;
d) elementi di neurofisiologia con particolare riferimento allo stress del cane;
e) nozioni di primo soccorso, comprese tecniche di rianimazione pratiche con l’ausilio di “casper dog first aid”;
f) elementi di nutrizione;
g) cenni sulle più comuni patologie ereditarie in riferimento alle razze canine.
h) Profilassi e prevenzione di gestione di un centro cinofilo

CAPACITA’:
a) osservare ed interpretare il comportamento del cane;
b) educare, istruire e addestrare il cane;
c) utilizzare correttamente strumenti, tecniche di educazione performative ed anche riferite alla gestione del cane urbano;
d) comunicare ed interagire con il cane;
e) autovalutare il proprio operato e l’eventuale raggiungimento dell’obiettivo dichiarato;
f) valutare attitudini, vocazioni, abilità, disposizioni emozionali e stato di benessere del cane;
g) analizzare il contesto nel quale il cane è immerso e servirsi dello stesso;
h) comunicare ed interagire con il proprietario e trasmettere efficacemente conoscenze ed abilità di interazione uomocane;
i) cercare e saper attuare diverse strategie d’intervento;
j) prevedere ogni possibile esito/problema derivante dal proprio intervento e saperlo gestire correttamente i rapporti interpersonali e professionali;
k) stabilire processi e procedure eticamente e deontologicamente corrette nella gestione del proprio lavoro

Calendario Corso 2017-2018:

  • 28-29 Ottobre 2017
  • 11-12; 25-26 Novembre 2017
  • 16-17 Dicembre 2017
  • 13-14; 27-28 Gennaio
  • 10-11 Febbraio
  • 03-04; 10-11; 24-25 Marzo
  • 07-08; 21-22 Aprile
  • 05-06; 19-20 Maggio
  • 02-03 Giugno


Docenti:

Silvia Mirabelli

  • Avena Francesca
  • Michela Fiorese
  • Carla Zanetti
  • Chiara Paolacci
  • Patrizia Douglas Scotti
  • Riccardo Pizzicannella

Luogo del corso: Roma, Via del padiglione , 56 , Presso A.S.D. Manu Dog Camp.

Orario Lezioni: Il corso si svolgere di sabato e domenica nei seguenti orari 09,00-13,00 14,00-18,00


Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto