Procedimento e tecniche di redazione dei provvedimenti in materia di accesso

Ceida - Centro Italiano di Direzione Aziendale
A Roma

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Concorsi pubblici
  • Roma
Descrizione

Il centro presenta a continuazione il programma pensato per migliorare le tue competenze e permetterti di realizzare gli obiettivi stabiliti. Nel corso della formazione si alterneranno differenti moduli che ti permetteranno di acquisire le conoscenze sulle differenti tematiche proposte. Inscriviti per poter accedere alle seguenti materie.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Roma
Via Palestro, 24 , 00185, Roma, Italia
Visualizza mappa

Cosa impari in questo corso?

Redazione

Programma

PROGRAMMA

Il contenuto del diritto di accesso. Visione ed estrazione di copia. Gli omissis e le mascherature del documento. L’accesso “frazionato”. I costi. Modalità di calcolo dei diritti di ricerca e visura e dei costi di riproduzione. Autenticazione delle copie. La predisposizione di modulistica e vantaggi. L’istanza di accesso. Contenuto, requisiti, legittimazione e modalità di presentazione. In particolare, la necessità o meno di indicare gli estremi dei documenti oggetto della richiesta. La richiesta di informazioni. La possibilità di ripresentare la stessa istanza di accesso già respinta. L’istanza di accesso formulata nel corso del procedimento amministrativo. Modalità di presentazione dell’istanza: per fax, per posta e in via telematica e la disciplina prevista dall’art. 77 del codice degli appalti. L’istanza presentata dal rappresentante e dal difensore: requisiti di regolarità. L’interesse. Indicazione nell’istanza. Collegamento dell’interesse con la tutela giurisdizionale e procedimentale. L’interesse del partecipante alla procedura concorsuale e dell’escluso. L’accesso del denunciante e del denunciato. L’istanza di accesso presentata da un ente pubblico. L’oggetto dell’accesso. Gli atti della procedura concorsuale e della gara di appalto. Gli atti trasmessi dall’autorità amministrativa al giudice penale. L’accesso all’accertamento dell’abuso edilizio. Gli atti utilizzati ai fini della verbalizzazione (minute, registrazioni ecc.). Gli atti inaccessibili. Il procedimento amministrativo conseguente alla presentazione dell’istanza di accesso.  La comunicazione ai controinteressati e loro individuazione. Esistenza di controinteressati nelle procedure concorsuali. Le modalità della comunicazione e dell’opposizione. Effetti dell’opposizione ai fini della decisione: in particolare, la disciplina degli appalti. Valutazione dell’opposizione nel provvedimento finale. L’accesso informale e l’accesso formale. Differenze e discrezionalità dell’amministrazione in ordine alla scelta della procedura. Termini e richieste istruttorie. Termini e loro decorso. Possibilità di provvedere tardivamente e conseguenze sul giudizio eventualmente instaurato dal richiedente. L’istanza presentata ad amministrazione incompetente. L’irregolarità e l’incompletezza documentale: casi. L’interruzione del termine per effetto della richiesta istruttoria. L’inottemperanza alla richiesta istruttoria. La decisione dell’amministrazione in ordine all’istanza di accesso. Il provvedimento di accoglimento: contenuto (in particolare, l’indicazione dell’ufficio e del termine), necessità o meno della motivazione, comunicazione al richiedente e ai controinteressati. L’accesso decentrato. Il provvedimento di rigetto e motivazione. Il preavviso ex art. 10 bis l. n. 241/90. Il differimento: casi, durata, motivazione, proroga. Il differimento negli appalti e differenze rispetto alla disciplina ordinaria. Le modalità di esercizio del diritto di accesso. L’estrazione di copia autentica e non. Il termine entro cui deve essere esercitato l’accesso. La scannerizzazione degli atti. Il rilascio informatico degli atti. L’invio a mezzo posta. Il responsabile del procedimento in materia di accesso. L’individuazione. Compiti. Rapporti con il soggetto che predispone materialmente l’istruttoria e con il responsabile del provvedimento. La responsabilità penale (con particolare riferimento ai reati di rivelazione di segreto d’ufficio ed omissione di atti d’ufficio), civile, disciplinare ed amministrativa. Gli atti organizzatori delle amministrazioni. Tipologie: gli atti previsti dalla l. 241/90 e dal d.P.R. 184/06. Contenuto. L’atto organizzatorio contrastante con la normativa primaria.

Esame di casi giurisprudenziali. Redazione di provvedimenti in materia di accesso in contraddittorio con i partecipanti sulla base di casi predisposti dal relatore nell’ambito dei quali verranno esaminati: a) profili giuridici, b) procedimento e c) contenuto dei singoli atti da predisporre .

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto