La gestione delle locazioni passive delle amministrazioni pubbliche

A Roma

1.350 € +IVA
  • Tipologia

    Corso intensivo

  • Livello

    Livello avanzato

  • Luogo

    Roma

  • Ore di lezione

    14h

  • Durata

    2 Giorni

  • Inizio

    Scegli data

Descrizione

ITA Formazione di Torino presenta sul portale emagister.it il corso per La gestione delle locazioni passive delle amministrazioni pubbliche, fondamentale per chiunque lavori in ambito amministrativo, all’interno del settore pubblico.

Il corso ha la durata di 2 giorni ed è svolto in modalità presenziale per 14 ore complessive, durante la quale i corsisti apprenderanno le nozioni fondamentali per la gestione delle locazioni passive, come ad esempio il Rapporto di locazione, la Spending Review, il processo delle P.A., la responsabilità amministrativa e tanto altro come viene mostrato dal Programma del corso qui in basso.

Formazione fondamentale sia per chi desidera apprendere le basi, che per chi necessita di un’aggiornamento o maggiori competenze.

Strutture

Luogo

Inizio

Roma
Visualizza mappa
Piazza Barberini 23

Inizio

Scegli dataIscrizioni aperte

Da tener presente

Chiunque.

Nessuno.

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Chi vuoi che ti risponda?

Pubblicheremo solo il tuo nome e la domanda

Cosa impari in questo corso?

  • Gestione locazioni passive degli enti pubblici
  • Spending Review
  • Pubblica Amministrazione e sviluppo
  • Pubblica amministrazione
  • Amministrazione pubblica
  • Gestione amministrativa
  • Ausiliaro amministrativo
  • Consulenza amministrativa
  • Amministrativo contabile
  • Piano di razionalizzazione
  • Agenzia del demanio
  • Contratto di locazione
  • Locazione

Professori

Daniela Morgante

Daniela Morgante

Magistrato della Corte dei conti

Fabrizio Fedeli

Fabrizio Fedeli

Avvocato dello Stato

Giuseppe Cricenti

Giuseppe Cricenti

Magistrato presso il Tribunale di Roma

Luigi D’Ottavi

Luigi D’Ottavi

Avvocatura Roma Capitale

Programma

PROGRAMMA DEL CORSO
La razionalizzazione del fabbisogno allocativo della pubblica amministrazione

i piani di razionalizzazione nazionali ex art. 24 del D.L. n. 66/2014 e i parametri metri quadri/addetto
i rapporti delle Amministrazioni con l’Agenzia del Demanio
l’ambito di applicazione soggettivo delle disposizioni sulla razionalizzazione (art. 2 comma 222 quater della Legge 23 dicembre 2009, n. 191)

La procedura di stipulazione del contratto di locazione passiva
le indagini di mercato
il divieto di stipulare contratti di locazione passiva dettato dall’art. 12, comma 1-quater del D.L. n. 98/2011, convertito dalla L. 111/2011
il divieto di stipulare nuove locazioni passive anche per gli enti locali (art. 1, co. 138, L. n. 228/2012)

Il rapporto di locazione, durata, effetti, obblighi delle parti, quando il conduttore è una pubblica amministrazione
Il ruolo dell’Agenzia del Demanio nel rinnovo dei contratti di locazione e nella stipulazione dei nuovi contratti di locazione, per le amministrazioni statali e non statali (L. 147/2013; D.L. 95 del 2012; D.L. 66/2014)
la rinnovazione tacita della locazione
Il diniego di rinnovazione tacita della pubblica amministrazione alla della giurisprudenza della Corte dei Conti e della Cassazione (Cass. ord. 13886 del 2011; Cass. n. 5464/2006)
Luigi D’Ottavi

Canoni di locazione e spending review

la riduzione autoritativa del canone (art. 3 del Decreto Legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla Legge 7 agosto 2012, n. 135, come modificato dall’art. 24 comma 4 lett. a) e b) del D.L. n. 66/2014, conv. in L.n. 89/2014) ragionevolezza e limitatezza della legislazione emergenziale ( Corte Cost. n. 310 del 2013)
applicazione della riduzione del canone anche nel caso in cui il locatore è una pubblica amministrazione (Corte dei Conti Lombardia parere n. 274 del 2014.
canone di locazione “a crescere” e abbattimento del 15% ex art. 3 D.L. n. 95/2012. Natura “impositiva” della riduzione?
riduzione del canone e tutela del locatore: il diritto di recesso, profili di effettività della tutela
blocco dell’adeguamento ISTAT, tutela del locatore: profili di legittimità costituzionale della norma nella parte in cui non prevede il diritto di recesso: contenzioso pendente dinanzi al Tribunale di Roma
la cessione dei canoni di locazione

La disciplina del Manutentore Unico
oneri di manutenzione ordinaria e straordinarie e clausole contrattuali (art. 14 D.L. 52/2012; D. UE 27/2012; d.l.95/2012)
ambito oggettivo e soggettivo di applicazione del Manutentore Unico ai sensi del D.L. 98/2011 art.12
modifiche apportate dalle legge di stabilità del 2015 (L.190/2014 co.273)

Il recesso dal contratto dell’Amministrazione conduttrice
il recesso previsto dall'articolo 3, comma 3, del D.L. 95/2012 convertito in Legge 7 agosto 2012, n. 135
ambito soggettivo ed oggettivo di applicazione delle disposizioni dell'articolo 2bis del Decreto Legge 15 ottobre 2013 n. 120, convertito con Legge 13 dicembre 2013, n. 137 che attribuisce alla pubblica amministrazione la facoltà di recedere dai contratti di locazione
il recesso di cui all’art. 24, comma 2 bis, del D.L.n. 66/2014, conv. in L. n. 89/2014
il recesso per gravi motivi ex art. 27 comma 8 L. n. 392/1978; gravi motivi e dissesto finanziario dell’Ente (Cass. sent. Sentenze della Corte di Cassazione, Sezione III civile, nn. 2867, 2868, 6820, 6895, 6896/2015)

Recesso del locatore e requisizione in uso dell’immobile

Scadenza della locazione e mora dell’amministrazione conduttrice

il rilascio dell’immobile locato alla scadenza del contratto
Mora canone di locazione, natura quérable dell’obbligazione (Cass. sent. n. 5066/2009).
Fabrizio Fedeli

Forme contrattuali per il godimento di immobili alter-native alla locazione

locazione di cosa futura
leasing in costruendo
contratto di disponibilità (art. 160 ter D.Lgs.n. 163/2006)
rent to buy (art. 23 D.L. n. 133/2014 “Sblocca Italia”): la nuova disciplina dei contratti di godimento di immobili in funzione della successiva alienazione; ambito di applicazione nella pubblica amministrazione (social housing; dismissione immobili pubblici attraverso il rent to buy; la pubblica amministrazione in qualità di buyer)
Giuseppe Cricenti

La responsabilità erariale nella fase della stipula, del rinnovo e della gestione delle locazioni attive e passive

le locazioni attive: determinazione, aggiornamento, riscossione del canone, giurisdizione, canone inadeguato
le locazioni attive: la scelta del conduttore e l’abusivismo
le locazioni passive: razionalizzazione e spending review degli immobili pubblici, canone eccedentario, locazione ingiustificata
manutenzione dell’immobile, straordinaria, ordinaria, interventi non necessari
anticorruzione e trasparenza nelle locazioni della P.A.
Daniela Morgante


NOTE ORGANIZZATIVE DEL CORSO
Quota di partecipazione individuale
Euro 1.350,00 più IVA.
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE. PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA.

Data e Sede

Orario
9,00 - 13,00 / 14,00 - 17,00

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.
1.350 € +IVA

Chiama il centro

per ricevere informazioni sul corso

Parla con un consulente

per ricevere informazioni sul corso