Mastering Com Development Using Microsoft Visual C++

Suntrade
A Genova e Milano

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

Descrizione

Obiettivo del corso: Questo corso su CD fornisce agli sviluppatori che utilizzano la piattaforma di sviluppo Microsoft® Visual C++® la preparazione necessaria per creare oggetti COM (Component Object Model) utilizzando Visual C++ e la libreria ATL (Active Template Library).

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Genova
Via Rolla 16 D/r, 16152, Genova, Italia
Visualizza mappa
Consultare
Milano
Via Sangro 10, 20132, Milano, Italia
Visualizza mappa

Domande più frequenti

· Requisiti

Per partecipare al corso, gli studenti devono:

  • Descrivere e utilizzare i concetti fondamentali di C++:
  • Costruttori e distruttori.
  • Funzioni virtuali.
  • Funzion...

  • Programma

    Introduzione
    Questo corso su CD fornisce agli sviluppatori che utilizzano la piattaforma di sviluppo Microsoft® Visual C++® la preparazione necessaria per creare oggetti COM (Component Object Model) utilizzando Visual C++ e la libreria ATL (Active Template Library).

    Obiettivi del corso

    Al termine del corso gli studenti saranno in grado di:
  • Utilizzare il modello COM per risolvere i problemi di sviluppo di software basato sui componenti.
  • Creare client di oggetti COM.
  • Creare server di oggetti COM.
  • Creare controlli ActiveX.
  • Utilizzare le estensioni di Visual C++ per creare client di oggetti COM.
  • Creare oggetti COM che riutilizzano oggetti COM esistenti.
  • Aggiungere eventi a client e oggetti COM.
  • Creare oggetti COM con interfacce doppie.

    Esami Microsoft Certified Professional
    Il corso consente allo studente di prepararsi al seguente esame Microsoft Certified Professional:

  • Da definire. Exam 70-XXX: [insert exam name here]

    Prerequisiti

    Per partecipare al corso, gli studenti devono:
  • Descrivere e utilizzare i concetti fondamentali di C++:
  • Costruttori e distruttori.
  • Funzioni virtuali.
  • Funzioni di conversione.
  • Sovraccarico di funzioni.
  • Sovraccarico di operatori.
  • Accessori.
  • Ereditarietà singola e multipla.
  • Modelli.

  • Utilizzare il sistema operativo Microsoft Windows® e la piattaforma di sviluppo Visual StudioT

    Il materiale didattico, le lezioni e le esercitazioni in laboratorio sono in lingua inglese. Per trarre il massimo vantaggio dal programma di studi, è necessario avere una discreta conoscenza della lingua inglese ed essere in possesso di tutti i requisiti specificati.

    Materiale didattico

    Il CD per gli studenti, il manuale del corso e il libro degli esercizi rimangono di proprietà degli studenti.
    Agli studenti verranno forniti i seguenti prodotti software da utilizzare durante le lezioni:
  • Microsoft Visual C++ Professional Edition

    Struttura del corso

    Giorno 1

    Capitolo 1: Introduzione al modello COM

    Argomento:
    Problemi relativi allo sviluppo del software che possono essere risolti grazie al modello COM (Component Object Model)
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Elencare e spiegare gli attuali problemi che gli sviluppatori di software dei componenti devono affrontare.
  • Elencare e spiegare le soluzioni esistenti per le tradizionale attività di sviluppo di software dei componenti.
  • Illustrare gli svantaggi delle diverse soluzioni per lo sviluppo di software dei componenti.
  • Elencare le soluzioni fornite da COM per la risoluzione dei problemi connessi allo sviluppo di software dei componenti.

    Capitolo 2: Creazione di un client di un oggetto COM

    Argomento:
    Creazione di un client di un oggetto COM utilizzando C++ Esercitazioni
    Registrazione di un oggetto COM
    Creazione di un client di un oggetto COM
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Descrivere la modalità di utilizzo delle stringhe da parte di COM.
  • Creare codice che inizializzi e annulli l'inizializzazione dei servizi COM.
  • Spiegare i CLSID, i ProgID, il relativo ruolo all'interno del registro e come questi vengono utilizzati dai servizi di sistema COM e dalle applicazioni client.
  • Creare codice in grado di realizzare e utilizzare un oggetto COM semplice.

    Capitolo 3: Creazione di un oggetto COM

    Argomenti:
    Nozioni fondamentali su COM
    Creazione di un oggetto COM semplice Esercitazioni
    Creazione di un oggetto COM semplice
    Creazione di codice in grado di realizzare e utilizzare un oggetto COM semplice
    Codifica della funzione WinMain per un server di oggetti COM di tipo out-of-process
    Creazione di un file di registro
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Spiegare il concetto di immutabilità in relazione alle interfacce.
  • Illustrare l'obiettivo dell'interfaccia IUnknown.
  • Elencare e descrivere i tre metodi dell'interfaccia IUnknown.
  • Spiegare il conteggio dei riferimenti e le relative implicazioni.
  • Descrivere, generare e utilizzare un GUID (Globally Unique Identifier).
  • Derivare una classe C++ da un'interfaccia e implementare tutti i metodi richiesti.
  • Creare una classe registrata per un oggetto COM.
  • Illustrare la differenza tra un oggetto COM e un server di oggetti COM.
  • Creare codice per la funzione WinMain di un oggetto COM semplice.
  • Registrare un oggetto COM.
  • Aggiungere codice alle funzioni del registro affinché COM sia in grado di supportare la registrazione automatica.
  • Creare un file di registro (.reg) e registrare manualmente un oggetto.

    Capitolo 4: Implementazione di più interfacce

    Argomento:
    Tecniche di implementazione di oggetti COM utilizzando più interfacce Esercitazioni
    Aggiunta di un'interfaccia a un oggetto utilizzando più eredità
    Modifica dell'operazione IUnknown::QueryInterface per riflettere le interfacce aggiunte
    Chiamata di QueryInterface in un'applicazione client per ottenere interfacce aggiuntive
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Utilizzare più eredità per aggiungere manualmente una seconda interfaccia a un oggetto COM semplice.
  • Aggiungere codice per una seconda interfaccia al metodo QueryInterface.
  • Creare un client che utilizzi un oggetto COM dotato di più interfacce.
  • Descrivere il layout VTBL di un oggetto COM in grado di supportare più eredità.

    Giorno 2

    Capitolo 5: Introduzione alla libreria ATL (Active Template Library)

    Argomenti:
    Struttura, principali funzionalità e utilizzo di base della libreria ATL (Active Template Library) per la creazione di componenti COM
    Utilizzo delle estensioni Visual C++ per creare un client di un oggetto COM Esercitazioni
    Utilizzo di ATL COM AppWizard per creare la shell per un oggetto COM
    Utilizzo della Creazione guidata oggetti ATL per aggiungere un oggetto COM semplice al progetto ATL
    Aggiunta manuale di interfacce esistenti al server di oggetti COM
    Utilizzo delle estensioni C++ e dei puntatori intelligenti per creare l'applicazione client di un oggetto COM
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Utilizzare ATL COM AppWizard per creare un server di oggetti COM.
  • Utilizzare la Creazione guidata oggetti ATL per aggiungere un oggetto COM semplice con un'interfaccia personalizzata a un progetto ATL COM.
  • Utilizzare le estensioni Visual C++ per semplificare la creazione di un'applicazione client COM.
  • Aggiungere manualmente un'interfaccia a un progetto ATL COM.
  • Descrivere i seguenti elementi di un progetto ATL COM: Mappa COM, mappa Object, CComModule, CcomObjectRoot e CComCoClass.

    Capitolo 6: Automazione

    Argomenti:
    Creazione di componenti COM in grado di supportare l'automazione
    Utilizzo di IDispatch per implementare l'automazione
    Interfacce
    Collegamento precedente e successivo
    Nozioni fondamentali su IDL (Interface Definition Language) Esercitazioni
    Utilizzo di OLE/COM Object Viewer per individuare e sfogliare i tipi di libreria
    Definizione di proprietà e metodi all'interno di IDL per un'interfaccia
    Utilizzo del compilatore MIDL per compilare IDL in vari tipi di librerie
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Aggiungere proprietà e metodi a un oggetto COM.
  • Identificare i tipi di dati che possono essere passati con l'automazione.
  • Creare un tipo di libreria.

    Giorno 3

    Capitolo 7: Interfacce doppie

    Argomento:
    Incrementare l'efficienza delle interfacce di automazione trasformandole in interfacce doppie
    Esercitazione
    Creazione di un componente tecnologico ActiveXT in grado di supportare l'automazione utilizzando le procedure guidate relative ad ATL
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Illustrare le differenze tra interfacce, interfacce doppie e interfacce personalizzate.
  • Definire un'interfaccia doppia con relativi metodi e proprietà all'interno di IDL (Interface Definition Language).
  • Descrivere i vantaggi e i limiti delle interfacce doppie.
  • Creare un'interfaccia doppia con ATL.

    Capitolo 8: Aggiunta di eventi

    Argomento:
    Utilizzo di classi ATL per aggiungere eventi a un oggetto COM e a un client MFC dell'oggetto COM Esercitazioni
    Creazione di un oggetto COM in grado di generare un evento
    Creazione di un client in grado di ricevere un evento generato da un oggetto COM
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Aggiungere la generazione di eventi a un oggetto COM generato da ATL.
  • Aggiungere un'interfaccia di gestione degli eventi a un client COM generato da MFC.
  • Spiegare il funzionamento degli eventi in COM da un punto di vista server e client.

    Giorno 4

    Capitolo 9: Creazione di un controllo ActiveX

    Argomenti:
    Creazione di un controllo ActiveX utilizzando ATL
    Elementi di base di ATL utilizzati per garantire il funzionamento di un controllo ActiveX, ad esempio la mappa dei messaggi e il metodo OnPaint
    Vari tipi di proprietà, quali proprietà di ambiente e del controllo stock
    Creazione di una pagina delle proprietà Esercitazioni
    Creazione di un controllo ActiveX utilizzando la Creazione guidata oggetti ATL
    Aggiunta di proprietà del controllo stock, proprietà personalizzata, metodo personalizzato ed evento personalizzato
    Riutilizzo di una classe della finestra esistente
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Creare un controllo con ATL.
  • Modificare il metodo OnDraw per creare l'output grafico per un controllo.
  • Creare una pagina delle proprietà.
  • Leggere le proprietà di ambiente.

    Capitolo 10: Riutilizzo di un oggetto in COM

    Argomenti:
    Riutilizzo degli oggetti in COM tramite contenimento e aggregazione
    Differenze tra eredità e aggregazione
    Differenze tra eredità dell'implementazione ed eredità dell'interfaccia
    Riutilizzo mediante contenimento COM
    Riutilizzo mediante aggregazione COM
    Creazione di un oggetto aggregato utilizzando ATL Esercitazioni
    Utilizzo di ATL per creare un oggetto COM che possa essere aggregato
    Utilizzo di ATL per creare un oggetto COM in grado di aggregare un altro oggetto COM
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Illustrare le differenze tra eredità dell'implementazione ed eredità dell'interfaccia.
  • Spiegare le differenze tra contenimento COM e aggregazione COM.
  • Creare un oggetto aggregato con ATL.

    Capitolo 11: Interfacce personalizzate

    Argomenti:
    Creazione e marshaling di interfacce personalizzate
    Creazione di una libreria DLL (Dynamic-Link Library) proxy/stub per il marshaling di un'interfaccia personalizzata
    Funzionamento dell'architettura marshaling standard in COM Esercitazioni
    Creazione di un'interfaccia personalizzata con ATL
    Creazione di una DLL proxy/stub DLL per un'interfaccia personalizzata
    Utilizzo dell'allocatore predefinito in COM per allocare e liberare dinamicamente la memoria
    Creazione di sintassi IDL per un'efficiente elaborazione delle matrici
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Spiegare il motivo per cui le interfacce personalizzate sono necessarie.
  • Creare in ATL un'interfaccia personalizzata in grado di funzionare indipendentemente dal processo.
  • Descrivere il processo utilizzato da una DLL proxy/stub per effettuare il marshaling dei tipi di dati.
  • Spiegare il motivo per cui il marshaling crea problemi di distribuzione e gestione della memoria.
  • Creare una DLL proxy/stub utilizzando ATL.

    Giorno 5

    Capitolo 12: Modelli di threading

    Argomenti:
    Modelli di threading COM
    Problemi di marshaling causati da modelli di threading eterogenei con client e server di tipo in-process e out-of-process Esercitazioni
    Identificare le combinazioni di modelli di threading più efficienti e quelle meno efficienti
    Identificare i thread che possono essere richiamati da un client a un server con vari scenari di modelli di threading
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Illustrare le differenze tra applicazioni a thread singolo, modelli di Apartment a thread singolo e modelli di Apartment a multithreading.
  • Descrivere come modelli di threading eterogenei con server in-process e out-of-process possano causare problemi di marshaling.
  • Identificare le chiavi di registro per i modelli di threading.

    Capitolo 13: Insiemi

    Argomenti:
    Creazione e utilizzo di componenti di enumerazione per realizzare un modello di oggetti
    Creazione di un modello di oggetti, formato da oggetti sia pubblici che privati, tramite servizi COM o alcuni metodi di creazione interni Esercitazioni
    Creazione di un insieme che contenga oggetti COM
    Creazione di un client che utilizzi un insieme
    Qualifiche

    Gli studenti saranno in grado di:

  • Aggiungere insiemi di proprietà singoli e su più livelli a un oggetto COM generato da ATL.
  • Creare codice sul lato client in C++ per l'esecuzione di istruzioni iterative sugli insiemi.
  • Creare e utilizzare oggetti di enumerazione.


  • Confronta questo corso con altri simili
    Leggi tutto