SanShou Leitai

Ardes
A Pulsano

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Pulsano
  • 3 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: preparazione a diversi tipi di stili di combattimento; possibile gareggiare in gare di Sanda e Mix Martial Arts.
Rivolto a: tutte le persone che abbiano voglia di conoscere le tecniche di combattimento dei vari stili di arti marziali.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Pulsano
C. Battisti 99, Taranto, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

certificato di sana e robusta costituzione

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Professori

Andrea Stefanelli
Andrea Stefanelli
Istruttore

2010 Istruttore di Combattimento Interstile - San Shou Leitai riconosciuto CSEN 2009 Istruttore di Kuntao riconosciuto CSEN 2007 Istruttore (Instructor 3° livello) con abilitazione all'insegnamento di Jeet-Kune-Do/Arnis de mano- ARDES.

Roberto Zanotti
Roberto Zanotti
Istruttore

Istruttore di arti Marziali asiatiche e occidentali, riconosciuto dalla PWKA Istruttore con abilitazione all'insegnamento di Jeet-Kune-Do/Kali Istruttore di Combattimento Interstile - San Shou Leitai riconosciuto Csen

William Marino
William Marino
Capo Scuola Nazionale

Maestro di arti Marziali asiatiche e occidentali, caposcuola e direttore tecnico riconosciuto dalla PWKA (Professional World Kung-fu Association). Maestro di Combattimento Interstile - San Shou Leitai riconosciuto Csen Maestro (Master 5° livello riconosciuto Akea) con abilitazione all'insegnamento di Jeet-Kune-Do/Kali Istruttore di Combattimento Interstile (PWKA) Dal 2008 docente Corso Ufficiali NATO 2009 Attestato Dirigente Sportivo Nazionale CSEN Per maggiori informazioni, M° William Marino tel. 335-7049499 mail: silverwood@fastwebnet.it

Programma

Combattimento tradizionale cinese
Organizzazione di tornei di combattimento libero e interstile di Kung Fu.

Negli incontri é consentita sia la lotta in piedi che a terra; colpi con tutte le parti del corpo, proiezioni, leve articolari e strangolamenti.

1 - se aveva vinto, quindi ridotto l’avversario in fin di vita.

2 - se aveva perso, quindi ridotto egli stesso in fin di vita.
3 - se decideva di abbandonare (con un salto di 1.80mt.) e scappare da una folla di persone inferocita che aveva scommesso sulla sorte dei combattenti.

Oggi il San Shou Leitai è stato reintrodotto nel panorama sportivo; pur avendo smorzato la sua cruenza mantiene comunque sempre un considerevole livello di tecniche violente. In alcune Federazioni questa disciplina viene organizzata su tre livelli di combattimento.

- Primo livello (light): sono consentite tecniche di calci, pugni, gomitate e ginocchiate.
- Secondo livello (medium): oltre alle tecniche sopraccitate si inseriscono anche leve articolari e proiezioni.
- Terzo livello (Full): in aggiunta ai primi due livelli si combatte anche a terra.

Uniche eccezioni:
- Sono vietati i colpi nelle parti molli del corpo e alla schiena
- A seconda delle Organizzazioni vengono consentite più o meno protezioni