Il nuovo procedimento amministrativo dopo la Legge Madia e l’aggiornamento al piano nazionale anticorruzione 2015

ITA Formazione
A Roma

1.350 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso intensivo
  • Livello avanzato
  • Roma
  • 13 ore di lezione
  • Durata:
    2 Giorni
  • Quando:
    Da definire
Descrizione

Il nuovo procedimento amministrativo dopo la Legge Madia e l’aggiornamento al piano nazionale anticorruzione 2015 - Ruolo del responsabile del procedimento.

La riforma della Pubblica Amministrazione;
Aggiornamento al Piano Nazionale Anticorruzione 2015 (determinazione ANAC n. 12 del 28 ottobre 2015);
La figura del Responsabile del procedimento;
La Segnalazione Certificata di Inizio Attività;
Autotutela con funzione di riesame;
Conferenza di servizi;
SCIA, silenzio assenso, autorizzazione espressa e comunicazione preventiva;
La responsabilità amministrativa.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo Orario
Da definire
Roma
Piazza Barberini 23, Roma, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Procedimento amministrativo e anticorruzione
Ruolo del responsabile del procedimento amministrativo

Professori

Giuseppe Tagliamonte
Giuseppe Tagliamonte
Consigliere della Corte dei conti

Paolo Amovilli
Paolo Amovilli
Magistrato TAR Umbria

Programma

PROGRAMMA DEL CORSO

La riforma della Pubblica Amministrazione

innovazioni e prospettive nella legge n. 124 del 2015 (Legge Madia)
norme di immediata attuazione
rafforzamento del principio di separazione tra attività di indirizzo politico e gestione e revisione delle responsabilità
riordino dei giudizi di responsabilità amministrativo - contabile
legge delega per l’attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE in materia di concessioni e appalti pubblici: il delicato passaggio dal Codice contratti pubblici alla nuova normativa

Aggiornamento al Piano Nazionale Anticorruzione 2015 (determinazione ANAC n. 12 del 28 ottobre 2015)
le aree a rischio
la prevenzione della corruzione nella fase di affidamento e di esecuzione del contratto: principali criticità
la trasparenza dell’attività contrattuale (D.Lgs. 33/2013) e il diritto di accesso civico
competenze e responsabilità del RUP e del Responsabile anticorruzione

La figura del Responsabile del procedimento
individuazione e nomina
competenze e responsabilità
conflitto di interessi
procedimento istruttorio
rapporti con il Responsabile anticorruzione

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività
l’obiettivo del consolidamento delle attività economiche oggetto di SCIA e revisione del rapporto con il potere autoritativo di controllo
ambito di applicazione della SCIA e presupposti
la riforma dell’autotutela e l’introduzione di termini perentori per il relativo esercizio
gli aspetti critici sotto il profilo procedimentale e di tutela giurisdizionale nella più recente giurisprudenza

Autotutela con funzione di riesame
le modifiche all’art. 21-nonies L. 241/90 in tema di annullamento d’ufficio
l’introduzione di un termine perentorio per l’esercizio del potere di annullamento d’ufficio
i provvedimenti di “autorizzazione o di attribuzione di vantaggi economici”. Fattispecie
la complessiva riscrittura dell’autotutela con funzione di riesame alla luce del D.L. 133/2014 “Sblocca Italia” e della legge 7 agosto 2015 n. 124
le nuove limitazioni in tema di revoca per c.d. ius poenitendi
il delicato rapporto con il principio del legittimo affidamento di derivazione comunitaria
l’autotutela inerente a provvedimento conseguito con modalità fraudolenta

Conferenza di servizi
i principi ed i criteri direttivi contenuti nella legge delega 124/2015
l’introduzione del silenzio assenso per gli assensi delle Amministrazioni preposte alla tutela della salute, del patrimonio storico-artistico e dell’ambiente
le novità in tema di autotutela. L’introduzione di fattispecie di autotutela doverosa da parte dell’Amministrazione procedente su istanza delle Amministrazioni partecipanti alla conferenza

SCIA, silenzio assenso, autorizzazione espressa e comunicazione preventiva
i principi e i criteri direttivi della legge delega
la predeterminazione con Decreto Legislativo delle concrete ipotesi di SCIA e di silenzio con valore legale di assenso nonché delle residue ipotesi di autorizzazione espressa
la normativa comunitaria (direttiva n. 123/2006 “Bolkestein”)
le attività soggette a “comunicazione preventiva” e disciplina generale dell’istituto
Paolo Amovilli

La responsabilità amministrativa

natura risarcitoria/sanzionatoria
natura contrattuale/extracontrattuale
obblighi di servizio
dolo e colpa grave
assicurabilità della responsabilità
Giuseppe Tagliamonte

NOTE ORGANIZZATIVE DEL CORSO
Quota di partecipazione individuale
Euro 1.350,00 più IVA.
La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni di lavoro e coffee-break.
SONO PREVISTE CONVENZIONI-ABBONAMENTI E CONDIZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE. PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA SEGRETERIA ITA.

Data e Sede

Orario
9,00 - 13,00 / 14,30 - 17,00

Prenotazione alberghiera
La Segreteria ITA è a disposizione dei partecipanti per prenotazioni alberghiere a tariffe preferenziali nei limiti delle disponibilità.

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto