Scienze Dell'Ingegneria Agraria

Università degli Studi di Bari
A Bari

Chiedi il prezzo
Vuoi parlare del corso con un consulente?
Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto

Informazione importanti

  • Laurea
  • Bari
Descrizione

Informazione importanti
Sedi

Dove e quando

Inizio Luogo
Consultare
Bari
Via Orabona 4, --, Bari, Italia
Visualizza mappa

Opinioni

Non ci sono ancora opinioni su questo corso

Programma

Obiettivi formativi specifici
PREMESSA
In base all'attuale legislazione, alcune delle attività di competenza del "Dottore Agronomo" richiedono una approfondita preparazione di tipo ingegneristico.
Infatti, alle attribuzioni già previste dalla vigente normativa se ne sono aggiunte altre, venendo a costituire una figura professionale la cui attività può spaziare: dalla progettazione sotto il profilo ingegneristico dei sistemi agricoli, agro-alimentari, zootecnici, forestali ed ambientali, alla collaborazione nella progettazione di sistemi complessi degli stessi tipi; dalle attività catastali, topografiche e cartografiche, alla certificazione di qualità aziendale in tutti settori (produzione, sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro, corretto inserimento nell'ambiente); dalla pianificazione del territorio rurale, allo svolgimento di mansioni di responsabile del servizio di prevenzione e protezione (ex D.L. n. 626/94) e di coordinatore per la sicurezza nelle fasi di progettazione ed esecuzione (ex D.L. n. 494/96) nell'ambito di attività ed opere inerenti il settore agro-forestale.
D'altra parte, la stessa normativa modifica sensibilmente la struttura degli esami di stato, per l'iscrizione ad una qualsiasi sezione dell'ordine professionale dei dottori agronomi e forestali, prevedendo una verifica della conoscenza dell'attuale legislazione nazionale e comunitaria in vari settori, compreso quello tecnico, nonché l'esecuzione di una prova pratica, articolata in un elaborato di pianificazione territoriale ambientale, ovvero in un progetto di massima corredato da disegni ed elaborati anche di carattere economico-estimativo.
L'istituzione di una laurea specialistica in Scienze dell'Ingegneria Agraria si propone appunto di formare un professionista agronomo specializzato nelle competenze sopra esposte, che sia in grado di rispondere in maniera esauriente alle esigenze del mercato specifico, inserendosi nelle realtà agro-forestali regionali e comunitarie.
OBIETTIVI FORMATIVI
Qualificanti
I laureati del corso di laurea specialistico in Scienze dell'Ingegneria Agraria devono:
· acquisire una preparazione tecnica che consenta una facile comprensione delle discipline, a carattere ingegneristico, di interesse agricolo;
· essere in grado di utilizzare sistemi informatici di elaborazione delle informazioni, sempre più utilizzati nell'attività professionale e nel sistema produttivo;
· possedere una valida preparazione di base, nonché un'adeguata conoscenza dei processi di filiera delle produzioni agrarie e delle industrie agro-alimentari;
· essere capaci di operare professionalmente nel settore dell'economia e dell'estimo rurale, attraverso anche nozioni del diritto della UE, acquisendo padronanza nella redazione di computi metrici estimativi, nelle stime, nonché nelle richieste di finanziamento e nella gestione delle imprese agro-industriali;
· conoscere le tecniche di progettazione di opere di ingegneria edile ed idraulica di interesse agrario, inclusa l'acquacoltura e gli apprestamenti protetti nonché quelle della tutela dell'ambiente agricolo e forestale;
· essere in grado di fornire consulenza nel settore meccanico-impiantistico alle aziende agricole, agli opifici di trasformazione ed alle industrie che costruiscono macchine agricole, ed impianti per il post-raccolta, la conservazione e la trasformazione di prodotti agro-alimentari;
· acquisire competenze professionali nel settore dell'ergotecnica, dell'infortunistica e della sicurezza, anche in relazione alla direzione ed alla gestione dei cantieri agroforestali assumendone le responsabilità di progetto e direzione lavori;
· conoscere le normative ed i protocolli per la distribuzione di prodotti ad elevato impatto ambientale (fitofarmaci, reflui ecc.) nonché le soluzioni meccaniche e tecnologiche di volta in volta più adeguate;
· conoscere le normative tecniche e le metodologie operative inerenti alle certificazioni di qualità dei prodotti agro industriali, agli aspetti ambientali, nonché a quelli connessi con la sicurezza e salute dei lavoratori;
· possedere adeguate nozioni di disegno, anche computerizzato, per produrre gli elaborati grafici previsti nella presentazione di progetti e richieste di finanziamento;
· possedere adeguate conoscenze nel rilevamento, interpretazione e restituzione cartografica con moderni sistemi informatici territoriali (GIS).
Specifici
Il laureato maturerà competenze e capacità tecnico-progettuali riguardanti i seguenti settori:
· progettazione di fabbricati di abitazione e di esercizio agricolo ed agro-industriale; attività fortemente interdisciplinare che richiede conoscenze dei cicli di produzione, delle esigenze degli animali e delle piante (ad es. colture protette) e delle possibilità di approvvigionamento e di risparmio energetico;
· progettazione e gestione di impianti irrigui;
· valutazione di impatto ambientale, sia dal punto di vista tecnico che economico estimativo;
· utilizzo della cartografia e dei sistemi informatici territoriali, capacità di rappresentazione con disegno tecnico, anche assistito da computer (CAD);
· lavori catastali, topografici e cartografici sia per il catasto rustico che per quello urbano;
· consulenza nella gestione delle imprese agricole ed agro-industriali;
· progettazione interprofessionale di strutture, impianti e macchine di particolare complessità;
· progettazione di soluzioni impiantistiche da adottare per il recupero ed il riutilizzo dei sottoprodotti e dei reflui delle attività agro-zootecniche e delle relative industrie di trasformazione;
· assistenza alle aziende agro-forestali e/o agro-industriali finalizzata al raggiungimento della qualità totale; igiene e sanità delle produzioni (HACCP); garanzie dell'azienda nei confronti dei clienti (ISO 9000); sicurezza e salute dei lavoratori sul luogo di lavoro e sui cantieri (D.L. 626/94 - D.L. 494/96); minimo impatto ambientale, taratura e controllo delle macchine per la distribuzione dei fitofarmaci e dei reflui sul terreno, smaltimento dei rifiuti e dei reflui (ISO 14000);
· responsabile nel settore della sicurezza nelle aziende e nei cantieri edili ed agro-forestali.

Caratteristiche della prova finale
La prova finale consisterà nella discussione orale di una dissertazione scritta avente carattere sperimentale o di ricerca e concernente uno degli argomenti che costituiscono gli obiettivi specifici del corso.

Ambiti occupazionali previsti per i laureati
La figura professionale dell'agronomo richiesta dall'attuale mercato del lavoro e dagli studi di previsione riguardanti il medio periodo, sia pure nella salvaguardia dell'unitarietà della professione, sembra così delinearsi:
· una professionalità più orientata al lavoro subordinato e/o dipendente, svolta nell'ambito di Enti territoriali e nella Pubblica Amministrazione;
· una figura più orientata all'esercizio della libera professione, della consulenza e gestione dei servizi alle imprese.
In relazione a quest'ultima figura se ne sottolinea la diffusione: dei 18.000 iscritti all'Albo Nazionale dei dottori agronomi, circa 8000 laureati in agraria esercitano l'attività professionale di agronomo in forma esclusiva.
Pertanto, è evidente che la preparazione dell'agronomo che opera nelle realtà agricole, non solo pugliesi ma anche del territorio dell'U.E., richiede, fra le altre, particolari competenze di ingegneria, tali da integrare le conoscenze agronomiche, zootecniche e forestali.
Il corso di laurea specialistico in Scienze dell'Ingegneria Agraria è orientato a formare un libero professionista, mediante un percorso formativo in grado di esaltare capacità di:
· progettazione e pianificazione, in ambito rurale, supportata da moduli didattici specifici di tipo ingegneristico;
· conoscenze tecnologiche, mediante processi formativi di tipo scientifico-naturalistico;
· conoscenze gestionali tali da sostenere servizi adeguati alle imprese.
SBOCCHI OCCUPAZIONALI
I laureati in Scienze dell'Ingegneria Agraria saranno essenzialmente progettisti preparati per:
· la libera professione nel settore dell'ingegnera agraria, affiancata a quella classica del dottore agronomo;
· la dirigenza negli enti pubblici operanti nel settore agronomico e nel controllo in materia di sicurezza dei lavoratori sul luogo del lavoro, igienico-sanitario ed ambientale;
· la dirigenza nelle aziende private agrarie, nelle industrie di trasformazione dei relativi prodotti, nonché nelle aziende che producono macchine ed impianti per queste produzioni;
· le attività di ricerca di base e/o applicata presso istituti e centri pubblici e privati;
· l'impiego nella pubblica amministrazione;
· l'insegnamento nelle scuole secondarie.
Attività di base
Discipline biologiche

CFU 12
AGR/07: GENETICA AGRARIABIO/01: BOTANICA GENERALEBIO/03: BOTANICA AMBIENTALE E APPLICATA
...

Confronta questo corso con altri simili
Leggi tutto