CORSO DI LINGUA MICENEA - LIVELLO ISTITUZIONALE A MILANO

UNITRE MILANO - Università delle tre età
A Milano

250 
IVA inc.
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Livello avanzato
  • Milano
  • Durata:
    Flessible
Descrizione

LINGUA MICENEA - LIVELLO ISTITUZIONALE
UNITRE MILANO - UNIVERSITA' DELLE TRE ETA'
167 CORSI DI LINGUE PER TE, TUTTI FREQUENTABILI CON UNA PICCOLA QUOTA DI ISCRIZIONE. ED IN PIU', ACCEDI LIBERAMENTE A TUTTI GLI ALTRI CORSI DI OGNI GENERE (OLTRE 1.000!) PER TUTTE LE ETA' E PER TUTTI I MESI DELL'ANNO.
WWW.UNITREMILANO.COM

La lingua micenea, o semplicemente miceneo è l'antica varietà di lingua greca rinvenuta nelle tavolette d'argilla redatte in lineare B dagli scribi dei palazzi di Micene, Pilo, Tirinto e Cnosso, e decifrate dall'architetto e linguista amatoriale Michael Ventris, fondatore della disciplina della micenologia.

Il dialetto miceneo, insieme ad altre arcaiche varietà di greco in parte sconosciute e in parte testimoniate, per alcune isoglosse, dai dialetti dorico ed eolico, venne parlato in Grecia, nei centri micenei del Peloponneso, dell'Egeo e di Creta, fra la metà del XVIIe la fine del XIII secolo a.C. In seguito al crollo dei grandi palazzi micenei, regredì ritirandosi nelle isole linguistiche dell'Arcadia e di Cipro, per poi andare incontro ad un'evoluzione propria.

Dopo l'ittita, il dialetto miceneo, e quindi la lingua greca, è la parlata indoeuropea di attestazione scritta più antica. La scoperta delle tavolette micenee fa del greco una delle lingue dalla documentazione storica più cospicua e antica nel mondo, insieme alcopto e al cinese

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Milano
Via S. Calocero 16, 20123, Milano, Italia
Visualizza mappa

Cosa impari in questo corso?

Lingua straniera
LINGUA MICENEA

Professori

Renato Turra
Renato Turra
docente

Programma

Il Miceneo è la lingua degli antichi Achei, popolazione indoeuropea della tarda età del bronzo, proveniente dall'Europa orientale e penetrata nella Grecia continentale all'inizio del II millennio a.C.

A metà del millennio, attorno al 1500 a.C., rivaleggiavano con i Minoici di Creta nel commercio marittimo. Erano organizzati in città-regni indipendenti e Micene era uno dei maggiori centri dell'epoca. Nel 1450 a.C. arrivarono ad occupare Creta, decretando la fine della civiltà Minoica.

In questo periodo i regni micenei si unirono per combattere Troia, città che, grazie alla sua posizione strategica sullo stretto tra Mar Nero e Mare Egeo, controllava importanti traffici commerciali. È da questa impresa che prende spunto la narrazione dei poemi omerici.

I Micenei adattarono alla loro lingua un sistema di scrittura minoica in uso a Creta (denominato "Lineare A", non ancora decifrato), creando un alfabeto sillabico denominato "Lineare B", decifrato nel 1952 da Michael Ventris.

La Lineare B è scritta da sinistra a destra e conta circa 200 segni, divisi in 90 segni sillabici con valore fonetico e ideogrammi con valore semantico.
Esiste anche un sistema numerico decimale, costituito da linee verticali per le unità, orizzontali per le decine e cerchi per le centinaia.

Non ci hanno lasciato testi letterari, ma solo documenti amministrativi, resoconti della contabilità dei palazzi e poco altro. Quanto è bastato, però, per capire molto della loro lingua e stabilire innanzi tutto che i Micenei non erano popoli orientali, come a lungo si era pensato, ma greci a tutti gli effetti, Achei, appunto.


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto