Danza Classica Corso Settembre Gioco Danza Propedeutica i e II Livello, Ragazzi Ed Adulti

Tribu' Salsera' & 'Heart For Dance' -Centro di Danza Roma-
A capannelle

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Per bambini
  • Capannelle
  • 130 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: OGNI LIVELLO DA UNA PREPARAZIONE DIVERSA A QUESTA DISCIPLINA COSì COME A SECONDA DELL' ETà IL CORSO VIENE APPOSITAMENTE STRUTTURATO DALL' ISEGNANTE PER POTER PORTARE AL MASSIMO ATTRAVERSO IL GIOCO ,IL DIVERTIMENTO MA ANCHE LA MASSIMA PROFESSIONALITà L' ALLIEVO AD OTTENERE MASSIMI RISULTATI!.
Rivolto a: TUTTI BAMBINI RAGAZZI ADULTI DAL PRINCIPIANTE ALL' AVANZATO INZIO SETTEMBRE 2008.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
capannelle
via muro lucano 2 roma, 00178, Roma, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

NESSUNO PER LIVELLO PRINCIPIANTI DIVISO PER FASCE D'ETà DAI 4 AI 18 ANNI RAGAZZI ED ADULTI DEFINITI IN BASE HAI GRUPPI GIà FORMATI

Programma

OGNI LIVELLO DA UNA PREPARAZIONE DIVERSA A QUESTA DISCIPLINA CPSì COME A SECONDA DELL' ETà IL CORSO VIENE APPOSITAMENTE STRUTTURATO DALL' ISEGNANTE PER POTER PORTARE AL MASSIMO ATTRAVERSO IL GUIOCO ,IL DIVERTIMENTO MA ANCHE LA MASSIMA PROFESSIONALITà L' ALLIEVO AD OTTENERE MASSIMI RISULTATI

LIVELLI

  • GIOCO DANZA
  • PROPEDEUTICA
  • I CORSO
  • II CORSO
  • RAGAZZI PRINCIPIANTI
  • RAGAZZI INTERMEDIO
  • ADULTI PRINCIPIANTI
  • ADULTI INTERMEDIO
Storia della Danza Classica

E' il genere più antico di danza che si possa studiare nelle accademie. La sua origine proviene direttamente dall'Italia, dai balli di corte del rinascimento. Ma il genere venne presto ripreso anche dalle corti francesi, che lo svilupparono e lo portarono alla massima espressione durante il XVII-XVIII secolo. Fu in questo periodo che lavorò il coreografo Pierre Beauchamp, considerato il “creatore” delle cinque posizioni classiche. In questo periodo la danza smise di essere un esercizio di corte. Non era più una cosa un po’ per tutti quanti (lo stesso Luigi XIV assunse il nome di Re Sole anche perché interpretò la parte del dio sole in "Le Ballet de la Nuit" nel 1653), ma divenne una professione vera e propria. All’inizio tutti i danzatori erano uomini. La prima donna a ballare salì sul palco nel 1681. Nel 1700 Raoul Feuillet scrisse un libro in cui raccolse le posizioni e i passi base della danza, ancora oggi utilizzati. I danzatori del XVIII secolo erano coperti da maschere, indossavano grosse parrucche e scarpe col tacco. Le donne indossavano gonne larghe e lunghe, strette nei loro corpetti. Gli uomini non erano certo molto più leggeri. Furono due donne a cambiare le cose. Le due migliori ballerine francesi dell’epoca. Marie Camargo infatti scelse scarpe senza tacco, accorciò le gonne rendendole meno ingrombranti e abbandonò le maschere, mentre la sua rivale, Marie Salle, abbandonò i pesanti costumi scegliendo per il suo compagno delle tuniche greche. La prima donna della storia ad aver compiuto una doppia pirouette è stata Hanne Heinel. Furono inglesi e tedeschi ad evolvere l’idea di balletto. Infatti John Weaver, a Londra, eliminò le parole dai suoi spettacoli, cercando di rappresentare i concetti attraverso espressività del movimento. Nel 1735 fu fondata l’Accademia Imperiale Russa, che darà poi vita al Russian Ballet, il Balletto Russo. Verso la fine del ‘700 la danza cominciò a subire forti accelerazioni. Si iniziò ad andare sulle punte. Per lo più per due o tre passaggi. Fino a che, per la prima votla, Marie Taglioni nel 1832 ballò tutta “La Sylphide” sulle punte. Nel 1828 vennero isnerite per la prima volta nei balletti delle prese. È l’era del Balletto Romantico. Siamo infatti entrati nel romanticismo e la danza non fa eccezione. Marie Taglioni interpretò Sylphide. Questa rappresentazione cambiò moltissimo lo stile dei balletti, nella tecnica, nella storia e nei costumi. Fu proprio “La Sylphide” ad ispirarne il successore ideologico: “La Giselle”, interptretato per la prima volta all’Opera di Parigi nel 1841 da Carlotta Grisi. Anche ne “La Giselle” il tema sovrannaturale è dominante. Nel secondo atto i fantasmi indossano il tutù bianco reso popolare da “La Sylphide”. Un salto ci porta alla creazione dei più grandi balletti del mondo. Nel 1932 George Balachine fonda la School of American Ballet. Più tardi, nel 1947, insieme a Kirstein fonda la Bellet Society che diventerà l’anno successivo (1948) il New York City Ballet. Così nacquero tanti balletti in tante città nordamericane: il National Ballet of Canada, a Toronto nel 1951, Les Grands Ballets Canadiens, a Montréal nel 1952, il Pennsylvania Ballet, a Philadelphia nel 1963 e lo Houston Ballet nel 1963. Nel 1956 le grandi compagnie russe, come la compagnia Bolshoi o la compagnia Kirov, cominciarono ad esibirsi in occidente. L’intenso spirito drammatico e il grande viruosismo tecnico ebbero un fortissimo impatto sul pubblico. È importante citare i grandi nomi di Rudolf Nureyev, diventato poi direttore artistico del Paris Opéra Ballet, di Natalia Makarova o di Mikhail Baryshnikov, poi direttore dell’American Ballet Theatre, a New York City. A partire dagli anni ’60 il pubblico divenne più vario. Molti giovani cominciarono ad andare a vedere la danza in teatro. Così virtuosismi atletici, ritmi moderni, temi attuali, furono sempre più ben accetti. Molti balletti classici cominciarono ad essere accompagnati da musica Jazz o addirittura dal Rock’n Roll. Questa trasformazione diede maggiore impulso per lo sviluppo della danza moderna.

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto