Gli adempimenti all’ANAC da parte delle stazioni appaltanti

Ceida - Centro Italiano di Direzione Aziendale
Online

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?

Informazione importanti

  • Corso
  • Online
Descrizione

Il centro presenta a continuazione il programma pensato per migliorare le tue competenze e permetterti di realizzare gli obiettivi stabiliti. Nel corso della formazione si alterneranno differenti moduli che ti permetteranno di acquisire le conoscenze sulle differenti tematiche proposte. Inscriviti per poter accedere alle seguenti materie.

Informazione importanti

Programma

PROGRAMMA
Il controllo delle stazioni appaltanti. L'istituzione dell'anagrafica delle stazioni appaltanti.
Il responsabile della stazione appaltante. Art. 33-ter del d.l. del 18/10/12 n. 179, convertito con modificazioni, dalla l. 221/12. Comunicato del Presidente AVCP del 16/5/13; Comunicazione del Presidente dell’AVCP del 28/10/13.

La istituzione degli enti aggregatori. Art. 9 del d.l. 66/14, conv. in l. 89/14; DPCM 11/11/14. Determinazione n. 2 dell’11/2/15. La determinazione n. 11 del 20/10/15. Il comunicato del Presidente del 4/11/15: i Cig selettivi. La proposta di verifica della qualificazione delle stazioni appaltanti. Il controllo della spesa.

Adempimenti art. 1 comma 32, l. 190/12: le comunicazioni al portale trasparenza. Deliberazione n. 26 del 22/5/13; Comunicato del Presidente dell’Autorità del 27/5/13; Avvisi 12 e 30/1/15. Quali sono i contenuti della scheda "aggiudicazione" e delle tabelle di sintesi dell'ANAC; corrette modalità di trasmissione dei dati nel caso di gare d'appalto annullate, revocate o senza esito. Comunicazioni in caso di procedure negoziate o in economia, nel caso di appalti di servizi e forniture nei settori ordinari, comunicazioni riferite agli stati d'avanzamento, alle sospensioni, alle varianti, agli accordi bonari ed ai subappalti; corrette modalità di trasmissione dei dati di un contratto qualora, in corso d'opera, si verifichi il fallimento del soggetto esecutore. Come si può ottenere la modifica e/o integrazione di schede già compilate e confermate. Come si può ottenere la cancellazione di schede "duplicate - compilate per errore - non dovute - ecc." I rinnovi o le proroghe possono essere considerati come estensioni dei contratti originari? Nel caso di acquisti sul Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), qual è la procedura di scelta del contraente da indicare e come deve essere compilato l'elenco degli operatori invitati a presentare offerta? La duplicazione degli invii: i dati al MEF. Il controllo dei contratti.

Invio dati sezioni regionali dell’Osservatorio. Comunicato dell'Autorità del 3/4/07 relativo alla trasmissione dei dati dei contratti pubblici di importo inferiore alla soglia dei 150.000 euro; Comunicato dell'Autorità del 31/7/07 relativo alla trasmissione dei dati dei contratti pubblici di importo superiore alla soglia dei 150.000 euro; Deliberazione dell'Autorità del 24/1/08 recante disposizioni attuative art. 1, commi 65 e 67 della l. 266/05 e le relative istruzioni operative; Comunicato dell'Autorità del 30/1/08 relativo alla trasmissione dei dati dei contratti pubblici esclusi di importo superiore ai 150.000 euro; Comunicato del Presidente dell'Autorità del 4/4/08; Comunicato del Direttore generale OSIT del 16/6/08; Comunicato del Presidente del 14/12/2010.

La ricostruzione della tempistica attraverso i comunicati dell'AVCP e ANAC. Da quale termine decorrono i 60 giorni previsti per la comunicazione della scheda informativa relativa alla fase di "inizio esecuzione del contratto; quali sono le date da indicare come inizio e fine fornitura nel caso di acquisto di beni che preveda somministrazioni periodiche; come vanno valorizzati i campi "Data stato di avanzamento" e "Importo SAL" della scheda relativa alla fase di esecuzione ed avanzamento del contratto con riguardo ad un appalto di lavori; quali sono le corrette modalità di comunicazione dei dati relativi agli stati d'avanzamento nel caso di contratti di servizi o di forniture e nel caso di contratti "misti" nei settori ordinari di importo inferiore, uguale o superiore a 500.000 euro. Le deroghe per i cd. settori speciali. Le differenze tra osservatori regionali.
Il regime delle varianti. Applicazione dell’art. 37 del d.l. 24/6/14 n. 90, conv. in l. 114/14. Comunicato del 17/9/14; Comunicato del Presidente del 16/7/14. Le varianti ripetute e cumulo di varianti. Le comunicazioni distinte per singola gara. Le relazioni obbligatorie del RUP. Le previsioni per i settori speciali.
Gli adempimenti dello Sblocca Italia. Applicazione art. 9 d.l. 133, conv. in l. 164/14. Comunicato del Presidente del 5/2/15; Comunicato del Presidente del 4/6/15. Pareri sulle varianti.
Il controllo della spesa. La razionalizzazione della spesa. Adempimenti artt.9 e 10 d.l. 66/14, conv. in l. 89/14. Comunicato presidente 10/12/14; deliberazione 26/11/14; DPCM 30/9/15. La rilevazione dei prezzi di riferimento nei contratti esistenti e da stipulare. La comunicazione della determina a contrarre per le procedure negoziate e le procedure con un unico partecipante. Il primo costo standardizzato: le risme di carte. L'indagine conoscitiva sui costi servizi di pubblica utilità di cui all’art. 1 l. 135/15 e comportamenti virtuosi delle P.A., rispetto alle convenzioni Consip.

Il controllo delle imprese. La verifica dei requisiti. Art. 6 bis Codice dei Contratti. Deliberazione 111/12. Il sistema Avcpass: finalità; obbligatorietà; modalità operative; funzionamento. Il controllo dei requisiti in gara e in fase di aggiudicazione. Il casellario informatico imprese e il servizio annotazioni riservate. Le comunicazioni di avvalimento. Il rating di impresa.