Operazioni di Pace. Gestione e Mediazione dei Conflitti

Università degli Studi di Firenze
A Firenze

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Firenze
Descrizione

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Firenze
P.zza San Marco, 4, 50121, Firenze, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

Obiettivi formativi specifici
Obiettivi formativi specifici
Il corso di laurea ?Operatori per la pace? dell' Università di Firenze ha lo scopo di formare una professionalità attiva nel lavoro di costruzione dei processi di pace.
La figura dell' ?operatore di pace? apre il campo ad una prospettiva professionale che, ricca delle esperienze formative accademiche, possa agire concretamente e pienamente nel tessuto sociale per valorizzarne le risorse e trasformarne gli elementi di conflittualità e sofferenza. Il corso, triennale con possibilità di prosecuzione nel biennio specialistico, sviluppa la formazione di personale esperto e qualificato nel campo dei ?peace studies? con molteplici forme di impiego, sia di base che dirigenziale, localmente e nel mondo della cooperazione allo sviluppo.
Il corso di laurea costituisce, nel panorama accademico italiano, una formulazione innovativa per iter e contenuti curriculari alla luce di quanto la Peace Research ha acquisito al suo patrimonio scientifico e culturale.
I laureati del corso triennale, alla fine del loro percorso di studio, dovranno:
?aver acquisito le capacità di ascolto e di osservazione necessarie a cogliere la nascita e lo sviluppo dei conflitti a vari livelli e a creare le condizioni per la loro trasformazione costruttiva
?aver raggiunto le competenze necessarie per la prevenzione, mediazione, negoziazione e gestione dei conflitti, per dar vita a processi che vadano verso il loro superamento e per la ricerca di soluzioni pacifiche e non distruttive ai problemi che sono a monte di essi.
?avere familiarità con i fenomeni della globalizzazione dell'economia, con le dinamiche interculturali e di genere e con le componenti antropologiche, sociali, culturali, economiche e istituzionali dello sviluppo, anche a livello locale
?essere in grado di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, la lingua inglese, di comunicare in una seconda lingua europea, e possibilmente in una lingua non europeaupossedere adeguati strumentie competenze per la gestione e la trasmissione delle informazioni.
Dovranno inoltre avere la capacità di
?collegare la ricerca (storica, sociologica, antropologica, giuridica, economica, ecc.) all'intervento operativo, sia preventivamente (per l'impostazione del progetto operativo), sia in itinere e a posteriori (per la valutazione della sua efficacia).
?essere capaci di lavorare in gruppo anche con persone di genere, cultura e lingua diversa dalla propria, di operare con definiti gradi di autonomia e di inserirsi prontamente e validamente negli ambienti in cui dovranno svolgere la loro attività.

Conoscenze richieste per l'accesso (art.6 D.M. 509/99)
Conoscenze richieste per l'accesso (art.6 D.M. 509/99)
Per iscriversi al Corso di Laurea in ?Operazioni di pace, gestione e mediazione dei conflitti? occorre aver conseguito un diploma di maturità di durata quinquennale oppure un Diploma di maturità quadriennale completato da un anno integrativo.
I giovani che intendono iscriversi al corso di laurea dovranno avere una buona conoscenza della lingua italiana, parlata e scritta, e gli elementi di base di una lingua straniera (inglese, francese, spagnolo), nozioni fondamentali di storia, di educazione civica, di geografia, di filosofia, familiarità con lo strumento informatico, capacità di comunicazione e di relazione.
Molta importanza per la buona riuscita degli studi e per l'utilizzazione della laurea hanno infine lo spirito di iniziativa, la capacità critica, quella di lavorare in gruppo, l'adattabilità a vivere in ambienti e situazioni diverse da quelle abituali, l'interesse culturale ed etico per la tutela dei diritti umani, per le tematiche del confronto interculturale e interreligioso, per i problemi dell'ineguaglianza, della discriminazione, della povertà, sia in ambiente locale e urbano, sia nei paesi in via di sviluppo, o coinvolti in guerre o conflitti etnici.

Caratteristiche della prova finale
Caratteristiche della prova finale
Sono ammessi alla prova finale gli studenti che hanno sostenuto le verifiche di tutte le attività formative nelle modalità previste dal corso di studio raggiungendo la certificazione di 174 CFU, comprese le lingue straniere, ed hanno svolto il tirocinio per il numero di ore previsto. Alla prova finale sono attribuiti 6 CFU.
l'accertamento delle conoscenze e delle competenze acquisite nel corso avviene mediante la discussione di un elaborato originale inerente gli argomenti del corso, che può consistere sia di una riflessione critica su temi teorici, che di un approfondimento in termini interpretativi, propositivi e progettuali dell'esperienza di tirocinio, che di un rapporto di ricerca realizzato direttamente dallo studente.

Ambiti occupazionali previsti per i laureati
Ambiti occupazionali previsti per i laureati
I laureati di questo corso di laurea possono svolgere attività professionali nella pubblica amministrazione, nelle organizzazioni non governative e del terzo settore, nelle istituzioni educative, nel sistema della cooperazione sociale e culturale e nelle organizzazioni internazionali. Le figure professionali individuabili nei diversi ambiti di intervento sono le seguenti:
?mediatori dei conflitti in vari contesti: scuola, lavoro, quartiere, enti locali e altre organizzazioni.
?operatori e coadiutori in operazioni di peace-building, peace-making, peace-keaping
?operatori della cooperazione, della tutela dei diritti, degli aiuti umanitari e della pace in organizzazioni intergovernative, governative e non governative. In questo campo le attività e le figure professionali che si stanno sviluppando a livello internazionale sono moltepici: monitori del rispetto dei diritti umani; osservatori elettorali; osservatori e facilitatori dei processi di democratizzazione; esperti della ricostruzione della società civile dopo la guerra e i conflitti interetnici violenti; mitigatori dei conflitti; esperti di risoluzione nonviolenta dei conflitti; operatori degli istituendi ?Corpi Civili di Pace? per l'intervento nonviolento in situazioni di conflitto;
?esperti nella progettazione e nel monitoraggio di interventi per la prevenzione e la trasformazione nonviolenta dei conflitti;
?addetti al coordinamento di attività nell'ambito degli interventi di cooperazione decentrata e azioni umanitarie, presso enti locali e istituzioni del privato sociale
?ricercatori dei Centri di ricerca per la pace, di Centri per la mitigazione, la mediazione e la trasformazione e risoluzione nonviolenta dei conflitti;
?formatori di formatori nel settore dell' educazione alla pace, alla nonviolenza, alla legalità e allo sviluppo umano, sociale ed economico
l'ampia consultazione preventiva di responsabili della mediazione, della cooperazione internazionale e degli aiuti umanitari in istituzioni governative e non governative e negli enti locali, ha confermato la domanda diffusa e le buone prospettive di inserimento occupazionale di queste figure professionali.

Lauree specialistiche alle quali sarà possibile l'iscrizione (senza debiti formativi)
1/S Lauree spec. in antropologia culturale ed etnologia
49/S Lauree spec. in metodi per la ricerca empirica nelle scienze sociali
60/S Lauree spec. in relazioni internazionali

Attività di base
Discipline giuridico-politiche

CFU 18
IUS/21: DIRITTO PUBBLICO COMPARATOSPS/02: STORIA DELLE DOTTRINE POLITICHESPS/04: SCIENZA POLITICA
Discipline storico-antropologiche

CFU 18
M-DEA/01: DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE M-STO/04: STORIA CONTEMPORANEA SPS/08: SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI
Istituzioni di economia e politica economica

CFU 6
SECS-P/01: ECONOMIA POLITICASECS-P/02: POLITICA ECONOMICATotale CFU 42

Attività caratterizzanti
Cooperazione e sviluppo

CFU 13
IUS/13: DIRITTO INTERNAZIONALESECS-P/01: ECONOMIA POLITICASECS-P/02: POLITICA ECONOMICA
Discipline antropologiche

CFU 18
M-DEA/01: DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE M-PSI/05: PSICOLOGIA SOCIALE SECS-S/04: DEMOGRAFIASECS-S/05: STATISTICA SOCIALE
Geografia e organizzazione del territorio

CFU 12
M-GGR/02: GEOGRAFIA ECONOMICO-POLITICA
Sociologia e sistemi sociali e politici

CFU 24
SPS/07: SOCIOLOGIA GENERALESPS/08: SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVISPS/10: SOCIOLOGIA DELL'AMBIENTE E DEL TERRITORIOSPS/12: SOCIOLOGIA GIURIDICA, DELLA DEVIANZA E MUTAMENTO SOCIALETotale CFU 67

Attività affini o integrative
Discipline giuridiche

CFU 6
IUS/02: DIRITTO PRIVATO COMPARATO
Informatica

CFU 6
INF/01: INFORMATICA
Istituzioni per lo sviluppo

CFU 12
IUS/14: DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEASPS/04: SCIENZA POLITICATotale CFU 24

Attività specifiche della sede
CFU 6
IUS/14: DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEAM-DEA/01: DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE M-PED/01: PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE M-STO/06: STORIA DELLE RELIGIONI MED/39: NEUROPSICHIATRIA INFANTILESECS-S/04: DEMOGRAFIASPS/10: SOCIOLOGIA DELL'AMBIENTE E DEL TERRITORIOSPS/12: SOCIOLOGIA GIURIDICA, DELLA DEVIANZA E MUTAMENTO SOCIALETotale CFU 6
Altre attività formativeA scelta dello studenteCFU 12Per la prova finaleCFU 6
Prova finale
CFU 6
Lingua straniera
CFU 9Altre (art. 10, comma 1, lettera f )
Totale
CFU 14Totale CFU 41

Totale Crediti CFU Operazioni di Pace. Gestione e Mediazione dei Conflitti 180
Docenti di riferimento

CECCATELLI Giovanna
ROTELLI Elena
STADERINI Alessandra

Previsione e programmazione della domanda
Programmazione nazionale delle

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto