Rawmaster

FOTOANARCHIA

Rawmaster
A Milano
  • Rawmaster

210 
+IVA
CORSO PREMIUM
Preferisci chiamare subito il centro?
02494... Leggi tutto
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso intensivo
Livello Livello avanzato
Luogo Milano
Durata 3 Giorni
Inizio Scegli data
  • Corso intensivo
  • Livello avanzato
  • Milano
  • Durata:
    3 Giorni
  • Inizio:
    Scegli data
Descrizione

Ti sei mai chiesto cosa succederebbe se disimparassi a fotografare e annullassi tutto ciò che hai imparato del campo professionale finora? Il centro Rawmaster presenta su Emagister.it il suo nuovo corso di Fotoanarchia: pensato esattamente per tutti coloro che vogliono lasciarsi andare alla loro creatività.

Il corso intensivo della durata di tre giorni si terrà a Milano e ti permetterà di rompere gli schemi precostruiti. Grazie a questa formazione inusuale imparerai a rivalutare il tuo stile fotografico, a cercare l’errore e l’imperfezione. Per poter partecipare al corso si richiede di essere in possesso di una discreta abilità nell’arte fotografica.

Molto spesso, quando si è troppo formati ed esperti si tende a diventare ripetitivi e precisi, ad evitare errori ma sfiorando la monotonia. Questo percorso è ideato per permetterti di rompere gli schemi e rivalutarti. Fotoanarchia permetterà di ristabilire il tuo stile e a prefissarti nuove tecniche da utilizzare nel mondo creativo della fotografia.

Durante la formazione ci sarà una parte di preparazione teorica, un’uscita pratica in cui dovrai interagire con il pubblico poiché alcuni sconosciuti diventeranno i soggetti dei tuoi nuovi scatti e, per concludere, il corso finirà con la lettura e il commento del tuo nuovo portfolio originale e “anarchico”.

Strutture (1)
Dove e quando
Inizio Luogo
Scegli data
Milano
corso di Porta Ticinese, 69, 20123, Milano, Italia
Visualizza mappa
Inizio Scegli data
Luogo
Milano
corso di Porta Ticinese, 69, 20123, Milano, Italia
Visualizza mappa

Da tener presente

· Quali sono gli obiettivi del corso?

E allora perché disimparare?
Perché concentrandoci troppo sulla tecnica diventiamo aridi e ripetitivi, in queste due giornate invece romperemo schemi, accentueremo il difetto, andremo alla ricerca dell’errore e dell’imperfezione. Ma saranno i nostri errori e le nostre imperfezioni, così come siamo imperfetti noi e come ci si aspetta che sia imperfetta anche la narrazione della realtà. Sfuggirete al repertorio, sarete costretti a reinventare il vostro stile fotografico.

· A chi è diretto?

Il corso è particolarmente adatto a chi, già possedendo una discreta tecnica fotografica, voglia sviluppare un linguaggio personale e originale e le proprie capacità espressive.

· Requisiti

L’attrezzatura fotografica dovrà essere minimale, un solo corpo macchina e una sola ottica, per i più coraggiosi il semplice smartphone.

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Opinioni

0.0
Senza valutazione
Valutazione del corso
100%
Lo consiglia
4.7
eccellente
Valutazione del Centro

Opinioni sul corso

Non ci sono ancora opinioni su questo corso
* Opinioni raccolte da Emagister & iAgora

Cosa impari in questo corso?

Fotografia
Reportage
Fotoreportage
Photography
Street
Ambiente
Progetto
Uscita
Soggetto
Tecnica
Interazione e improvvisazione
Improvvisazione
Creatività
Occhio e istinto
Lettura portfolio
Commento portfolio
Nuove Tecniche
Idealizzazione
Rivalutazione personale
Libertà di espressione

Professori

Giorgio Sitta
Giorgio Sitta
Fotografo e giornalista

Nato a Venezia nel 1967, vivo a Milano, in Italia. Sono fotografo professionista (iscritto all’Afip e a TAU Visual), giornalista e autore di più diquaranta libri, molti dei quali dedicati alla fotografia e alla multimedialità. Oltre alle attività strettamente legate alla fotografia e alla creatività, da molti anni opero come consulente e formatore. Gli ambiti principali sono marketing e comunicazione, con progetti legati a social marketing, editoria

Programma

Il corso si svolge in tre sessioni separate.

25 maggio sera – Vizi e virtù

    • Pseudopsicologia del fotografo
    • La riscoperta della gioia di scattare
    • Impara la tecnica e mettila da parte
    • La schiavitù del repertorio
    • Dal genere alla de-gener-azione
    • Interazione e improvvisazione
    • Ricerca di una chiave di lettura personale
    • Occhio e istinto
    • L’amoroso triangolo soggetto-fotografo-pubblico
    • Ogni foto è una storia
    • Guardarsi dentro per raccontare l’esterno
    • Fotografare quello che non si conosce
    • Scattare “RAW”: dal pop al punk
    • Liberare l’autore che è in noi
  • 28 maggio pomeriggio – pacifica invasioneUscita pratica in ambiente pubblico, con interazione obbligata con sconosciuti che dovranno diventare i nostri soggetti
  • 30 maggio pomeriggio – lettura e commento portfolio