Letteratura del Rinascimento

UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA
A Mendrisio (Svizzera)

Chiedi il prezzo
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Corso
  • Mendrisio (Svizzera)
Descrizione

Riscritture dei classici: Le Metamorfosi di Ovidio nel Rinascimento italiano.
Il corso si propone di analizzare la presenza del mito di Ovidio nella letteratura Rinascimentale.

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Mendrisio
Tessin, Svizzera
Visualizza mappa

Cosa impari in questo corso?

Letteratura
Poesia classica

Programma

Descrizione

Riscritture dei classici: Le Metamorfosi di Ovidio nel Rinascimento italiano

Saggi generali: B. Guthmüller, Concezioni del mito antico attorno al 1500, in Id., Mito, poesia, arte. Saggi sulla tradizione ovidiana nel Rinascimento, Roma, Bulzoni, 1997, pp. 37-64; Id., Presenza e conoscenza del mito antico dal Medioevo al Rinascimento, in Mito e metamorfosi nella letteratura italiana : da Dante al Rinascimento, Roma, Carocci, 2009, pp.14-41; Id. Ovidio Metamorphoseos vulgare : forme e funzioni della trasposizione in volgare della poesia classica nel Rinascimento italiano, Fiesole, Cadmo, 2008, pp. 204-259 (sul volgarizzamento di Niccolò degli Agostini); G. Bucchi, Meraviglioso diletto: la traduzione poetica del Cinquecento e le Metamorfosi d'Ovidio di Giovanni Andrea dell'Anguillara Pisa, ETS, 2011, pp. 83 sgg. (sul volgarizzamento di Ludovico Dolce); Ivi, pp. 125 sgg. (sul volgarizzamento di Giovanni Andrea Dell'Anguillara).

Lezioni introduttive. Le Metamorfosi, poema-mondo. Le Metamorfosi nel Medioevo e le "moralizzazioni" di Ovidio. La fortuna rinascimentale.

Relazioni:

1. Metam. X, 238-297: Pigmalione.

Volgarizzamenti: Agostini, Dolce, Dell'Anguillara.

Saggio: V. Stoichita, L'effetto Pigmalione. Breve storia dei simulacri da Ovidio a Hitchcock, Milano, Il Saggiatore, 2006, pp. 16-68.

2. Metam. I, 434-567: Apollo e Dafne.

Volgarizzamenti: Agostini, Dolce, Dell'Anguillara. Testi: Lorenzo de' Medici, son. L'arbor che a Phebo già cotanto piacque; Bandello, son. Se de la bella Dafne unqua ti calse; T. Tasso, son. Da l'arboscel de le sue verdi fronde.

Saggio: Y.A. Giraud, La fable de Daphné, Genève, Droz, 1968, pp. 155-176.

3. Metam. III, 339-510: Narciso e Eco.

Volgarizzamenti: Agostini, Dolce, Dell'Anguillara. Testo: Luigi Alamanni, Favola de Narcisso.

Saggio: A. Origgi, La riscrittura di Ovidio nella "Favola di Narcisso" di Luigi Alamanni, in «Acme: annali della Facoltà di lettere e filosofia dell'Università degli studi di Milano», 3, 2012 , pp. 139-182.

4. Piramo e Tisbe.

Volgarizzamenti: Agostini, Dolce, Dell'Anguillara. Testo: Bernardo Tasso, Favola di Piramo e di Tisbe.

Saggio: G. Bucchi, Au delà du tombeau : Pyrame et Thisbé dans deux réécritures de la Renaissance italienne, in «Italique» 13, 2010, pp. 55-80.

5. Metam.VIII, 183-235: Dedalo e Icaro.

Volgarizzamenti: Agostini, Dolce, Dell'Anguillara. Testi: J. Sannazaro, Icaro cadde qui, queste onde il sanno; Tebaldeo, son. Di gran periglio son le grandi imprese; Tansillo, son. Poi che spiegate ho l'ali al bel desio.

Saggio: S. Prandi, Il volo, il desiderio, la caduta. Il tema di Icaro nella poesia italiana e francese del XVI sec., in «Italique», VII, 2004, pp. 101-135.4

6. Metam. X, 1-75: Orfeo e Euridice.

Volgarizzamenti: Agostini, Dolce, Dell'Anguillara. Testo: Poliziano, Fabula di Orfeo; An., Historia de Orpheo.

Saggi: B. Guthmüller, La Historia del Orpheo. Modelli e tecniche narrative, in Mito e metamorfosi nella letteratura italiana, cit., pp. 157-191; S. Carrai, Poliziano e il mito di Orfeo, in Le metamorfosi di Orfeo, a cura di A.M. Babbi, Verona, Fiorini, 1999, pp. 155-167.

7. Lavoro di gruppo e conclusioni


Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto