Motivare alla Sicurezza

Istituto Informa
A Roma
Prezzo Emagister

1.250 € 1.000 
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso
Luogo Roma
Ore di lezione 16h
Inizio Scegli data
  • Corso
  • Roma
  • 16h
  • Inizio:
    Scegli data
Descrizione


Rivolto a: Rspp Aspp; Datori di lavoro; Dirigenti; Preposti; Tecnici della sicurezza; Rls; Professionisti e Consulenti del settore.

Informazioni importanti

Prezzo per gli utenti Emagister: Per iscrizioni pervenute almeno 15 giorni prima della data di inizio del corso viene riservato uno sconto del 20%

Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Scegli data
Roma
VIA DELL'ACQUA TRAVERSA 187, 00135, Roma, Italia
Visualizza mappa
Inizio Scegli data
Luogo
Roma
VIA DELL'ACQUA TRAVERSA 187, 00135, Roma, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Professori

Andrea Pucci
Andrea Pucci
Psicologo del lavoro e dell’organizzazione. Esperto in ricerca psicoso

Francesco Tulli
Francesco Tulli
Psicologo del lavoro e dell’organizzazione

Paola Pirri
Paola Pirri
Psicologa del lavoro e dell’organizzazione

Programma

MOTIVARE ALLA SICUREZZA
Valido come corso di Aggiornamento per RSPP e ASPP
(D. Lgs. 81/08 – Accordo Stato Regioni 26.01.06)

Roma, 21 - 22 marzo 201

La sicurezza è legata prevalentemente ad un concetto di adempimento di una norma e di prescrizione. Motivare alla sicurezza è portare le persone a superare questa visione di passività. Motivare alla sicurezza vuol dire favorire il passaggio dall’“obbligo di condividere” alla “condivisione dell’obbligo”. L’obbligo di prendersi cura della propria sicurezza (art. 20) diventa allora consapevolezza nel voler contribuire alla costruzione di un diverso modo di lavorare in cui produzione e prevenzione si integrano coerentemente. Il dovere di sicurezza diventa in tal modo un impegno personale e professionale nel voler contribuire alla sicurezza.

ObiettiviIl corso, rivolto a tutti coloro che ricoprono un ruolo di responsabilità nelle organizzazioni, intende sviluppare metodologie, tecniche e strumenti di comunicazione al fine di generare, consolidare e valorizzare i comportamenti di sicurezza e diffondere la cultura di sicurezza in azienda.

Destinatari
Responsabili e addetti Servizio di Prevenzione e Protezione, datori di lavoro, dirigenti, preposti, tecnici della sicurezza, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, professionisti e consulenti del settore.

Attestato
Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione dall’Istituto Informa. I Responsabili e gli Addetti SPP riceveranno, inoltre, un attestato di frequenza al Corso di Aggiornamento, con relativa durata, dall’Università degli Studi Roma Tre, valido ai sensi del D. Lgs. 81/08 e dell’Accordo Stato Regioni 26.01.06.


Contenuti

Ø Motivare alla sicurezza: perché

- Dall’ obbligo di condividere alla condivisione dell’obbligo: la sicurezza come opportunità dello sviluppo organizzativo

- Potenzialità e prospettive del coinvolgimento delle persone per lo sviluppo della cultura aziendale di sicurezza

- Vantaggi di una politica aziendale che motivi ad adottare comportamenti competenti in sicurezza

  • Ø Motivare alla sicurezza: come

- Dalla formazione al lavoro: come dare continuità all’intervento formativo

- La creazione di un setting operativo coerente

- Il rinforzo come potenziatore dell’apprendimento

- Quale rinforzo: premiare i comportamenti sicuri o sanzionare quelli insicuri?

- Il valore dell’osservazione sistematica e la costruzione delle checklist

- Il feedback: come dare feedback positivi e/o correttivi

  • Ø Motivare alla sicurezza: i nuovi strumenti

- Il BE SAFETY come naturale evoluzione del BBS: dal comportamento alla persona

- Aspetti distintivi del BEFASETY ed importanza dei suoi strumenti per creare e diffondere cultura di sicurezza

- Cosa tiene unita la cultura di sicurezza: connettori :

  • o Pratiche di gestione dell’errore: come rendere gli incidenti o gli errori mancati strumento di analisi, valutazione e previsione
  • o Attenzione ai segnali deboli e/o silenti: come capire come il sistema si sta muovendo
  • o Attenzione alla prima linea e agli ultimi arrivati: come sollecitare processi di segnalazione autentici
  • o Giusta distanza: come tradurre la comunicazione in cambiamenti e interventi.
  • o Reiterazione delle informazioni: come dare valore alla partecipazione di tutti gli attori organizzativi.

Ø Definizione dei piani di auto sviluppo: obiettivi di apprendimento, azioni, tempi.

Materiale didattico

Ogni partecipante riceverà un ricca documentazione costituita da:

- volume “Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro” di A. Pais, EPC

- volume “Comunicare il rischio” di D. Piegai, EPC

- “ABC della sicurezza”, manuale ad uso dei lavoratori, di M. Lepore, EPC (art. 36 D. Lgs. 81/08)

- “ABC dell’informazione antincendio”, manuale ad uso dei lavoratori, di S. Marinelli, EPC (art. 36 D. Lgs. 81/08)

- raccolta inedita di relazioni e presentazioni dei docenti, sia su supporto cartaceo che su pen drive.

Metodologie didatticheConsentono di interagire attivamente attraverso la simulazione di situazioni concrete.Sono costituite da casi di studio, role plays, esercizi in piccoli gruppi su i casi concreti e discussione in plenaria.

Relatori
D.ssa Paola PIRRI;Dott. Andrea PUCCI;Prof. Francesco TULLI


Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto