Laureati con noi nei tempi minimi ammessi
AFIW

Master di 2°Livello - Area Giuridica Economica - Università Telematica Pegaso

AFIW
Blended a Napoli

2.000 
IVA Esente
Preferisci chiamare subito il centro?
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Master II livello
Metodologia Blended
Luogo Napoli
Durata 1 Anno
Inizio Scegli data
Crediti 60
  • Master II livello
  • Blended
  • Napoli
  • Durata:
    1 Anno
  • Inizio:
    Scegli data
  • Crediti: 60
Descrizione

L'alta formazione in qualità di e.p.c. (e-learning center point) dell'università telematica Pegaso, presenta su Emagister i Master di 2° Livello appartenenti all'area Giuridica Economica. Percorsi interdisciplinari e multidisciplinari finalizzati a fornire conoscenze e competenze specifiche per una approfondita formazione giuridica. I Master attivi per quest'area sono:
- Accoglienza, tutela e inclusione dei minori stranieri non accompagnati
- Scienze penalistiche, economiche e psicologico-giuridiche
- Formazione, aggiornamento e gestione della farmacia
- Strategie Organizzative e di Innovazione nella P.A.
- L'amministrazione giudiziaria dei beni sequestrati e confiscati profili giuridici e modelli operativi
- Relazioni internazionali e studi strategici

Strutture (1)
Dove e quando

Luogo

Inizio

Napoli
Visualizza mappa

Inizio

Scegli dataIscrizioni aperte

Da tener presente

· Quali sono gli obiettivi del corso?

Gli obiettivi sono quelli di formare professionisti con conoscenze specifiche ed una formazione approfondita, in grado di affrontare le problematiche che eventualmente si troveranno nel campo lavorativo scelto.

· Requisiti

Costituiscono titolo di ammissione al Master: - Diploma di laurea quadriennale del previgente ordinamento; - Diploma di laurea specialistica e/o magistrale.

· Titolo

Diploma Universitario Master II Livello

· In cosa si differenzia questo corso dagli altri?

L’Ente punta ad un buon insegnamento sia in blanded che in aula e ad un tirocinio in strutture pubbliche e private convenzionate dall’Ente stesso o suggerite dallo studente frequentando.

· Quali saranno i passi successivi alla richiesta di informazioni?

Subito dopo che emagister ci rende edotti della tua richiesta lo staff amministrativo dell'Ente ti contatterà subito telefonicamente e ti invierà via email informazioni sul percorso formativo, validità del titolo, tempi e costi.

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Chi vuoi che ti risponda?

Pubblicheremo solo il tuo nome e la domanda

Successi del Centro

2017
2016

Come si ottiene il marchio CUM LAUDE?

Tutti i corsi devono essere aggiornati

La media delle valutazioni dev'essere superiore a 3,7

Più di 50 opinioni degli ultimi 12 mesi

11 anni del centro in Emagister.

Cosa impari in questo corso?

Relazioni internazionali
C++
Immigrazione
Gestione della farmacia
Amministrazione giudiziaria
C#
C
Accoglienza
P.A
Scienze Penalistiche
Beni sequestrati
Strategie organizzative
Inclusione dei minori stranieri non accompagnati

Professori

docente materie economico-giuridiche
docente materie economico-giuridiche
docente con laurea in materia economico-giuridica

Programma

DI SEGUITO SARA' RIPORTATO IL PROGRAMMA DI CIASCUN MASTER DELL'AREA GIURIDICA ECONOMICA

1. Accoglienza, tutela e inclusione dei minori stranieri non accompagnati

  • L’emergenza migratoria 1.1. I flussi migratori e la loro gestione 1.2. Il contesto europeo 1.3. II minori nelle migrazioni 1.4. I minori non accompagnati 1.5. Il traffico di minori 1.6. I dati relativi ai minori stranieri non accompagnati in Italia: caratteristiche e distribuzione territoriale (Cittadinanze, Età, Genere, Regioni di accoglienza)
  • La legislazione italiana, europea ed internazionale in tema di immigrazione 2.1. I Principi Costituzionali: Articoli 2, 3, 29, 30, 31, 37 2.2. La tutela dei diritti fondamentali 2.3. Le convenzioni e trattati internazionali: Convenzione di Ginevra sullo status dei rifugiati, Convenzione europea dei diritti dell'uomo, Convenzione di New York sui diritti del fanciullo, Carta di Nizza, Trattato di Lisbona 2.4. Il Diritto dell’immigrazione: ingresso e permanenza in Italia, respingimenti ed espulsioni, diritto al lavoro, unità familiare, diritti dei minori, diritti sociali, cittadinanza, asilo e protezione internazionale 2.5. La normativa in tema di discriminazione 2.6. L'inviolabilità della libertà personale nelle carceri e nei CIE (struttura e funzionamento) 2.7. La giurisprudenza interna di merito e di legittimità 2.8. La giurisprudenza delle Corti internazionali 2.9. Stesura atti e pareri in relazione alla protezione di migranti e rifugiati. In particolare: - ricorso avverso decreto di espuls
  • Procedure di accoglienza e tutela dei MSNA 3.1. Il principio del superiore interesse del minore e il principio di non discriminazione: rappresentanza, tutela e salvaguardia 3.2. Il principio dell’unità familiare 3.3. Procedure di identificazione e strumenti di accertamento dell’età 3.4. La prima accoglienza 3.5. Il collocamento in luogo sicuro e l’accoglienza integrata 3.6. L’apertura della tutela 3.7. L’affidamento 3.8. Il permesso di soggiorno 3.9. La seconda accoglienza e l’inserimento del minore nel Sistema di Protezione per i Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) 3.10. Le novità del D. Lgs. 142/2015 3.11. La segnalazione di minori irregolari non richiedenti asilo 3.12. Il minore non accompagnato richiedente protezione internazionale 3.13. La transizione all’età adulta e la conversione del permesso di soggiorno 3.14. La Direzione Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione
  • Le politiche socio-assistenziali per i MSNA 4.1.L'individuazione di una soluzione di lungotermine: rimpatrio volontario assistito o integrazione 4.2. Diritto alla salute e all’istruzione 4.3. La creazione della rete a sostegno del MSNA e la cooperazione tra le figure professionali coinvolte 4.4. L’assistenza socio-psicologica e sanitaria 4.5. La mediazione linguistica e culturale 4.6. Le case famiglia, il ruolo dei Servizi Sociali e la loro formazione
  • L’integrazione socio-scolastica del minore straniero 5.1. Modalità di inserimento dei minori stranieri in percorsi scolastici, formativi, ludici, lavorativi. 5.2. L’Insegnamento di base della lingua italiana 5.3. La formazione del personale scolastico 5.4. La relazione tra le culture: multiculturalismo, universalismo e differenze


2. Scienze penalistiche, economiche e psicologico-giuridiche
  • AREA GIURIDICA
  • DIRITTO PENALE
  • PROCEDURA PENALE
  • ELEMENTI DI DIRITTO DELL'INFORMATICA
  • ELEMENTI DIRITTO MINORILE ius/17 6 DIRITTO DI POLIZIA
  • DIRITTO PENALE SOCIETARIO E BANCARIO
  • AREA SCIENZE FORENSI
  • CRIMINOLOGIA
  • PSICHIATRIA FORENSE
  • PSICOLOGIA GIUDIZIARIA
  • MEDICINA LEGALE
  • TOSSICOLOGIA FORENSE
  • AREA CRIMINALISTICA
  • LA CRIMINALISTICA
  • BIOLOGIA FORENSE

3. Formazione, aggiornamento e gestione della farmacia
  • Chimica Farmaceutica e Tossicologica
  • Nozioni di Chimica generale ed organica
  • Nozioni di Chimica Analitica
  • Farmacologia
  • Elementi di Biologia Farmaceutica
  • Tecnologia Farmaceutica
  • Farmacovigilanza
  • Farmacoeconomia
  • Nozioni di Matematica e statistica
  • Nozioni di Fisica Applicata a Biologia e Medicina
  • Legislazione farmaceutica
  • MANAGEMENT DELLA FARMACIA
4. Strategie organizzative e di innovazione nella P.A.
  • I contratti della P.A.
  • Diritto amministrativo e degli enti locali
  • Diritto tributario
  • Diritto del lavoro e del pubblico impiego
  • Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche
  • La digitalizzazione della P.A.
  • Sistemi di elaborazione delle informazioni
  • Principi Costituzionali e di diritto pubblico

5. Amministrazione giudiziaria dei beni sequestrati e confiscati profili giuridici e modelli operativi

  • STORIA DELLA CRIMINALITA’, ANALISI SOCIOLOGICA E POLITICA ECONOMICA
  • I SEQUESTRI E LE CONFISCHE TRA CODICE PENALE E LEGGI SPECIALI – QUADRO GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO
  • L’ATTIVITA’ INVESTIGATIVA, L’OGGETTO DEL SEQUESTRO E DELLA CONFISCA E LA FIGURA DELL’AMMINISTRATORE GIUDIZIARIO
  • L’ESECUZIONE E L’IMPLEMENTAZIONE DEL SEQUESTRO PREVENTIVO VOLTO ALLA CONFISCA EX ART. 321 C.P.P. E RELATIVE PRASSI OPERATIVE
  • ESECUZIONE ED IMPLEMENTAZIONE DEL SEQUESTRO PREVENTIVO VOLTO ALLA CONFISCA SECONDO LO SCHEMA INDICATO NEL D.LGS 159/2011 ED APPLICAZIONE ANALOGICA AL SEQUESTRO PREVENTIVO VOLTO ALLA CONFISCA EX ART. 12 SEXIES D.L. 306/1992
  • ASPETTI COMUNI A TUTTI I SEQUESTRI VOLTI ALLA CONFISCA
  • RAPPORTI CON LE PROCEDURE FALLIMENTARI, ESECUTIVE ED OPERAZIONI STRAORDINARIE
  • L’AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA ED IL DIRITTO ALLA DIFESA
  • L’AGENZIA NAZIONALE PER L’AMMINISTRAZIONE E LA DESTINAZIONE DEI BENI SEQUESTRATI E CONFISCATI ALLA CRIMINALITA’
  • LA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO E RELATIVA ALL’AUTORICICLAGGIO

6. Relazioni internazionali e studi strategici
  • Studi Strategici
  • Storia delle Relazioni Internazionali
  • Relazioni Internazionali
  • Analisi della politica Estera
  • Economia e Politica internazionale
  • Diritto Internazionale Pubblico
  • Organizzazione Internazionale
  • Diritto internazionale dei conflitti armati
  • Tutela Internazionale dei Diritti Umani