Contabilità analitica

Corsisoftware
A Milano

900 
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Milano
  • 30 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Per acquisire le conoscenze necessarie per operare nel settore.
Rivolto a: tutti gli interessati.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Milano
via Varanini 29c, 20127, Milano, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Nessuno

Programma

Sono molti gli esperti che ritengono che il miglior mezzo per controbattere la concorrenza sia, per un'azienda, la capacità di tenere sotto controllo i propri costi.

Questo corso presenta ai piccoli e medi imprenditori, ai dirigenti che desiderano conoscere i moderni metodi di gestione, così come a quanti operano nel campo contabile-amministrativo, le tecniche che consentono di conoscere meglio e quindi di dominare con maggior cognizione di causa i costi sulla base dei procedimenti della contabilità analitica (o
industriale).

La contabilità analitica è una tecnica per la raccolta, il trattamento e l'interpretazione in termini quantitativi dei dati. Col tempo si è passati da un'interpretazione limitata di questo strumento, ad un impiego ben più vasto. I suoi obiettivi non sono più solo conoscere i costi delle varie attività che l'impresa svolge e dei singoli prodotti, ma rendere possibili le
previsioni dei costi e spiegare le ragioni di eventuali scostamenti.
Questa guida, di taglio estremamente divulgativo e chiaro, offre una panoramica completa di tutti i metodi di calcolo dei costi, dei problemi che nella pratica aziendale possono insorgere per la loro rilevazione, di come e quando utilizzare le varie alternative.

Il corso è suddiviso in 3 parti. La prima parte esamina come calcolare il costo complessivo dei prodotti (condizione indispensabile ad esempio, per fissare i prezzi di listino, elaborare preventivi, confrontare i propri costi e quelli della concorrenza, conoscere il valore degli stock in giacenza, valutare la redditività di ogni prodotto...).

La seconda parte illustra come distinguere i costi fissi e i costi variabili (per rendersi conto, ad esempio, di come ciascun prodotto contribuisce a coprire i costi fissi o per attenuare l'influenza che sui costi unitari
esercitano le variazioni della quantità prodotta). Infine, nella terza parte il metodo dei costi ipotetici mostra come indagare sugli scostamenti e valutare le cause (cambiamenti nei prezzi esterni, mutamenti nei rendimenti della manodopera, dei materiali...) che provocano variazioni dei costi.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto