VISALIA FORMAZIONE

RSPP/ ASPP B8

VISALIA FORMAZIONE
A Vetralla

770 
+IVA
Preferisci chiamare subito il centro?
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso
Diretto a Per aziende e professionisti
Luogo Vetralla
Ore di lezione 24h
  • Corso
  • Per aziende e professionisti
  • Vetralla
  • 24h
Descrizione

Obiettivo del corso: Fornire gli elementi di conoscenza relativi a: Fattori di rischio e misure di prevenzione-protezione presenti negli specifici comparti; Capacità di analisi per individuare i pericoli e valutare i rischi presenti negli ambienti di lavoro del comparto; Individuazione di adeguate soluzioni tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza per ogni tipologia di rischio;.
Rivolto a: Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione appartenenti alle aziende del settore ATECO 8, ovvero: Pubblica Amministrazione, Istruzione.

Strutture (1)
Dove e quando

Luogo

Inizio

Vetralla (Viterbo)
Visualizza mappa
S.S. Cassia Km 67.300, 01100

Inizio

Consultare

Da tener presente

· Requisiti

nessuno

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Chi vuoi che ti risponda?

Pubblicheremo solo il tuo nome e la domanda

Programma

CORSO IN ARTNERSHIP CON EN PARITETICO NAZIONALE BILATERALE PER LA FORMAZIONE

· AVVIO: Mercoledì 17 ottobre;

· Cadenze ed orari: Lunedì e mercoledì dalle 15.00-19.00.

Oppure erogabile presso VS Sede (Outdoor Leatning, presso la Committena) con Avio, Frequenza ed Orari secondo VS richiesta.

Il Corso si terrà nella Ns sede di Vetralla (VT) S.S. Cassia Km 67.300,

presso il Centro Commerciale COOP, Piano I - Uffici 5 e 6.

Per ogni corso sarà individuato un Responsabile del Progetto Formativo, inoltre saranno impiegati Staff Didattici Integrati costituiti da Professionisti per i vari Settori di pertinenza, esperti in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro, Formatori ed Esperti nel Coaching Aziendale.



Metodologia didattica
Per quanto concerne la metodologia di insegnamento/apprendimento si intende privilegiare le “metodologie attive”, che comportano la centralità del discente nel percorso di apprendimento. A tal fine è necessario: garantire un equilibrio tra lezioni frontali, esercitazioni in aula e relative discussioni, proiezione di slide esplicative nonché lavori di gruppo. Le metodologie di apprendimento sono basate sul problem solving, applicate a simulazioni e problemi specifici, con particolare attenzione ai processi di valutazione e comunicazione legati alla prevenzione. La valutazione si articola in verifiche intermedie e verifiche finali: verifiche intermedie: durante lo svolgimento del modulo di specializzazione il livello di apprendimento è controllato tramite verifiche, strutturate sia a test, che come soluzioni di casi; verifica finale: tale valutazione si svolge secondo le seguenti modalità, anche in forma integrata: simulazione obbligatoria al fine di misurare le competenze tecnico-professionali in situazione lavorativa durante l’esecuzione di compiti coerenti con l’attività;


CORSO CON TEST FINALE



Materiale didattico
A supporto delle attività formative saranno fornite dispense didattiche



Contenuti del Modulo
RISCHI CHIMICI

  • Gas, Vapori, Fumi
  • Aspetti teorici dell'agente di rischio (richiami di fisica e biologia, danni provocati, etc.
  • Valutazione: strumenti e metodi
  • Misure di prevenzione e protezione
  • Polveri, Fumi, Nebbie
  • Normativa
  • Aspetti teorici dell'agente di rischio (richiami di fisica e biologia, danni provocati, etc.)
  • Liquidi
  • Normativa
  • Aspetti teorici dell'agente di rischio (richiami di fisica e biologia, danni provocati, etc.)
  • Valutazione: strumenti e metodi
  • Misure di prevenzione e protezione
  • Etichettatura
  • Normativa

RISCHI BIOLOGICI

  • Normativa
  • Aspetti teorici dell'agente di rischio e misure di prevenzione
  • RISCHI FISICI
  • Videoterminali
  • Normativa
  • Aspetti teorici dell'agente di rischio e misure di prevenzione
  • Microclima ed illuminazione
  • Normativa
  • Aspetti teorici dell'agente di rischio (richiami di fisica e biologia, danni provocati, etc.)
  • Valutazione: strumenti e metodi
  • Misure di prevenzione e protezione

RISCHIO ORGANIZZAZIONE LAVORO

  • Ambiente di lavoro
  • Normativa
  • Misure di prevenzione e protezione
  • MMC
  • Normativa
  • Aspetti teorici dell'agente di rischio (richiami di fisica e biologia, danni provocati, etc.)
  • Valutazione: strumenti e metodi
  • Misure di prevenzione e protezione

RISCHI INFORTUNI

  • Rischio elettrico
  • Normativa
  • Aspetti teorici dell'agente di rischio (richiami di fisica e biologia, danni provocati, etc.)
  • Misure di prevenzione e protezione
  • Rischio meccanico, macchine ed attrezzature
  • Normativa
  • Misure di prevenzione e protezione

SICUREZZA ANTINCENDIO: PREVENZIONE INCENDI (D.M. 10 MARZO 1998)

  • Normativa
  • Aspetti teorici dell'agente di rischio (richiami di fisica e biologia, danni provocati, etc.)
  • Valutazione: strumenti e metodi
  • Misure di prevenzione e protezione

DPI: CARATTERISTICHE E SCELTA DPI

  • Normativa
  • Criteri di scelta DPI
  • Materiale didattico
  • A supporto delle attività formative saranno fornite dispense didattiche e supporti multimediali.



TEST DI VERIFICA E RILASCIO ATTESTATO DA GRUPPO VISALIA VALIDATO DA ENTE PARITETICO

Ulteriori informazioni

Stage: no
Alunni per classe: 12

Confronta per scegliere al meglio:
Leggi tutto