Fisioterapia (Abilitante alla Professione Sanitaria di Fisioterapista)

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro
A Vercelli

2001-3000 €
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Laurea
Inizio Vercelli
Durata Flessible
  • Laurea
  • Vercelli
  • Durata:
    Flessible
Descrizione

Il laureato è un professionista che svolge con autonomia attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori, e di quelle viscerali conseguenti a eventi patologici, a varia eziologia congenita o acquisita del bambino, dell'adulto, dello sportivo e del soggetto geriatrico espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive del profilo professionale.
Sede: Novara, Verbania, Fossano

Informazioni importanti

Frequenza obbligatoria

Accesso programmato

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Vercelli
Via Duomo, 6 , 13100, Vercelli, Italia
Visualizza mappa
Inizio Consultare
Luogo
Vercelli
Via Duomo, 6 , 13100, Vercelli, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Il laureato, al termine del percorso triennale, deve essere in grado di: Formulare la diagnosi e la prognosi fisioterapica; Definire e pianificare l'intervento fisioterapico; Gestire il proprio lavoro nell'ambito del Servizio; Effettuare il trattamento fisioterapico; Verificare e valutare i risultati ottenuti; Documentare gli atti professionali; Assumere atteggiamenti professionali nel rispetto del codice deontologico; Instaurare una relazione efficace con la persona assistita, con i familiari e l'équipe. Percorso formativo: 1° anno Finalizzato a fornire le conoscenze essenziali tali da avere i requisiti fondamentali per affrontare la prima esperienza di tirocinio finalizzata all'orientamento dello studente agli ambiti professionali di riferimento e all'acquisizione delle competenze di base. 2° anno Finalizzato a fornire le conoscenze teoriche tali da consentire allo studente di poter sperimentare abilità intellettive, relazionali e gestuali; individuare aspetti teorici che emergono nella pratica clinica, ricercando le migliori evidenze disponibili in letteratura per confrontarsi con una comunità professionale di riferimento allo scopo di acquisire la "miglior pratica possibile". 3° anno Finalizzato all'acquisizione di conoscenze e metodologie che permettono di poter effettuare in modo autonomo il trattamento riabilitativo nelle varie patologie.

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Medicina generale
Scienze biomediche
Metodologia generale della riabilitazione
Riabilitazione neurologica
Scienze dell'organizzazione e del management
Medicina legale
Bioetica
Scienze fisiche
Basi molecolari
Morfologia

Professori

Carlo Cisari
Carlo Cisari
Professore associato

Programma

Obiettivi formativi specifici
I laureati del corso sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 2, comma 1,operatori delle professioni sanitarie dell'area della riabilitazione che svolgono con titolarità e autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dai relativi profili professionali.
I laureati del corso sono dotati di un'adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentire loro la migliore comprensione dei più rilevanti elementi che sono alla base dei processi patologici sui quali si focalizza il loro intervento riabilitativo e/o terapeutico in età evolutiva, adulta e geriatrica. Devono inoltre saper utilizzare almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali.
Le strutture didattiche devono pertanto individuare e costruire altrettanti percorsi formativi atti alla realizzazione delle diverse figure di laureati funzionali ai profili professionali dai decreti del Ministero della sanità.
Le strutture didattiche individuano a tal fine, mediante l'opportuna selezione degli ambiti disciplinari delle attività formative caratterizzanti, con particolare riguardo ai settori scientifico-disciplinari professionalizzanti, gli specifici percorsi formativi delle professioni sanitarie ricomprese nella classe. In particolare per l'educatore professionale, al fine di connotarne la figura di operatore dell'area sanitaria, è indispensabile una adeguata utilizzazione dei settori scientifico-disciplinari.
In particolare, i laureati del corso, in funzione dei suddetti percorsi formativi, devono raggiungere le competenze professionali di seguito indicate e specificate riguardo ai singoli profili identificati con provvedimenti della competente autorità ministeriale. Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso una formazione teorica e pratica che includa anche l'acquisizione di competenze comportamentali e che venga conseguita nel contesto lavorativo specifico di ogni profilo, così da garantire, al termine del percorso formativo, la piena padronanza di tutte le necessarie competenze e la loro immediata spendibilità nell'ambiente di lavoro. Particolare rilievo, come parte integrante e qualificante della formazione professionale, riveste l'attività formativa pratica e di tirocinio clinico, svolta con la supervisione e la guida di tutori professionali appositamente assegnati, coordinata da un docente appartenente al più elevato livello formativo previsto per ciascun profilo professionale e corrispondente alle norme definite a livello europeo ove esistenti.

Conoscenze richieste per l'accesso (art.6 D.M. 509/99)
L'accesso al Corso è regolato dalla legge n° 264 del 1999. Il possesso di un'adeguata preparazione iniziale è verificato in sede di prova di ammissione, i cui contenuti sono annualmente determinati con Decreto Ministeriale.

Caratteristiche della prova finale
Relazione di un elaborato e dimostrazione di abilità pratiche.

Ambiti occupazionali previsti per i laureati
Nell'ambito della professione sanitaria del fisioterapista, i laureati sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della sanità 14 settembre 1994, n. 741 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero svolgono, in via autonoma o in collaborazione con altre figure sanitarie, gli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori, e di quelle viscerali conseguenti a eventi patologici, a varia eziologia, congenita od acquisita. I laureati in fisioterapia, in riferimento alla diagnosi ed alle prescrizioni del medico, nell'ambito delle loro competenze, elaborano, anche in equipe multidisciplinare, la definizione del programma di riabilitazione volto all'individuazione ed al superamento del bisogno di salute del disabile; praticano autonomamente attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilità motorie, psicomotorie e cognitive utilizzando terapie fisiche, manuali, massoterapiche e occupazionali; propongono l'adozione di protesi ed ausili, ne addestrano all'uso e ne verificano l'efficacia; verificano le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale.
I laureati del corso svolgono attività di studio, didattica e consulenza professionale, nei servizi sanitari ed in quelli dove si richiedono le loro competenze professionali; svolgono loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
Attività di base
Scienze biologiche e psicologiche


Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto