Gestione Sostenibile delle Acque Interne

Università degli Studi della Tuscia.
A Viterbo

Chiedi il prezzo
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Laurea
Luogo Viterbo
  • Laurea
  • Viterbo
Descrizione

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Viterbo
Via Santa Maria in Gradi, 4, 01100, Viterbo, Italia
Visualizza mappa
Inizio Consultare
Luogo
Viterbo
Via Santa Maria in Gradi, 4, 01100, Viterbo, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Gestione

Programma

Obiettivi formativi specifici
I laureati del corso di laurea specialistica in Gestione sostenibile delle acque interne devono:
essere in grado di analizzare, controllare e gestire realtà complesse;
avere una solida preparazione culturale a indirizzo sistemico rivolta all'ambiente dulciacquicolo e delle acque di transizione, e una buona padronanza del metodo scientifico;
avere la capacità di individuare ed organizzare le interazioni dei diversi fattori che costituiscono processi, sistemi e problemi ambientali complessi;
conoscere tecnologie d'indagine delle acque interne e di transizione e di analisi dei dati, che permettano anche l'integrazione, a differente scala, con il comparto terrestre ed atmosferico;
saper affrontare i problemi legati al controllo e alla gestione di laghi, fiumi, lagune, falde acquifere, ecc., valutati secondo i criteri della sostenibilità, della prevenzione e dell'etica ambientale;
avere competenze per la valutazione delle risorse, rinnovabili e no, e degli impatti ambientali, attraverso la formulazione di modelli e con l'impiego anche di strumenti concettuali e metodologici forniti dall'economia, dal diritto e dalla pianificazione ambientale;
saper agire per il ripristino e la conservazione della qualità di realtà ambientali complesse;
essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, l' Inglese, oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari;
essere in grado di lavorare con ampia autonomia, anche assumendo responsabilità di progetti e strutture.
Tra le attività che i laureati specialisti svolgeranno si indicano in particolare: l' analisi e la gestione di risorse legate ai sistemi delle acque interne e di transizione; la valutazione della qualità dell' ambiente acquatico nella sua complessità, tenendo cioè conto dell' interazione con il comparto terrestre ed atmosferico; la realizzazione e la valutazione di studi di impatto ambientale; l' analisi ed il controllo della qualità ambientalee delle varie forme di inquinamento che influiscono sulla qualità delle acque; la progettazione e il monitoraggio dei progetti di biorisanamento e di controllo ambientale promossi dalla pubblica amministrazione, da sistemi produttivi e da soggetti privati; la pianificazione di attività orientate allo sviluppo sostenibile; la promozione ed il coordinamento di inizative di politica ambientale e per concorrere alla formazione di un consenso critico e propositivo dei cittadini alla soluzione dei problemi posti dal territorio.

Caratteristiche della prova finale
Elaborato originale su base sperimentale a carattere interdisciplinare.

Ambiti occupazionali previsti per i laureati
I possibili sbocchi professionali sono: funzionario nelle strutture tecniche e di controllo (Ministero per l'Ambiente, ANPA, ARPA, Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Enti Locali, Regioni, Comunità montane, Riserve naturalistiche, Ente parchi, ecc.); esperto nella gestione di sistemi ambientali e consulente nel campo delle normative ambientali.
Attività di base
Discipline chimiche

CFU 9
CHIM/03: CHIMICA GENERALE E INORGANICACHIM/06: CHIMICA ORGANICA
Discipline fisiche

CFU 18
FIS/07: FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA)
Discipline matematiche, informatiche e statistiche

CFU 10
MAT/04: MATEMATICHE COMPLEMENTARITotale CFU 37

Attività caratterizzanti
Discipline agrarie

CFU 11
AGR/01: ECONOMIA ED ESTIMO RURALEAGR/13: CHIMICA AGRARIACHIM/12: CHIMICA DELL'AMBIENTE E DEI BENI CULTURALIGEO/05: GEOLOGIA APPLICATA
Discipline ambientali

CFU 43
BIO/03: BOTANICA AMBIENTALE E APPLICATABIO/07: ECOLOGIA
Discipline biologiche

CFU 56
BIO/01: BOTANICA GENERALEBIO/02: BOTANICA SISTEMATICABIO/04: FISIOLOGIA VEGETALEBIO/05: ZOOLOGIA BIO/09: FISIOLOGIABIO/10: BIOCHIMICABIO/18: GENETICABIO/19: MICROBIOLOGIA GENERALE
Discipline chimiche

CFU 23
CHIM/02: CHIMICA FISICACHIM/03: CHIMICA GENERALE E INORGANICACHIM/06: CHIMICA ORGANICACHIM/12: CHIMICA DELL'AMBIENTE E DEI BENI CULTURALI
Discipline di scienze della Terra

CFU 26
GEO/04: GEOGRAFIA FISICA E GEOMORFOLOGIAGEO/05: GEOLOGIA APPLICATAGEO/07: PETROLOGIA E PETROGRAFIAGEO/12: OCEANOGRAFIA E FISICA DELL'ATMOSFERATotale CFU 159

Attività affini o integrative
Discipline biologiche, chimiche e geologiche

CFU 8
CHIM/01: CHIMICA ANALITICAGEO/10: GEOFISICA DELLA TERRA SOLIDA
Discipline epistemologiche, giuridiche, economiche e tecniche

CFU 5
SECS-P/06: ECONOMIA APPLICATA
Formazione interdisciplinare

CFU 17
IUS/03: DIRITTO AGRARIOMAT/09: RICERCA OPERATIVASECS-S/02: STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE E TECNOLOGICATotale CFU 30
Altre attività formativeA scelta dello studenteCFU 25Per la prova finaleCFU 25Altre (art. 10, comma 1, lettera f )CFU 4
Ulteriori conoscenze linguistiche
CFU 4
Abilità informatiche e relazionali
CFU 4
Tirocini
CFU 16Totale CFU 74

Totale Crediti CFU Gestione Sostenibile delle Acque Interne 300
Docenti di riferimento

CANNISTRARO Salvatore
VINCIGUERRA Vittorio

Previsione e programmazione della domanda
Programmazione nazionale delle iscrizioni al primo anno (art.1 Legge 264/1999)
no
Programmazione locale (art.2 Legge 264/1999

Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto