Tecniche di Narrazione

Associazione Culturale Oasi
A Torino

200 
+IVA
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso
Luogo Torino
Ore di lezione 24h
Durata 3 Mesi
  • Corso
  • Torino
  • 24h
  • Durata:
    3 Mesi
Descrizione


Rivolto a: Tutti.

Informazioni importanti

Documenti

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Torino
Via Pinelli 23, 10100, Torino, Italia
Visualizza mappa
Inizio Consultare
Luogo
Torino
Via Pinelli 23, 10100, Torino, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

0.0
Senza valutazione
Valutazione del corso
100%
Lo consiglia
5.0
eccellente
Valutazione del Centro

Opinioni su altri corsi del centro

Vedere Bene senza Occhiali

F
franca groppo
5.0 22/12/2010
Il meglio: Il corso mi è piaciuto molto perchè farà parte del mio percorso di crescita personale. L'ho trovato importante anche per la rispondenza, la disponiobilità e la generosità dell'insegnante (Silvia Bodda) che è riuscita a far collegare la vista e l'utilizzo degli occhi con tutto il corpo e la mente dell'allievo. E' stata generosa e ci ha dato strumenti per continuare il percorso. Sto continuando ad utilizzare ciò che mi ha insegnato. Ottima la relazione qualità-prezzo.
Consiglieresti questo corso?:

Costellazioni Famigliari - Metodo Bert Hellinger

C
costanza bellugi
5.0 21/12/2010
Il meglio: E' stata la mia prima esperienza di costellazione familiare, perciò non ho un termine di confronto, ma posso affermare che la giornata in cui si è svolto il corso è stata indimenticabile; il contatto umano con gli altri partecipanti è stato intenso e spoglio di giudizio, il lavoro è stato decisamente terapeutico e mi ha insegnato molto, la facilitatrice mi è sembrata preparatissima e la solidarietà che si è instaurata con i componenti del gruppo (specialmente con le donne) mi ha commosso. Spero di poter partecipare al prossimo corso, che se ricordo bene dovrebbe svolgersi a febbraio. Per quanto riguarda la relazione qualità-prezzo mi è sembrata appropriata, soprattutto considerando la professionalità di Stefania Prafulla.
Consiglieresti questo corso?:

Costellazioni Famigliari - Metodo Bert Hellinger

C
costanza bellugi
0.0 21/12/2009
Il meglio: Raccomando il corso a tutti, perchè rappresenta un'occasione per avvicinarsi all'altro e quindi a se stessi: durante il corso si ha la forte sensazione che il lavoro su qualcuno diventa un lavoro su te stesso, inoltre condividere i propri problemi serve a ridimensionarli. Il fatto che non gravi alcun giudizio o pregiudizio tra i componenti del gruppo aiuta a sentire forte il contatto umano e il senso di rispetto che si crea per i problemi condivisi è un arricchimento che ti fa sentire protetto. Il livello del corso l'ho trovato alto, anche il livello umano e della sensibilità di chi ha guidato il gruppo in questo lavoro. Ho imparato molto. Sarà utile per me sia professionalmente che umanamente, perchè mi ha dato una misura per avvicinarmi al dolore degli altri.
Ho avuto un unico contatto con il centro, in occasione della costellazione familiare del 6 dicembre, perciò non posso dire molto, se non che l'ambiente era confortevole e caldo e le persone che ho incontrato molto gentili. Non ho chiesto contatti di lavoro perchè non era quello che cercavo, e non so dire se la facilitatrice del gruppo sia un'insegnante del centro o un'esterna. Ma mi ha dato un'ottima impressione, di persona preparata e professionale.
Da migliorare: E' stata un'esperienza molto intensa e forte, che forse è durata poco. Avrei avuto piacere di continuare il lavoro anche il giorno successivo.
Consiglieresti questo corso?:

Professori

Silvia Iannazzo
Silvia Iannazzo
Docente conduttore.

Attrice, narratrice e drammaterapeuta, diplomata nel ’93 alla scuola del Teatro Stabile Torino diretta da L. Ronconi. Formatasi con i più importanti maestri del teatro (Mnouchkine, Grotowsky, Vassiliev, Nekrosius, Stein, Lassalle), ha allestito spettacoli in proprio e recitato col Teatro Stabile Torino, Teatro di Roma e Teatro Settimo. Da anni, svolge attività didattiche in ambito teatrale, sulla comunicazione espressiva e sullo storytelling con training decennale presso Fay Prendergast.

Programma

TECNICHE DI
NARRAZIONE
Un corso per imparare a raccontare
Ideato e condotto da Silvia Iannazzo

PER CHI
Per tutti coloro che vogliono imparare, sperimentare ed affinare con piacere, emozione e
divertimento l’arte del raccontare, per capire, anche, un po' più di se stessi. Più nello
specifico, da un lato per genitori, insegnanti, educatori, operatori del sociale, di ludoteche
e biblioteche, nonni e nonne; dall'altro per chi per lavoro deve avvincere un uditorio di
qualsiasi genere (manager, formatori, gestori di gruppi) che può trovare utile arricchire la
capacità oratoria con le tecniche di narrazione, partendo dal presupposto che la storia è il
modo migliore di organizzare un sistema di conoscenze; in tal senso, questo corso è il
naturale completamento del corso di public speaking IN PUBBLICO.

PERCHE' RACCONTARE
Raccontare è molto diverso dal leggere ad alta voce una fiaba, o dal recitare un monologo.
Raccontare è un atto antico, che deriva da una millenaria tradizione orale. Prevede
innanzitutto la presenza di chi narra e chi ascolta. Occhi negli occhi però, e basta. Solo la
storia, con la sua voce, crea personaggi e paesaggi, e passaggi. Raccontare è un atto
semplice e nello stesso tempo presuntuoso: voler trasportare chi ascolta, con il solo aiuto
del corpo e della voce del narratore, lontano, in un altro mondo fantastico, in un’altra
dimensione. E poi riportarlo, gentilmente o a volte bruscamente, qui. Ma qualcosa sarà nel
frattempo cambiato, non sarà più lo stesso. La polvere di quel mondo raccontato gli sarà
rimasta attaccata alle suole delle scarpe, e lascerà un’orma, piccola o grande, nei normali
tragitti quotidiani.
Gli studi psicologici e cognitivi più recenti dicono che il cervello destro tende a registrare le
esperienze emotive sotto forma di immagini e a organizzarle in un ordine che ha una
forma narrativa. La forma narrativa è quella più “digeribile” e più gradevole per noi umani
nella trasmissione della conoscenza. Da sempre infatti i grandi saggi si esprimono per
parabole, e i popoli che non conoscevano la scrittura tramandavano la loro memoria
storica sottoforma di storie narrate. Anche i moderni manuali per manager raccomandano
di servirsi spesso di aneddoti per catturare l’uditorio. Perché una serie di eventi e di
esperienze, nel momento in cui diventa una storia, acquista un senso. Il raccontare è
dunque connesso al creare significato. Raccontare crea di per sé un valore.Il raccontare è una facoltà che tutti possiedono e che può essere sviluppata e coltivata. Ma
raccontare è anche un’arte, è come tale va imparata e allenata. Ogni narratore possiede
una propria personalità e uno stile unico. Scoprirlo e affinarlo è anche un modo per
scoprire chi si è veramente. E’ l’inizio di un’avventura che porta sempre più in là di quanto
si possa immaginare.
Perché raccontare dunque? Perché è bello, ed è bello ascoltare.

MATERIE D’INSEGNAMENTO
Corpo:
 rilassamento
 riscaldamento fisico
 il gesto
Voce:
 riscaldamento e esplorazione della voce, rudimenti di articolazione e intonazione
 il volume
 le sfumature
 le voci dei personaggi
 il ritmo
 la velocità
Immaginazione:
 esprimere immagini e suggestioni con le parole
 come costruire una storia
 esercizi di invenzione e creatività
Le mille e una storia:
 molti modi per raccontare una storia, trovare il proprio modo personale,
Storie e memorie:
 l’arte del ricordare,
 costruire storie a partire dalla propria esperienza,
 storie della quotidianità
Chi ci ascolta?
 come ammaliare l’uditorio,
 creare la suspence,
 tenere l’attenzione
 un tocco di teatralità in più


Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto