Università degli Studi di Urbino.

      Consulente del Lavoro

      Università degli Studi di Urbino.
      A Urbino

      Prezzo da consultare
      Preferisci chiamare subito il centro?
      80046... Leggi tutto
      Chiedi informazioni a un consulente Emagister

      Informazioni importanti

      Tipologia Laurea Triennale
      Luogo Urbino
      • Laurea Triennale
      • Urbino
      Descrizione

      Strutture (1)
      Dove e quando
      Inizio Luogo
      Consultare
      Urbino
      Via Aurelio Saffi, 2, 61029, Pesaro e Urbino, Italia
      Visualizza mappa
      Inizio Consultare
      Luogo
      Urbino
      Via Aurelio Saffi, 2, 61029, Pesaro e Urbino, Italia
      Visualizza mappa

      Domande e risposte

      Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

      Successi del Centro

      Questo centro ha dimostrato la sua qualità su Emagister
      13 anni con Emagister

      Programma

      Obiettivi formativi specifici
      Ai sensi di quanto disposto dall'art. 3, comma 4, del d.m. 509/99 e nel rispetto degli obiettivi formativi qualificanti individuati dalla classe di riferimento, gli obiettivi formativi qualificanti del corso di laurea in Consulente del lavoro sono i seguenti:
    • fornire una solida preparazione culturale e giuridica di base, la sicura conoscenza dell'ordinamento generale del lavoro e la capacità di applicare la normativa ad esso pertinente;
    • fornire la sicura conoscenza dello specifico settore dell'ordinamento relativo alla sicurezza sul lavoro e la capacità di applicare la normativa ad esso pertinente;
    • verificare la capacità di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali, nonché il possesso di adeguate competenze per la comunicazione e la gestione dell'informazione anche con strumenti e metodi informatici e telematici.

      Conoscenze richieste per l'accesso (art.6 D.M. 509/99)
      Ai sensi del primo comma dell'art. 6 del D.M. 3 novembre 1999, n. 509, nonché dell'art. 5 del Regolamento didattico di ateneo, sono ammessi al corso di laurea in Consulente del lavoro coloro che siano in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore, o di altro titolo conseguito all'estero riconosciuto idoneo, dal quale si evinca il possesso di una adeguata preparazione culturale di base in uno dei campi tecnico-economico, sociale, scientifico o umanistico. Con il regolamento didattico del corso di studio, adottato dal Consiglio della Facoltà di Giurisprudenza ai sensi dell'art. 12 del d.m. 509/99 e dell'art. 3 del Regolamento didattico di ateneo, possono essere previste, conformemente all'art. 7 di quest'ultimo, modalità di verifica, anche a conclusione di attività formative propedeutiche, delle conoscenze necessarie per la partecipazione ai corsi e l'eventuale definizione di obblighi formativi; il regolamento didattico del corso di studio potrà altresì prevedere, all'esito di prove di orientamento e/o attitudinali, l'indicazione facoltativa di attività formative ulteriori.

      Caratteristiche della prova finale
      La laurea in Consulente del lavoro si consegue mediante pubblica discussione di un problema teorico-pratico connesso allo svolgimento dell'attività professionale, scelto in una delle materie d'insegnamento d'accordo con il docente. Il regolamento didattico del corso di studio stabilisce se la presentazione di un elaborato scritto sia obbligatoria ovvero facoltativa. Per essere ammesso alla prova finale, lo studente deve aver conseguito 177 crediti, comprensivi dei crediti previsti per la conoscenza della lingua straniera.

      Ambiti occupazionali previsti per i laureati
      Il corso di laurea in Consulente del lavoro si propone di formare la figura professionale di consulente del lavoro, nonché figure professionali che svolgeranno attività, presso amministrazioni ed imprese pubbliche e private e nel terzo settore, per le quali sia necessaria una specifica preparazione giuridica in materia di lavoro e di relazioni sindacali. Il corso si propone altresì di qualificare ulteriormente la formazione professionale al fine dello svolgimento di attività di consulenza giuridica in ordine all'applicazione, alla organizzazione ed alla gestione della normativa in materia di sicurezza sul lavoro.
      Attività di base
      Discipline metodologiche

      CFU 15
      SECS-S/03: STATISTICA ECONOMICASPS/09: SOCIOLOGIA DEI PROCESSI ECONOMICI E DEL LAVORO
      Storico-giuridico, filosofico, informatico-giuridico

      CFU 9
      IUS/19: STORIA DEL DIRITTO MEDIEVALE E MODERNOTotale CFU 24

      Attività caratterizzanti
      Discipline giuridiche d' impresa

      CFU 48
      IUS/04: DIRITTO COMMERCIALEIUS/07: DIRITTO DEL LAVOROIUS/12: DIRITTO TRIBUTARIO
      Economia pubblica

      CFU 6
      SECS-P/02: POLITICA ECONOMICA
      Privatistico

      CFU 9
      IUS/01: DIRITTO PRIVATO
      Pubblicistico

      CFU 24
      IUS/08: DIRITTO COSTITUZIONALEIUS/10: DIRITTO AMMINISTRATIVOIUS/14: DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEATotale CFU 87

      Attività affini o integrative
      Discipline giuridiche

      CFU 21
      IUS/13: DIRITTO INTERNAZIONALEIUS/15: DIRITTO PROCESSUALE CIVILEIUS/16: DIRITTO PROCESSUALE PENALEIUS/17: DIRITTO PENALE
      Economico - gestionale

      CFU 3
      SECS-P/07: ECONOMIA AZIENDALE
      Informatica

      CFU 3
      INF/01: INFORMATICATotale CFU 27

      Attività specifiche della sede
      CFU 6
      IUS/17: DIRITTO PENALETotale CFU 6
      Altre attività formativeA scelta dello studenteCFU 12Per la prova finaleCFU 3
      Prova finale
      CFU 3
      Lingua straniera
      CFU 6Altre (art. 10, comma 1, lettera f )
      Totale
      CFU 15Totale CFU 36

      Totale Crediti CFU Consulente del Lavoro 180
      Docenti di riferimento

      PASCUCCI Paolo

      Previsione e programmazione della domanda
      Programmazione nazionale delle iscrizioni al primo anno (art.1 Legge 264/1999)
      no

    • Confronta per scegliere al meglio:
      Leggi tutto