Premium

Tutto sul procedimento espropriativo

A Roma

890 € +IVA

Descrizione

  • Tipologia

    Corso intensivo

  • Livello

    Livello avanzato

  • Luogo

    Roma

  • Ore di lezione

    13h

  • Durata

    2 Giorni

  • Inizio

    Scegli data

Descrizione

Emagister.it presenta il corso Tutto sul procedimento espropriativo, offerto da Soiseminari e rivolto a tutti coloro che desiderano apprendere le norme del procedimento espropriativo.

Il corso, della durata di 13 ore da svolgere in aula, ha come obiettivo quello di far luce sul decreto di esproprio e la cessione volontaria e sulla fase di dichiarazione di pubblica utilità dell’esproprio.

Il programma del corso, dettagliato in fondo alla pagina, dettaglierà le fasi del procedimento espropriativo con l’accertamento delle conformità urbanistica ed edilizia dell’opera in questione. Ci si soffermerà sulla dichiarazione di pubblica utilità alla luce dell’ordinamento degli Enti Locali (D.Lgs. 267/2000) e della normativa sui lavori pubblici e sull’entità dell’indennità di espropriazione.

Sedi

Luogo

Inizio

Roma
Visualizza mappa
Via Cavour 50, 00184
Orario: 9.00 - 13.00 / 14.00 - 16.30

Inizio

Scegli dataIscrizioni aperte
Scegli dataIscrizioni aperte

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Chi vuoi che ti risponda?

Pubblicheremo solo il tuo nome e la domanda

Materie

  • Procedimento espropriativo
  • Conformità urbanistica
  • Pubblica utilità
  • Cessione volontaria
  • Autorità espropriante
  • Occupazione usurpativa
  • Occupazione "sine titulo"
  • D.L. 133/2014
  • D.lgs. 302/2002
  • T.U. Espropriazioni
  • D.lgs. 267/2000
  • Lavori pubblici
  • Occupazione acquisitiva
  • Acquisizione coattiva
  • Indennità di occupazione d'urgenza
  • Responsabilità Amministrazione
  • Principi CEDU
  • Urbanistica
  • Esproprio
  • Indennità di espropriazione

Professori

Paolo Amovilli

Paolo Amovilli

Consigliere TAR Umbria

Programma

PROGRAMMA DEL CORSO

Il procedimento espropriativo

atti endoprocedimentali ed esoprocedimentali

rapporti tra il T.U. e la legge generale sul procedimento amministrativo (L. 241/1990) anche alla luce delle recenti modifiche introdotte con il D.L. 133/2014

contradditorio procedimentale

obblighi di comunicazione – art 21-bis L. 241/90 e s.m., artt. 11 e 16 T.U. Espropriazioni

l’Autorità espropriante

riparto di competenze tra dirigenza ed organi politici

L’accertamento della conformità urbanistica/edilizia dell’opera: la fase della sottoposizione del bene al vincolo preordinato all’esproprio

vincoli derivanti dai piani urbanistici generali e attuativi e potere pianificatorio conformativo

decadenza dei vincoli preordinati all’esproprio

vincoli derivanti da atti diversi (conferenza di servizi, accordi di programma, ecc.)

La fase della dichiarazione di pubblica utilità

natura, contenuto ed effetti

atti con valore dichiarativo della pubblica utilità

dichiarazione di pubblica utilità e approvazione del progetto definitivo

proroga della dichiarazione di pubblica utilità, presupposti e onere di motivazione

Il progetto e la dichiarazione di pubblica utilità: rapporti e criticità alla luce dell’ordinamento degli Enti Locali (D.Lgs. 267/2000) e della normativa sui lavori pubblici

procedimento ordinario e disciplina semplificata per i cd. “espropri sopra soglia

operazioni planimetriche e preparatorie. Il cd. “accesso ai fondi”

Il decreto di esproprio e la cessione volontaria:

la totale alternatività dei due istituti

contenuto ed effetti del decreto di esproprio e della cessione volontaria

mancata esecuzione, entro il termine di due anni dall’emanazione,

del decreto di esproprio e relative conseguenze

cessione volontaria: natura giuridica e distinzione dal contratto

di compravendita immobiliare di cui al codice civile

La fase dell’occupazione d’urgenza preordinata all’esproprio

originaria scomparsa della “occupazione d’urgenza preordinata all’esproprio”

e sua reintroduzione ad opera del D.Lgs. 302/2002

obbligo di motivazione delle ragioni d’urgenza alla luce della più recente giurisprudenza

indennità di occupazione d’urgenza preordinata all’espropriazione

L’entità dell’indennità di espropriazione

le “opere private di pubblica utilità”

equiparazione delle opere di edilizia residenziale pubblica e degli insediamenti produttivi alle opere pubbliche

indennità per le aree edificabili e per le aree non edificabili (agricole e non)

indennità per gli edifici e le cd. “utilizzazioni intermedie”. Indennità e opere abusive

Le responsabilità dell’Autorità espropriante e del Dirigente

responsabilità civile ed erariale per il danno da occupazione illegittima

criteri per la determinazione del danno e soggetti responsabili

della cessione volontaria

L’occupazione acquisitiva e l’occupazione usurpativa

origine degli istituti e nozione

figure, di creazione giurisprudenziale, dell’occupazione acquisitiva e dell’occupazione usurpativa

residuo ambito di applicazione dopo il T.U. in materia espropriativa

rapporti con l’art 42-bis del T.U.

risarcimento del danno quale illecito permanente ed imprescrittibile

La responsabilità dell’Amministrazione per i danni da occupazione “sine titulo”

scelta del danneggiato tra restituzione dell’area occupata previa riduzione in pristino stato e risarcimento per equivalente del danno da perdita del valore del bene

restituzione dell’area quale tutela in forma specifica del diritto di proprietà e inapplicabilità delle limitazioni di cui agli artt. 2058 e 2933 c.c.

risarcimento del danno per equivalente: tesi della ammissibilità di una rinuncia implicita abdicativa della proprietà

risarcimento del danno non patrimoniale

Occupazione “sine titulo” e istituto dell’usucapione

usucapione (art. 1158 c.c.) di bene occupato e trasformato illecitamente per la realizzazione di opera pubblica

individuazione del momento da cui decorre il possesso utile ad usucapire

L’acquisizione coattiva ad effetto sanante in ipotesi in assenza di valido provvedimento ablatorio

principi affermati dalla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ed il nuovo articolo 42-bis che ha reintrodotto, con significative modifiche, la c.d. “acquisizione coattiva sanante”

risarcimento del danno, anche non patrimoniale, e maggior costo rispetto a quanto dovuto a titolo di indennità di esproprio

procedimento, motivazione, competenza all’adozione del provvedimento e effetti

La retrocessione

retrocessione totale e parziale

procedimento per la retrocessione totale e parziale

corrispettivo della retrocessione

prelazione a favore del Comune

Ulteriori informazioni

La quota di partecipazione è comprensiva di documentazione, colazioni a buffet e coffee-break.
Condizioni di particolare favore sono previste per iscrizioni multiple.

Chiama il centro

Hai bisogno di un coach per la formazione?

Ti aiuterà a confrontare vari corsi e trovare l'offerta formativa più conveniente.

Tutto sul procedimento espropriativo

890 € +IVA