FILOSOFIA CONTEMPORANEA

Università degli Studi di Messina
A Messina

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Laurea
  • Messina
Descrizione

Il Corso di Laurea magistrale in Filosofia contemporanea costituisce il naturale proseguimento della Laurea triennale in Filosofia, ma ad esso si può accedere anche da altri corsi di studio, purché rispondenti ai requisiti curriculari richiesti per l'accesso. Si è voluto privilegiare l'ambito della Filosofia contemporanea poiché esso, pur costituendo l'orizzonte del nostro tempo, tuttavia rimane ancora in larga parte sconosciuto. Il percorso formativo, strutturato in un unico indirizzo, si propone di offrire un'approfondita conoscenza della filosofia contemporanea, sia dal punto di vista storico, che da quello teoretico, epistemologico, etico ed estetico, cui si aggiunge l'indispensabile apporto delle scienze dell'uomo. L'aspetto non immediatamente professionalizzante di questa Laurea è in realtà il suo punto di forza poiché, proprio l'elevata qualità formativa degli studi e il loro carattere non univocamente professionalizzante, consentono ai laureati magistrali, insieme al più tradizionale iter in vista dell'insegnamento, di potersi inserire con duttilità in un mercato del lavoro che sempre di più richiede figure di operatori culturali e di esperti delle scienze umane da impiegarsi in modo duttile negli ambiti più disparati.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Messina
Piazza Pugliatti 1, 98100, Messina, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Cosa impari in questo corso?

Filosofia contemporanea

Programma

Introduzione

Il Corso di Laurea magistrale in Filosofia contemporanea costituisce il naturale proseguimento della Laurea triennale in Filosofia, ma ad esso si può accedere anche da altri corsi di studio, purché rispondenti ai requisiti curriculari richiesti per l'accesso. Si è voluto privilegiare l'ambito della Filosofia contemporanea poiché esso, pur costituendo l'orizzonte del nostro tempo, tuttavia rimane ancora in larga parte sconosciuto. Il percorso formativo, strutturato in un unico indirizzo, si propone di offrire un'approfondita conoscenza della filosofia contemporanea, sia dal punto di vista storico, che da quello teoretico, epistemologico, etico ed estetico, cui si aggiunge l'indispensabile apporto delle scienze dell'uomo. L'aspetto non immediatamente professionalizzante di questa Laurea è in realtà il suo punto di forza poiché, proprio l'elevata qualità formativa degli studi e il loro carattere non univocamente professionalizzante, consentono ai laureati magistrali, insieme al più tradizionale iter in vista dell'insegnamento, di potersi inserire con duttilità in un mercato del lavoro che sempre di più richiede figure di operatori culturali e di esperti delle scienze umane da impiegarsi in modo duttile negli ambiti più disparati.

Conoscenze e Abilità, Obiettivi formativi

I laureati nel CLM in Filosofia contemporanea devono acquisire una conoscenza approfondita dei diversi saperi filosofici, con particolare riferimento alla filosofia contemporanea, sia dal punto di vista storico-filosofico che da quello teoretico, corredata da un'adeguata conoscenza teoretica e storiografica del dibattito critico attuale e delle più recenti acquisizioni interpretative.

Tali acquisizioni dovrebbero consentire il raggiungimento di una visione complessiva e integrata delle conoscenze, in grado di sviluppare l’autonomia di giudizio ed un approccio critico al sapere e, attraverso una sempre maggiore padronanza logico-concettuale, favorire anche piena padronanza delle capacità espressive e comunicative, sia orali che scritte.

Più in generale il CLM in Filosofia contemporanea ha come suo fondamentale obbiettivo formativo l’acquisizione, in forma critica, di una approfondita conoscenza del pensiero filosofico contemporaneo. Oltre all'approfondimento in campo filosofico, il corso di laurea offre anche l'opportunità di ampliare le conoscenze in settori rilevanti delle scienze umane, come l'antropologia culturale e la filosofia dell'educazione.

Sbocchi occupazionali

Gli sbocchi occupazionali e le attività professionali previsti dal corso di laurea ricoprono un ampio spettro di possibilità, considerata l'elevata qualità formativa e non immediatamente professionalizzante di questa laurea; oltre all'insegnamento nella scuola, una volta completato il processo di abilitazione all'insegnamento e superati i concorsi previsti dalla normativa vigente, funzioni di elevata responsabilità in tutti i campi della cultura: 1) attività e politiche culturali nelle pubbliche amministrazioni; 2) centri stampa e/o di comunicazione intermediale, servizi di pubbliche relazioni, selezione o direzione del personale nel settore amministrativo in enti pubblici o aziende private; 3) formazione e gestione delle risorse umane presso enti pubblici o aziende private; 4) editoria e giornalismo; 5) promozione e cura dei rapporti tra le diverse culture sul piano nazionale e internazionale, negli scambi sociali e interpersonali, nel riconoscimento dei diritti di cittadinanza.

Consultazione con le organizzazioni rappresentative:

Il 21 gennaio 2014, alle ore 16,00, presso l'Aula Magna del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne ha luogo l'incontro, promosso dal Direttore del Dipartimento, fra i coordinatori dei corsi di studio afferenti al Dipartimento e i rappresentanti delle parti sociali, per confrontarsi sull'offerta formativa dell'A.A. 2014/15. Sono stati invitati i responsabili degli enti: Biblioteca regionale G. Longo di Messina, UIL Messina, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Museo interdisciplinare di Messina, CAS (ex Provveditorato agli Studi), Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria, Archivio di Stato di Messina, CISL Messina, CNR Messina (Beni culturali), Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali, Assostampa, Parco di Naxos e delle Aree Archeologiche di Giardini Naxos-Taormina-Francavilla di Sicilia e Comuni limitrofi, CGIL Messina, Biblioteca Frati Minori Cappuccini Messina, Soprintendenza di Messina, Parco delle Isole Eolie e Aree Archeologiche di Milazzo-Patti e dei Comuni limitrofi, Parco Archeologico dei Nebrodi Occidentali, Biblioteca De Nava di Reggio Calabria, Istituto storico G. Salvemini di Messina, Società di Storia Patria di Messina.

Sono presenti i rappresentanti: dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti, dott.ssa Gisella Cicciò; del Museo interdisciplinare di Messina, arch. Rosario Bilardo; della Biblioteca Regionale di Messina, dott.ssa Maria Teresa Rodriquez; della Società di Storia Patria, prof. Rosario Moscheo.

Il direttore, prof. Marianna Gensabella, introduce per linee generali l'offerta formativa predisposta per il prossimo a.a. e lascia la parola ai coordinatori dei corsi di laurea per un'illustrazione più dettagliata degli obiettivi formativi, dell'articolazione degli insegnamenti e degli sbocchi occupazionali. I rappresentanti delle parti sociali, nei loro interventi, evidenziano l'esigenza di rafforzare le collaborazioni con il contesto socio-culturale di riferimento, insistendo in modo particolare sull'importanza dei tirocini; inoltre chiedono notizie sulle competenze che verranno attenzionate, con riferimenti specifici all'ambito linguistico, letterario, archeologico, critico e della comunicazione. Vengono richieste informazioni anche sulle concrete possibilità per i laureati di inserirsi nel mondo del lavoro. Si apre uno scambio di idee e di proposte in merito all' attivazione di collaborazioni e progetti sia nel campo della didattica che in quello della ricerca. Un particolare rilievo assume l'ipotesi di attivare sinergie tra i diversi corsi di laurea e l'ambito del turismo artistico-culturale. I rappresentanti delle parti sociali presenti mostrano la loro disponibilità a continuare ad ospitare gli studenti dei corsi che hanno già attivato presso le loro sedi dei tirocini, mostrando la loro soddisfazione per l'esperienza pregressa, nonché la disponibilità alla realizzazione di nuove iniziative di formazione. Dopo ampia discussione, le parti sociali esprimono un parere pienamente positivo sull'offerta approntata.

Requisiti di ammissione:

I requisiti per l'iscrizione al CLM in Filosofia contemporanea sono:

a) il possesso di una laurea triennale nella classe L05 (o precedente laurea triennale Classe 29)senza ulteriori verifiche curriculari;

b) gli studenti in possesso di altre lauree (di qualunque tipo), previa verifica dei requisiti curriculari, possono iscriversi al CLM in Filosofia contemporanea purché abbiano acquisito almeno 90 CFU negli ambiti e nei settori previsti dalla tabella ministeriale della Classe L05 e purché tra essi vi siano almeno 48 CFU in discipline filosofiche (M-FIL/01; M-FIL/02; M-FIL/03; M-FIL/04; M-FIL/05; M-FIL/06; M-FIL/07; M-FIL/08; IUS/20; SPS/01).

Le modalità di verifica della preparazione personale dello studente sono demandate a un colloquio orale.

Prova finale:

La prova finale consiste nella stesura, sotto la guida di un docente del Corso di Laurea (relatore), di una tesi elaborata in modo originale, avente l'impostazione di un saggio scientifico corredato di note, analisi delle fonti e documentazione bibliografica, da discutere, con lo specifico intervento di un correlatore, in seduta di Laurea.

Aule (che sono utilizzate per le lezioni):

nn. 21, 7, 10.

Laboratori e aule informatiche (che sono utilizzate per le lezioni):
non previsto Sale studio (a disposizione degli studenti del CdS):
Accessibili ad ogni piano della Biblioteca. Biblioteche (contenenti materiale relativo al CdS):
La Biblioteca del Dipartimento di Civiltà antiche e moderne (5 piani più un piano di periodici) conserva un patrimonio di ca. 900.000 volumi e 3000 periodici: è la più ricca struttura di tale genere nel meridione d’Italia. Servizi di contesto (orientamento e assistenza):
Tutti i docenti del Corso di laurea svolgono servizio di tutorato. Segreteria didattica (Stanze 102 e 103) Segreteria degli studenti (piano terra). Opinioni degli studenti: Opinione studenti filosofia contemporanea
Opinioni dei laureati: Opinione laureati filosofia contemporanea
Creato il 2013-03-17 18:03:08, modificato il 2016-02-12 14:30:09 da Giovanni Quartarone