Panantunkan (boxe filippina)

A.s.d. Extreme Martial Academy
A Pinerolo

50 
Chiedi informazioni a un consulente Emagister
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso
Livello Livello base
Inizio Pinerolo
Ore di lezione 8 ore di lezione
Durata 12 Mesi
Inizio lezioni Flessible
  • Corso
  • Livello base
  • Pinerolo
  • 8 ore di lezione
  • Durata:
    12 Mesi
  • Inizio lezioni:
    Flessible
Descrizione

Il Panantunkan e un'arte marziale Filippina molto nota anche in Occidente. Il termine deriva dalla lingua Filippina e significa letteralmente (combattimento a mani nude).

Informazioni importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Flessible
Pinerolo
Torino, Italia
Visualizza mappa
Inizio Flessible
Luogo
Pinerolo
Torino, Italia
Visualizza mappa

Cosa impari in questo corso?

Stima di se stesso
Grammatica di base

Programma

Il Panantukan è un vero e proprio insieme di regole, nato per la difesa personale e somiglia molto al pugilato. Si tratta di un’arte antica, praticata da oltre 100 anni nelle Filippine e nasce come evoluzione della tecnica del kali, pur differenziandosi moltissimo da essa. In Occidente viene insegnata come un’arte marziale a parte, mentre nelle Filippine è conosciuta come parte dell’Escrima.

E’ un’arte che non ha schemi molto rigidi ed è molto somigliante al pugilato, tuttavia si caratterizza per il fatto che il busto viene sempre protetto. Nel Panantukan si imparano ad utilizzare le mani come fossero un coltello. Non bisogna pensare però che si tratti di una tecnica rivolta solo all’attacco, al contrario si tratta di una tecnica difensiva. L’obiettivo è quello di schivare ogni colpo del nemico e contrattaccare con una raffica di colpi.

La base è quella di preventivare ogni attacco puntando sul minimo dispendio di energie. Si utilizzano le mani e molto anche le braccia, le ginocchia, il busto. Il Panantukan richiede inoltre un allenamento costante ed ottima preparazione fisica.

Le mosse base sono poche ma efficaci. Il primo punto è l’immobilizzazione degli arti dell’avversario creando una sorta di forbice. Il Panantukan utilizza anche lotta in piedi, che consiste nel girare attorno all’avversario per trovare il punto più vulnerabile al fine di colpirlo. Ciò si ottiene con pugni, calci e spintoni. Altra strategia fondamentale è quella di guardare agli angoli, che rappresentano la possibilità di colpire l’avversario nei punti di maggiore debolezza. E’ un arte estremamente veloce che ha come obiettivo principale quello di cogliere di sorpresa l’avversario.

Successi del Centro


Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto