Istituto Informa

HSE Manager

Istituto Informa
A Roma

3.500 
+IVA
Chiedi informazioni a un consulente Emagister

Informazioni importanti

Tipologia Corso
Luogo Roma
Inizio Scegli data
  • Corso
  • Roma
  • Inizio:
    Scegli data
Descrizione

Istituto Informa amplia il catalogo della propria offerta formativa presentata su Emagister.it, presentando il corso HSE Manager. Un percorso formativo articolato e completo suddiviso in quattro moduli 100 ore), coordinati e usufruibili anche singolarmente. Il corso è rivolto a tutti coloro che intendono implementare le proprie capacità gestionali ed acquisire competenze manageriali nello svolgimento del proprio ruolo.

Il programma didattico è mirato per far acquisire allo studente competenze sulla normativa e sulle responsabilità connesse alla sicurezza sul lavoro e alla tutela dell’ambiente, implementazione di un sistema di gestione integrato sicurezza, qualità, ambiente ed etica, modalità di conduzione degli audit e gestione della fase di analisi del rischio per un appropriato piano di prevenzione.

Al termine della formazione, il corsista avrà acquisito gli strumenti più idonei per fronteggiare qualsiasi situazione di emergenza.
I partecipanti saranno in grado di prendere decisioni consapevoli basate su una corretta identificazione e conoscenza del profilo di rischio della propria azienda e di attuare le opportune misure di contenimento durante la gestione della crisi. Inoltre consolideranno il proprio ruolo strategico nella definizione delle policy aziendali e sostenere un processo di cambiamento all’interno dell’azienda.

Strutture (1)
Dove e quando
Inizio Luogo
Scegli data
Roma
VIA DELL'ACQUA TRAVERSA 187, 00135, Roma, Italia
Visualizza mappa
Inizio Scegli data
Luogo
Roma
VIA DELL'ACQUA TRAVERSA 187, 00135, Roma, Italia
Visualizza mappa

Da tener presente

· A chi è diretto?

Il corso si rivolge ad imprenditori, responsabili di aziende pubbliche e private, professionisti, consulenti, RSPP e a tutte quelle figure aziendali che hanno già maturato una notevole esperienza nel campo della prevenzione e della sicurezza e vogliono elevare il proprio ruolo ad un livello manageriale.

· In cosa si differenzia questo corso dagli altri?

Ogni partecipante riceverà la seguente documentazione: - volume “La normativa essenziale di sicurezza e salute sul luogo di lavoro con il prontuario degli adempimenti tecnico amministrativi” di M. Lepore, EPC - volume “Il sistema di gestione della sicurezza sul lavoro” di A. Terracina e S. Massera, EPC - e-book “I sistemi di gestione ambientale” di L. Fiorentini, EPC - volume “Safety Leadership e comunicazione efficace” di M. Servadio, EPC - “ABC contro lo stress lavoro correlato”, manuale ad uso dei lavoratori, di D. De Santis, EPC - raccolta inedita di relazioni e presentazioni dei docenti, su pen drive.

Domande e risposte

Comunicaci i tuoi dubbi,altri utenti potranno risponderti

Opinioni

4.0
Valutazione del corso
100%
Lo consiglia
4.3
fantastico
Valutazione del Centro

Opinioni sul corso

E
ex corsista
4.0 14/11/2017
Il meglio: Corso davvero ben fatto
Da migliorare: nulla
Consiglieresti questo corso?:
* Opinioni raccolte da Emagister & iAgora

Successi del Centro

2017

Come si ottiene il marchio CUM LAUDE?

Tutti i corsi devono essere aggiornati

La media delle valutazioni dev'essere superiore a 3,7

Più di 50 opinioni degli ultimi 12 mesi

10 anni del centro in Emagister.

Cosa impari in questo corso?

ISO 14001
Benessere
Salute
ISO
Audit
Ergonomia
Emergenza
Leadership
Prevenzione
Rischi sul lavoro
Prevenzione igiene nei luoghi di lavoro
Servizi
Analisi del rischio
Prevenzione rischi
Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro
Antinfortunistica
Coordinatore della sicurezza
Gestione dei rischi
Coordinatore sicurezza
Sicurezza sul lavoro

Programma

"Il corso è articolato in 4 moduli per un totale di 12 giorni (100 ore di formazione): i moduli e le giornate sono fruibili anche singolarmente.

I MODULO
Normativa, obblighi e responsabilità
Roma, 21 - 22 - 23 marzo 2018


1° giorno - Salute e sicurezza sul lavoro
- Sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
- Organi di vigilanza e procedure ispettive
- Soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D. Lgs. 81/08: compiti, obblighi, responsabilità
- Delega di funzioni
- Responsabilità civile e penale
- Sistema sanzionatorio.

2° giorno - Tutela dell’ambiente
- Gestione dei rifiuti: normativa, classificazione, sistema autorizzatorio e modifiche alle procedure semplificate di gestione, sistema sanzionatorio e introduzione delle sanzioni per le violazioni al SISTRI
- Tutela delle acque: normativa, soggetti preposti ai controlli, sistema sanzionatorio
- Inquinamento del suolo e bonifiche siti inquinati: normativa, procedure amministrative, ripristino ambientale, sistema sanzionatorio
- Inquinamento atmosferico: normativa nazionale, disciplina dell'inquinamento atmosferico di origine industriale, sanzioni amministrative e penali dopo i correttivi
- VIA, VAS, IPPC E AUA: norme procedurali generali e di semplificazione amministrativa.

3° giorno - Responsabilità d’impresa: D. Lgs. 231/01
- D. Lgs 231/01: le figure coinvolte e i soggetti interessati
- Reati presupposto: i più frequenti
- I principi generali del Codice Etico
- Sistema Disciplinare e Sanzionatorio
- L’Organismo di Vigilanza: poteri e operatività
- Il Modello 231 e la sicurezza sul lavoro
- Le azioni strategiche per la società nel caso di indagini.

II MODULO
Sistemi di Gestione integrata ed attività di Audit
Roma, 18 - 19 - 20 aprile 2018


1° giorno
Linee guida per la conduzione di Audit dei Sistemi di gestione (UNI EN ISO 19011:2012)
- Le attività di verifica sui Sistemi di Gestione
- Le attività di audit (prima, seconda e terza parte)
- Il programma di audit
- Il processo di audit
- Le caratteristiche e competenze degli auditor.

Sistema di gestione Sicurezza (BS OHSAS 18001:2007)
- L’approccio sistemico alla gestione della sicurezza
- La BS OHSAS 18001
- Significato e opportunità della certificazione
- Le novità della ISO 45001 (DIS2).

2° giorno
Sistema di gestione Ambientale (UNI EN ISO 14001:2015)
- L’approccio sistemico alla gestione ambientale
- La UNI EN ISO 14001:2015
- Il concetto di “Gestione del rischio” secondo la nuova norma
- Le principali differenze tra la UNI EN ISO 14001:2004 ed il “nuovo approccio”

Sistema di gestione Qualità (UNI EN ISO 9001:2015)
- I Principi fondanti del modello sistema di gestione
- I processi ed il ciclo di Deming
- Il collegamento con i processi di gestione dei rischi
- Il Famework di integrazione dei diversi Sistemi di Gestione ed in particolare i possibili punti di contatto/contrasto Qualità e Sicurezza

3° giorno
Modello 231: interattività con gli altri sistemi di gestione
- Il codice etico e la politica di un Sistema di Gestione integrato
- Bilancio di sostenibilità e reporting non finanziario
- Il modello WCM ed il Pillar Safety
- I processi operativi e gestionali nel rischio di impresa

Responsabilità d’impresa: UNI ISO 26000:2010 e SA 8000
- La UNI ISO 26000: struttura e principi
- La mappatura degli stakeholder
- La matrice di materialità
- Il processo di integrazione con la SA 8000.

III MODULO
Analisi e gestione del rischio
Roma, 16 - 17 - 18 maggio 2018


1° giorno
L’analisi del rischio in ambito salute sicurezza e impatto ambientale
Il controllo economico della prevenzione: investimenti nella sicurezza, analisi costi/benefici, azioni di miglioramento
- Il concetto di rischio
- Gli standard ISO applicabili
- L’analisi razionale del rischio
- Decidere in condizioni di incertezza
- Il ritorno dell’investimento di sicurezza.

2° giorno
Gestione delle situazioni di crisi e di emergenza
Identificazione delle procedure di emergenza
- Gestione dell’emergenza e mitigazione del rischio
- Piani di emergenza e condizioni tecniche per la minimizzazione dell’impatto
- Crisis management
- Case histories.

3° giorno
Ruolo del HSE Manager:
- La necessità di confronto ed integrazione dell’analisi del rischio tipica del ruolo con gli altri processi di analisi dei rischi condotte dall’Organizzazione in altri ambiti, ad esempio: ISO 14000, OHSAS 18000, ISO 9001, ISO 27000; ISO 22301
- Il framework di gestione dei rischi basato sullo standard ISO 31000
- Il Processo di analisi e trattamento del rischio
- Un possibile modello di integrazione

Crisis management e business continuity
- La salute e sicurezza dei lavoratori, la gestione della crisi e gli obiettivi di continuità operativa
- Procedure di emergenza, procedure di gestione degli incidenti e piani di continuità operativa
- La necessità di coordinamento e cooperazione tra il HSE Manager ed il Business Continuity manager
- Cenni al modello di gestione della continuità operativa basato sullo standard ISO 22301.

IV MODULO
Aspetti relazionali
Roma, 20 - 21 - 22 giugno 2018


1° giorno
Safety leadership: saper utilizzare la leadership come potenziamento dell’azione manageriale
- Riconoscere e superare i paradigmi che ostacolano il proprio potenziale di leadership
- Le tre E del Safety Leader: Engagement, Enablement, Energy
- Come instaurare una comunicazione efficace e potenziare il proprio livello di influenzamento:
• il modello dei colori di Ned Hermann e il Whole Brain
• gli strumenti della leadership a colori: problem solving, visioning, piani di azione, motivazione
- Safety Leadership e sviluppo della cultura di sicurezza:
• Il BE SAFETY come nuova strategia d’intervento e metodologia operativa ad alto impatto
• I connettori di sicurezza: gestione dell’errore, pensiero previsionale. power distance, retroazione e reiterazione delle informazioni.

2° giorno
Cultura di sicurezza e comportamenti a rischio: i diversi approcci scientifici oggi possibili
- Migliorare la sicurezza secondo un approccio comportamentista
- Gli approcci cognitivo e psicosociale al miglioramento dei comportamenti a rischio
- Il miglioramento dei comportamenti sicuri nell’approccio ergonomico e dell’affidabilità
- Resilienza e cultura di sicurezza
Fattore umano ed ergonomia per il miglioramento della sicurezza e la riduzione degli errori:
- Ergonomia fisica (biomeccanica e altri aspetti)
- Ergonomia cognitiva (interfaccia uomo-macchina, carico mentale)
Ergonomia organizzativa

3° giorno
Cosa si intende per benessere organizzativo
Benessere organizzativo e fattori psicosociali di rischio
- Cosa sono i fattori psicosociali di rischio
• Aspetti organizzativi che possono causare danni
• Aspetti sociali che possono causare danni
- Dai fattori di rischio ai possibili danni: stress e altre manifestazioni
- Valutazione dei fattori di rischio psicosociale
o Valutare il rischio stress
o Valutare i rischi di violenze (incluse molestie, mobbing)
o Valutare i rischi derivanti dalle differenze (di genere, età, provenienza, ecc.)
- Gestione dei fattori psicosociale di rischio (prevenzione primaria, secondaria, terziaria)
- Comportamenti a rischio come manifestazione di fattori psicosociali.
"

Ulteriori informazioni

Durante lo svolgimento del corso saranno offerti 2 coffee break: uno la mattina (alle ore 11.00 circa) ed uno nel pomeriggio (alle ore 16.00 circa) allestiti nella hall dell'Istituto Informa.
Per le colazioni di lavoro i partecipanti saranno accompagnati, dal personale di Informa, presso il ristorante "Mamma Italia" in Via dell'Acqua Traversa 196.

Gli utenti che erano interessati a questo corso si sono informati anche su...
Leggi tutto