Laboratorio di Teatro: i Luoghi della Magara

Officine Teatrali
A Pollina

450 
+IVA
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Pollina
  • 200 ore di lezione
Descrizione

Obiettivo del corso: Il progetto è finalizzato alla realizzazione scenica de “A’ Mavara”, novità italiana in due atti di Vito Lo Scrudato e Nini Ferrara, tratto dal testo “La Magara” di Vito Lo Scrudato, edito nel 2001 dalla casa editrice Sellerio di Palermo.
Rivolto a: Attori ed allievi attori.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Pollina
via Pietra Rosa, 90010, Palermo, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Frequenza di un'Accademia, Scuola o laboratorio Teatrale. Pregresse esperienze maturate in palcoscenico.

Programma

L’Associazione Teatrale KLOP, in collaborazione con le OfficineTeatrali, associazione culturale diretta dal regista e drammaturgo siciliano Nini Ferrara, organizzano per la prossima stagione estiva il primo “corso intensivo di teatro per una proposta di spettacolo”. Il progetto è finalizzato alla realizzazione scenica de “A’ Mavara”, novità italiana in due atti di Vito Lo Scrudato e Nini Ferrara, tratto dal testo “La Magara” di Vito Lo Scrudato, edito nel 2001 dalla casa editrice Sellerio di Palermo.
Lo stage nasce dall’esperienza maturata in questi ultimi anni in seno all’attività di didattica che le “officineteatrali” conducono presso la loro sede di Roma.
In pochi anni di attività, già annoverato tra i laboratori di teatro più qualificati e qualificanti, le “officineteatrali” hanno sviluppato il loro lavoro in un costante rapporto simbiotico con gli allievi, bandendo qualsiasi forma di sterile nozionismo dalla didattica laboratoriale, e sviluppando, tra i docenti e gli allievi, un’interazione in nulla dissimile da quella che si realizza tra regista e attore in seno all’allestimento di uno spettacolo.
Struttura che ha scelto, fin dalla sua nascita, di operare a classi a numero chiuso, mai esuberanti il numero di otto allievi, ammessi dopo il superamento di un provino attitudinale, le “officineteatrali” sono sempre state non disponibili alla mise en espace di “saggi di fine anno” che certamente mai rappresentano una prima esperienza professionale e la cui realizzazione conduce più spesso ad un condizionamento ed impoverimento delle attività tutte che si snodano lungo il percorso formativo del “lavoro” dell’attore e sull’attore.
Ma proprio dall’esigenza di offrire ai propri allievi ed a giovani professionisti l’opportunità di vivere una prima, profonda esperienza di palcoscenico, ha genesi il progetto “I luoghi della Magara”.
In un auspicato rapporto con strutture, pubbliche e private, che hanno dato prima informale adesione alla nostra iniziativa, si propone un seminario intensivo della durata di quattro settimane, durante le quali, approfondendo le più diverse tematiche connesse alla realizzazione dello spettacolo “A’ Mavara” - scritto da Vito Lo Scrudato e da Nini Ferrara, regia di Nini Ferrara - si intende approdare alla prima realizzazione scenica, in forma di studio, della drammaturgia stessa, dalla quale, in un tempo immediatamente successivo, scandito dalla realizzazione di altri due stages di approfondimento, trarrà origine l’allestimento finale dello spettacolo nel cui contesto verranno scritturati gli allievi che durante il seminario avranno raggiunto il più alto livello interpretativo.
Il seminario sarà riservato ad un numero massimo di venti allievi, distribuiti in due classi di dieci allievi, che lavoreranno in fascia oraria mattutina e pomeridiana.
Il lavoro, in questo primo stage, si svolgerà in due fasi.
La prima fase, a classi indipendenti ed in orari alternati, si svilupperà in due sessione di lavoro:
- la prima incentrata sullo studio tecnico del lavoro dell’attore (dalla respirazione, all’uso della maschera; dal rapporto col corpo e con lo spazio, al coro);
- la seconda, in palcoscenico, dall’analisi testuale all’interpretazione dei personaggi.
La seconda fase, della durata di circa dieci giorni, a classi unificate, condurrà alla realizzazione scenica della drammaturgia.
Non è casuale aver determinato di chiamare il nostro progetto “I Luoghi della Mavara”, poiché il testo drammaturgico trova suo svolgimento nella Sicilia del sedicesimo secolo, ove tangibile era la rivalità temporale tra il Tribunale della Santa Inquisizione, ed il Viceré di Sicilia, a Palermo.
Riteniamo dunque fondamentale, in un progetto di recupero storico-culturale del nostro territorio, per un nuovo impulso alla lingua ed alle tradizioni della nostra regione, che tale iniziativa trovi naturale svolgimento proprio in Sicilia. Ove la stessa drammaturgia, che si rivela ancora sorprendentemente attuale, ricolloca idealmente la nostra Isola in quella privilegiata posizione che ne aveva fatto il cuore del Mediterraneo e che oggi, per le proiezioni e gli auspici sotto i quali nasce lo spettacolo, la proietta con decisione verso l’Europa, dalla Spagna alla Germania.
Saranno insegnamenti della prima fase del corso intensivo:
- respirazione;
- fonazione ed emissione vocale;
- canto interpretativo;
- rapporto tra parola e musica in teatro;
- coordinamento e dissociazione corporea;
- uso della maschera;
- elementi di acrobatica;
- elementi di illuminotecnica e scenotecnica;
- analisi testuale;
- analisi gestuale;
- improvvisazione;
- lettura interpretativa.
La seconda fase sarà elettivamente imperniata sulle prove per la realizzazione dello spettacolo studio “A’ Mavara”, per la regia di Nini Ferrara.
Ci si riserva di comunicare tempi idonei il nome degli insegnanti impegnati nello stage e relativo curriculum vitae.

Ulteriori informazioni

Alunni per classe: 10

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto