Corso di Preparazione e Aggiornamento per l'Insegnamento della Danza Contemporanea

CONFSPORT ITALIA A.S.D. - E=SC²
A Roma
  • CONFSPORT ITALIA A.S.D. - E=SC²

1001-2000 €
Preferisci chiamare subito il centro?

Informazione importanti

  • Corso
  • Roma
  • 60 ore di lezione
  • Durata:
    12 Giorni
  • Quando:
    17/12/2016
    altre date
Descrizione

La Danza Contemporanea nasce in Europa e negli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale. Prosegue la rivoluzione attuata dalla danza moderna a favore di nuove espressioni corporee, che talvolta comprendono anche la recitazione.
Dai primi anni 70 le collaborazioni e fusioni tra varie forme artistiche danno vita alle prime performace di danza contemporanea. Tra gli esponenti, Merce Cunningham e il musicista John Cage, Alwin Nikolais mediante sperimentazioni elettroniche al sintetizzatore, e Trisha Brown.
L'introduzione della tecnologia all'interno della creazione coreografica ha aperto nuove possibilità, in molte creazioni contemporanee vi è infatti interazione con video, software, musica elettronica.
A seconda della storia del territorio in cui la danza contemporanea si sviluppa, la ricerca si concentra su aspetti diversi. Negli Stati Uniti, per esempio, la ricerca si concentra prevalentemente sul corpo, anche per mezzo dello studio dell'effetto dei processi mentali sul movimento.
In Italia la danza contemporanea si sviluppa principalmente tra la fine degli anni 1970 e la metà degli anni 1980 grazie a Anna Sagna che costituisce a Torino il gruppo di danza contemporanea Bella Hutter e Elsa Piperno che fonda con Joseph Fontano il "Centro professionale di danza contemporanea" a Roma.
Tra i contributi alla danza contemporanea italiana quello di Carolyn Carlson che alla direzione del Teatro e Danza "La Fenice" tra il 1981 e il 1984 ha formato Michele Abbondanza (compagnia Abbondanza/Bertoni), Roberto Cocconi (compagnia Arearea), Raffaella Giordano e Giorgio Rossi (associazione Sosta Palmizi).

Informazione importanti Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo Orario
19 novembre 2016
17 dicembre 2016
14 gennaio 2017
18 febbraio 2017
18 marzo 2017
15 aprile 2017
Roma
Via dei Monti di Pietralata, 16, 157, Roma, Italia
Visualizza mappa
Sabato ore 14.00 - 19.30
20 novembre 2016
18 dicembre 2016
15 gennaio 2017
19 febbraio 2017
19 marzo 2017
16 aprile 2017
Roma
Via dei Monti di Pietralata, 16, 157, Roma, Italia
Visualizza mappa
Domenica ore 9.30-15.00

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Il Corso intende fornire le nozioni fondamenti della tecnica contemporanea floor-work e release attraverso la metodologia teorico-pratica e la didattica, ed ha come fine il miglioramento e l'arricchimento delle proprie competenze per insegnare ed elaborare una classe di danza contemporanea per corsi di principianti ed intermedi.

· A chi è diretto?

Il Corso è rivolto ad Insegnanti e danzatori con buona conoscenza della tecnica di base, desiderosi di sviluppare ed ampliare le proprie competenze per elaborare un percorso didattico e metodologico di danza contemporanea.

· Requisiti

Le modalità richieste per accedere ai corsi sono le seguenti: - curriculum vitae - esame tecnico pratico - test motivazionale - certificato medico d'idoneità attività sportiva non agonistica - 3 fotografie - maggiore età I partecipanti dovranno frequentare tutte le ore del Corso

Cosa impari in questo corso?

Danza
Danza contemporanea
Sport
Esercizi
Danza moderna
Ballo
Benessere
Attività sportiva
Espressione corporera
Coreografia
Danzaterapia
Storia della danza contemporanea
Teatro danza
Espressione creativa
Espressione artistica

Professori

Federica "Effe" Mastrangeli
Federica "Effe" Mastrangeli
Docente Danza Hip Hop

Federico Di Maio
Federico Di Maio
Musica applicata alla danza

Paolo Demitry
Paolo Demitry
Musica applicata alla danza

Sabrina Lucido
Sabrina Lucido
Anatomia del movimento applicata al danzatore

Valeria Morselli
Valeria Morselli
Storia della Danza

Programma

Corso principianti (60 ore)
Si parte dallo studio del floor-work nei suoi principi cardine, come l'attenzione alla struttura dello scheletro e la richerca di un lavoro muscolare più profondo che sfrutti le articolazioni come leve per defaticare e alleggerire il carico muscolare di braccia e gambe, concentrando e trasferendo al centro del corpo la maggiore spinta propulsiva ed energetica, sfruttando il contatto con il pavimento e l'energia propulsiva sprigionata dalla progressiva velocizzazione delle sequenze. Questa tecnica prepara la colonna vertebrale all'equilibrio nello spazio, potenzia il tronco e le braccia e velocizza la risposta dei muscoli addominali in totale rilassatezza e fluidità.
L'improvvisazione supporta il lavoro tecnico incrementando una maggiore consapevolezza del corpo, l'uso di immagini, concetti associativi o idealizzazioni di azioni fisiche prese dall'immaginario o dal quotidiano, vengono usate per produrre nuove esperienze cinestetiche.
Le materie teoriche quali Anatomia del movimento applicata al danzatore, la Storia della Danza e incontri Live Music Session saranno di ulteriore sostegno a quelle sopra citate.
Durante il corso di Primo livello ci saranno quindi appuntamenti di Live Music Session con Maestri accompagnatori dell'Accademia Nazionale di Danza di Roma. L'obiettivo è quello di introdurre gli allievi all'esperienza della musica dal vivo, familiarizzarli con il linguaggio musicale analogico o elettronico e infine sensibilizzarli al dialogo "improvvisativo" movimento/suono.
Questi appuntamenti mirano a ricreare in sala il rapproto lavorativo professionale di interazione e scambio creativo coreografo/insegnante - compositore/musicista.
Possibilità su richiesta di ore aggiuntive di Pedagogia e Alimentazione.

Corso intermedio (60 ore)
Il secondo livello del corse prevede un incremento tecnico del floor-work e della tecnica release con sequenze nello spazio, lo studio del fuori peso del tronco e delle periferie del corpo. Verrà introdotta una piccola sbarra al centro di riscaldamento in piedi soprattutto per l'uso delle gambe e dei piedi, quindi più fortemente ancorata alla tecnica del balletto classico: qui al concetto di en-dehors si affiancherà quello dell'en-dedans estremo per raggiungere una maggiore elasticità e possibilità fisiche, altrimenti inesplorate. Per finire, ci si avvarrà di alcuni principi della tecnica hip hop.
Al danzatore contemporaneo viene richiesta ormai, insieme alle tecniche moderne e contemporanee, la conoscenza di almeno una delle discipline della street dance, soprattutto nell'uso dell'improvvisazione. Si affronteranno quindi rafforzandoli, quei concetti già presenti nella tecnica release come l'isolamento delle varie parti del corpo (collo, spalle, tronco, bacino), la disarticolazione, le contrazioni muscolari per una maggiore ricettività e controllo, speed control, slow motion, sono alcuni tra i tanti principi che contribuiranno ad arricchire il vocabolario del danzatore e soprattutto offriranno un metodo di studio pratico e non empirico delle suddette dinamiche.
Le materie teoriche quali Anatomia del movimento applicata al danzatore, la Storia della Danza e incontri Live Music Session saranno di ulteriore sostegno a quelle sopra citate.
Durante il corso di Secondo livello ci saranno quindi appuntamenti di Live Music Session con Maestri accompagnatori dell'Accademia Nazionale di Danza di Roma. L'obiettivo è quello di introdurre gli allievi all'esperienza della musica dal vivo, familiarizzarli con il linguaggio musicale analogico o elettronico e infine sensibilizzarli al dialogo "improvvisativo" movimento/suono.
Questi appuntamenti mirano a ricreare in sala il rapproto lavorativo professionale di interazione e scambio creativo coreografo/insegnante - compositore/musicista.
Possibilità su richiesta di ore aggiuntive di Pedagogia e Alimentazione.